Putin: "Nessun gendarme mondiale potrà fermare i Paesi del mondo che vogliono sviluppare una politica indipendente"

Putin: "Nessun gendarme mondiale potrà fermare i Paesi del mondo che vogliono sviluppare una politica indipendente"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

In un discorso all'Eurasian Economic Forum, oggi, il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato che "sempre più paesi nel mondo vogliono sviluppare e svilupperanno una politica estera indipendente", nonostante i tentativi di alcune potenze di frenare i loro piani.

"Nessun poliziotto mondiale sarà in grado di fermare questo processo globale e naturale", ha aggiunto.

In questo contesto, Secondo Putin sono "irrealistici e impensabili" i tentativi di diversi paesi di "cacciare" la Russia dal sistema economico globale, ricordando che “se non ci isoliamo [dal mondo] con un muro, nessuno sarà in grado di isolare un Paese come la Russia”.

"Politica miope"

Secondo Putin si tratta di una politica poco saggia, dal momento che le sanzioni imposte dall'Occidente a Mosca finiscono per avere ripercussioni in tutto il mondo. "Per quanto stabili possano essere le economie dei paesi che sviluppano questo tipo di politiche miopi, lo stato attuale dell'economia mondiale mostra che la nostra posizione è corretta e giustificata", ha spiegato il leader russo.

Evidenziando, però, che queste "economie sviluppate" stanno attualmente registrando la massima inflazione degli ultimi 40 anni, mentre la disoccupazione cresce e le catene di approvvigionamento vengono interrotte. "Il furto di beni esteri non ha mai portato nulla di buono".

"Abbiamo intenzione di sviluppare"

Ha anche osservato che per la Russia "nulla è cambiato radicalmente". In particolare, Putin ha si è riferito al ritiro di alcune società internazionali dal mercato russo, una mossa che potrebbe essere vantaggiosa per le imprese locali e regionali che "occuperanno questa nicchia". "Le nostre attività e il nostro settore sono già cresciute e entreranno con successo nel percorso tracciato dai nostri partner".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti