Reportage esclusivo nella resistenza al golpe dall'Altiplano della Bolivia. "Combatteremo. Il nostro popolo non sarà mai più sconfitto"

Reportage esclusivo nella resistenza al golpe dall'Altiplano della Bolivia. "Combatteremo. Il nostro popolo non sarà mai più sconfitto"

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


 
Testo e foto: Andre Vltchek*
 
 
Bolivia, dicembre 2019, tre settimane dopo il colpo di stato fascista. Fa diabolicamente freddo. L'auto che mi guida sta navigando attentamente attraverso le tracce di fango profondo. Enormi cime innevate sono chiaramente visibili in lontananza.


 



L’ amato Altopiano boliviano, ma sempre in qualche modo ostile, silenzioso, impenetrabile.
 

Tante volte, in passato mi sono avvicinato alla morte qui. In Perù e in Bolivia. Più spesso in Perù.
 

Ora, quello che faccio è totalmente pazzo. Essendo un sostenitore del presidente Evo Morales dall'inizio fino a questo momento, non dovrei essere qui; in Bolivia, nell'Altopiano. Ma ci sono, perché queste capanne di fango a sinistra e a destra sono così familiari e così care a me.
 

La mia guida, il mio compagno, è un contadino boliviano, un uomo indigeno. Le sue mani sono rosse, ruvide. Di solito non parla molto, ma dopo il colpo di stato non riesce a smettere di parlare. Questo è il suo paese; il paese che ama e che gli è stato rubato, a lui, a sua moglie e a i suoi figli.
 

Entrambi possiamo essere fregati qui, ma se lo facciamo, quella è la vita; conosciamo il rischio e siamo felici di assumerlo.
 

Carlos (non il suo vero nome), il mio autista e un amico, ha spiegatomi spiega:
 
“Ho chiamato loro, gli anziani, e hanno detto che è ok che tu venga. Ho inviato loro i tuoi saggi. Sai, la gente qui ora legge, anche nei villaggi profondi. Dopo 14 anni di governo di Evo, l'intero paese è coperto dalla rete di telefonia mobile. Leggono le tue cose tradotte in spagnolo. A loro è piaciuto quello che hanno letto. Hanno accettato di darti una dichiarazione. Ma mi hanno detto: "Se non è davvero uno scrittore di sinistra russo-cinese, ma invece un po 'di cretino di Camacho, gli spezzeremo la testa con una pietra". "
 

Camacho; Luis Fernando Camacho, fascista, membro del movimento nazionalista golpista appoggiato dagli Stati Uniti, e presidente del Comitato Civico di Santa Cruz dal 2019. Un grande avversario di Evo Morales, un uomo che durante le elezioni generali boliviane del 2019, si schierò con L'ovest, con il prezioso esercito boliviano (addestrato negli Stati Uniti), e ha chiesto le dimissioni di Evo, il 5 novembre 2019.
 

So bene con quello che dicono. Stiamo andando.
 

Saliamo e poi, a circa 4.100 metri sul livello del mare, saliamo ancora.
 



Si sta costruendo una nuova, ampia strada. Certo, è un progetto dai tempi della presidenza di Evo.
 

Ma non è solo l'edificio stradale che può essere rilevato intorno a noi. Ci sono torri d'acqua e pompe per l'acqua e rubinetti in ogni villaggio. L'acqua è gratuita, per tutti. Ci sono scuole, centri medici e strutture sportive e campi attentamente frequentati.
 

L'unità è lunga, dura. Ma a un certo punto, vediamo alcuni autobus e macchine parcheggiati sulla cima di una collina.
 

C'è un piccolo altopiano e un gigantesco oratore bianco seduto in mezzo al campo.
 

Le persone in abiti colorati sono sparse in tutto il sito: uomini, donne e bambini. Un gruppo di anziani è seduto in un cerchio chiuso. Stanno cantando e il loro appello viene trasmesso attraverso l'oratore. Stanno affrontando ciò che è sacro per loro: la Madre Terra. Hanno bisogno di forza per andare avanti, lottare, difendersi.
 

Prima sono letteralmente "scannerizzato" dalla gente e solo allora mi è permesso di avvicinarmi agli anziani. Spiego chi sono e presto le formalità sono finite.
 

"Per favore, registra ma non filmare i nostri volti, per sicurezza", mi viene detto. "Ma più tardi, puoi filmare l'incontro."
 

Poco dopo mi siedo e iniziano a parlare:
 
“La situazione in cui viviamo in questi giorni nel nostro paese, nelle comunità quassù, nelle comunità andine è molto difficile. In realtà ci sentiamo frustrati, spesso abbandonati perché durante il precedente governo guidato dal presidente Evo Morales, noi come agricoltori e indigeni, ci sentivamo molto bene. Anche se, a volte, non abbiamo ricevuto troppo aiuto, il governo, lo stesso presidente Evo Morales, è del nostro stesso sangue, della nostra stessa classe. Per questo motivo, lo stavamo sostenendo. E continuiamo a supportarlo. "
 




“E questo, quello che abbiamo, ora è una dittatura. Dicono il contrario, ma è un governo fascista. È un governo che sta bruciando la Wiphala, il nostro simbolo. Ci disonora. Ci sentiamo umiliati, ci sentiamo discriminati. Per questo motivo, ci rendiamo conto che non possiamo fallire; non possiamo restare qui in questo modo, continueremo a combattere. Ci saranno elezioni nel nostro paese e continueremo a sostenere quella persona che ha elevato il nostro nome; il nome dei nativi, degli operai, dei lavoratori e dei poveri ".
 

“In primo luogo, andremo alle elezioni, se ovviamente ci saranno elezioni. Andremo a sostenere la nostra gente; i nostri leader. Nel caso in cui producano frodi elettorali, allora sì, aumenteremo! ”
 

Dissi loro che conoscevo il loro paese e l’Altiplano da più di 25 anni. Tutto è cambiato. I villaggi costituiti da capanne di fango hanno preso vita. Si svegliarono, iniziarono a sbocciare. L'acqua per tutti ha iniziato a scorrere attraverso i tubi forniti dal governo. Le ambulanze moderne sono a disposizione, servendo tutti gli angoli della nazione. I centri sanitari hanno aperto le porte a milioni di studenti, così come le scuole e i centri di vocazione. Sono state costruite nuove strade. Il governo ha incoraggiato l'agricoltura ecologica.
 

La Bolivia, che per decenni e secoli ha vissuto sotto mostruoso apartheid, è stata sfruttata, umiliata e derubata di tutto, ma ultimamente ha iniziato a rialzarsi.
 

Ho detto loro questo. Dissi loro come venivo qui, ancora e ancora, negli anni '90, dal Perù; un paese devastato dalla cosiddetta "Guerra sporca" che ho descritto nel mio romanzo "Punto di non ritorno". Il Perù era terribilmente rotto, ma qui, in Bolivia, la gente era mezzo viva. Non c'era speranza, solo silenziosa, spaventosa miseria.
 

Ora la Bolivia, una volta il paese più povero del Sud America, è molto più avanzata del Perù, uno stato che è stato incessantemente cannibalizzato dal modello economico neoliberista, mentre era ancora diviso razzialmente e socialmente all'estremo.
 

Ho chiesto agli anziani se fossero d'accordo. Mi hanno detto di si.
 

"Certamente. Perché con i nostri occhi abbiamo visto enormi cambiamenti economici e abbiamo assistito alla nascita della Bolivia e, dopo quei 14 anni, siamo andati avanti rispetto a tutta questa regione latinoamericana ”.
 

Ho filmato, fotografato.
 

Prima di andare, una donna anziana si è avvicinata alla macchina e ha urlato qualcosa in una lingua locale.
 

Carlos ha tradotto:
 
“Combatteremo tutti quegli esseri malvagi che si sono dichiarati i nostri sovrani. Se non scompaiono, presto chiuderemo di nuovo le strade tra El Alto e La Paz e dovranno mangiare i propri escrementi. Il nostro popolo non sarà mai più sconfitto. Dillo ovunque tu vada! ”
 

Ho detto che lo farò.
 
*
 
Nel 1971, il grande scrittore, giornalista e poeta uruguaiano, Eduardo Galeano, pubblicò il suo libro Le Vene Aperte dell’America Latina, che divenne presto il tomo più importante per i pensatori e i rivoluzionari di sinistra latinoamericani.
 

All'interno del libro, che veniva regolarmente bandito in tutto il continente, Galeano aveva scritto di quei 500 anni di mostruosi saccheggi, inganni e crudeltà, commessi da europei e nordamericani contro il popolo dell'America centrale e meridionale. Alcuni dei crimini più terribili sono stati commessi sul territorio che ora è la Bolivia, in particolare nelle miniere d'argento della città di Potosi, che ha contribuito a rendere l'Europa ricca, ma le cui decine di migliaia di persone sono morte, costrette a vivere e lavorare come schiavi.
 

Non molto tempo prima che morisse, ho lavorato con Eduardo Galeano nel suo caffè, nella città vecchia di Montevideo.
 

Fu durante i giorni inebrianti dell'ondata di "Pink Revolutions". Stavamo celebrando le nostre vittorie, condividendo la speranza per il futuro.
 

Ma ad un certo punto, Eduardo fece una pausa e disse semplicemente:
 

“Sai, tutti i nostri compagni che detengono il potere ora devono stare molto attenti. Devono capire che i poveri che li hanno votati o che li hanno supportati quando stavano prendendo il potere, hanno lasciato solo una cosa nella loro vita, e questa è la speranza. Tu porti via la loro speranza e loro non hanno più nulla. Derubarli della speranza è come ucciderli. Ecco perché, ogni volta che incontro i nostri leader di sinistra, e lo faccio molto spesso, dico sempre loro: 'Compagni, attenzione, non giocate con la speranza! Non promettere mai alle persone ciò che non puoi offrire. Mantieni sempre la parola. "
 

Juan Evo Morales Ayma, il primo presidente indigeno boliviano, capì perfettamente Galeano e il suo lavoro. Lui e il suo Movimento per il socialismo (MAS) non hanno mai tradito la fiducia dei poveri. Questo è il motivo per cui non è mai stato perdonato dall'Occidente e da molti individui provenienti dalle preziose élite boliviane e dai militari.
 

*
 

Dopo il mio incontro con i leader indigeni, ho chiesto a Carlos di guidarci in giro per l’Altiplano, senza alcun piano particolare. Volevo parlare con le persone; ai più poveri dei poveri della Bolivia.
 

Ad un certo punto, arrivammo in un piccolo borgo. Un cane con una gamba rotta ci ha accolto con un abbaiare forte ma innocuo. C'erano due pecore vicino all'ingresso della casa. Un anziano contadino, sua moglie cieca e una figlia lavoravano nel campo.
 

Non avevano paura di parlare, anche di essere registrati e fotografati, purché promettessi di non rivelare i loro nomi.
 




Al contadino mancava metà dei denti e si sporgeva da un lato, ma i suoi pensieri e le sue parole erano chiari:
 

“Grazie a Evo per tutto. C'è il suo lavoro e parla da sé; quella strada, infrastruttura. Anche questa casetta che abbiamo è grazie a lui. ”
 

"Qui non vogliamo quel cosiddetto presidente Añez. Vuole ingannarci, ci mente. Siamo con il MAS; tutti noi qui supportiamo fortemente il MAS. Stiamo sostenendo nostro fratello Evo. Abbiamo sempre sofferto qui, ma Evo è arrivato con progetti eccellenti ... ma ora tutti i progressi si fermeranno. "
 

La figlia ha forse 14 anni. È un prodotto del governo di Evo. Ben vestita, con bei bicchieri, parla fluentemente. Le sue parole sono ben formulate:
 

“Quei leader del colpo di stato non hanno pietà di noi. Ci hanno sparato, picchiato e gasato. Hanno violato le nostre donne. Ultimamente, le nostre madri, i nostri padri hanno sofferto tremendamente a La Paz. Le persone sono rimaste ferite, le persone sono morte e l'esercito e i capi del colpo di stato non hanno pietà. Non vogliamo essere schiavi, come prima. Dopo il colpo di stato, il nuovo governo ha detto cose terribili sul nostro presidente; cose che non ci piacciono affatto. Non vogliamo essere schiavi, né essere schiacciati da quella nuova signora-presidente e dal suo popolo. Lei è una razzista. La verità è che è troppo razzista. Ci chiamano "indios" e dicono cose su di noi che ci rendono furiosi. Ci discriminano in tutti i modi possibili. "
 

"Ma non perdi la speranza?" Ho chiesto.
 

"Non lo so", sorrise. “Sono con il MAS. E il MAS tornerà vittorioso. Sconfiggeremo coloro che sono dietro al colpo di stato. "
 

Siamo partiti, dirigendoci verso la strada principale.
 

"Ancora una fermata", chiesi a Carlos.
 

Guidammo, a caso, verso un'abitazione parzialmente danneggiata.
 

"Che cosa è successo qui?" Ho chiesto.
 

I membri della famiglia hanno parlato l'uno sull'altro:
 

“A novembre, Camacho ha inviato qui diversi autobus pieni dei suoi sostenitori, da Potosi. Sono arrivati ??e hanno iniziato a picchiarci, insultandoci, uccidendo i nostri animali e distruggendo le nostre case. Ci hanno costretti in ginocchio, legandoci le mani dietro la schiena. Ci hanno chiamato i nomi più offensivi. Ci hanno umiliati. Hanno detto che è finita, che ora sapremo di nuovo a che cosa apparteniamo. "
 

Ho chiesto a Carlos se avesse già sentito queste storie. Lui rispose, senza pensare:
 

"Ovviamente. Puoi chiedere a chiunque quassù e confermeranno ciò che hai appena sentito."
 

Prima di scendere a La Paz, a El Alto, ho chiesto a Carlos di fermarsi in diversi luoghi, dove a novembre sono morte decine di persone, bloccando la capitale come protesta contro il colpo di stato e costringendo Evo Morales all'esilio.
 

I fori di proiettile che danneggiarono le pareti erano ancora visibili ed erano chiaramente contrassegnati. Lì c'erano dei fiori, dove la gente era caduta. Presto, speriamo molto presto, ci saranno monumenti.
 

I graffiti di El Alto parlavano chiaramente e ad alta voce:
 

"Añez, ti cacceremo via - tu colpevole!", "Añez - dittatore!" E "Añez - assassino!".
 
 
*
 
Solo un anno e mezzo fa, ho assistito a grandi feste a El Alto. Ho filmato processioni colorate, gente che ballava, fuochi d'artificio. Ho ammirato i nuovi spazi pubblici, le funivie super moderne, le piscine pubbliche e i campi da gioco costruiti per i bambini.
 

Ora, la città sembrava un cimitero. Era lugubre, silenzioso, cupo.
 

L'enorme Monte Illimani, il simbolo di questa antica terra, era coperto di neve. Adesso era bello, ma è sempre stupendo, sia nei periodi migliori che durante i disastri. La Paz, seduto in un enorme cratere, era chiaramente visibile dall'alto.
 

"Gli Yankees stanno arrivando", mi ha detto Carlos. “Sai, Añez ha ripristinato i legami diplomatici con Washington. E le loro spie e agenti stanno inondando l'ambasciata; tutti in abiti civili, ovviamente ... "
 

"Con le spalle coperte dai tesori dell'esercito boliviano", dissi sarcasticamente.
 

Carlos rimase in silenzio per qualche tempo. Quindi decise di parlare:
 

“Quando ero giovane, ero anch'io nell'esercito. A Cochabamba, sai, durante le crisi idriche e la ribellione popolare mirava a liberare l'acqua. Non ti ho mai detto. Erano tempi difficili. La gente si ribellò e alcuni morirono. La nostra unità era composta principalmente da soldati indigeni. Gli ufficiali erano bianchi; quasi tutti lo erano. A un certo punto, facciamo loro sapere che non spareremmo ai nostri fratelli e sorelle. Si misero i pantaloni: capitani, colonnelli; avresti dovuto vederli: stavano correndo in giro, in caserma e fuori, senza segni dei loro ranghi. Sai, ad un certo punto, se ci avessero costretti a massacrare la nostra gente, avremmo rifiutato e invece li abbiamo massacrati ”.
 

"Sono stati addestrati in Occidente?" Ho chiesto.
 

"Molti, sì."
 

“E adesso Carlos? E adesso?
 

Iniziò a sussurrare, anche se nessuno sembrava essere nei paraggi:
 

“Ho due parenti nell'esercito. Ho parlato con uno di loro, qualche giorno fa. È lo stesso di quando prestavo servizio a Cochabamba. I ranghi superiori sono con gli Yanquis, ma le truppe, la maggior parte, sono con il MAS; sono con Evo. Vedi, se c'è un ammutinamento, e ben presto potrebbe essercene uno, presto, allora Añez, Camacho e i loro amici del gringo saranno presto fottuti! ”
 

 
*
 

Sono andato al lussuoso hotel Suites Camino Real a La Paz, per pranzo. Ho dovuto vedere "loro", l'altro lato. Quelli che importano carne di manzo squisita dalla provincia di Santa Cruz, quelli che la consumano qui, quelli che ora stanno celebrando.
 

E festeggiamenti c’erano.

 
Diverse parti si stavano svolgendo, contemporaneamente. Le persone saltellavano, si abbracciavano, urlavano come un matto. Tutto bianco, tutto “alto e bello”, tutto biondo, perossido o reale. Il vino scorreva.
 

La maggior parte dei camerieri erano indigeni, vestiti con abiti occidentali; zitti e incerti.
 

Ho incontrato un ex grande economista del governo di Evo, Ernesto Yañez, che a un certo punto è stato vicepresidente della Banca centrale della Bolivia. È stato sicuro incontrarsi qui. Abbiamo trovato un angolo tranquillo dove parlare:
 

“Sicuramente chiamo quello che è successo qui, un colpo di stato. Non ci sono state frodi elettorali ".
 

"Senza dubbio, gli anni di Evo al potere sono stati contrassegnati da una grande stabilità economica. Soprattutto all'inizio, non c'erano quasi problemi economici. Il tasso di povertà è diminuito dal 55% a meno del 30%. La qualità della vita è aumentata notevolmente. "
 

"Nella relativamente povera Bolivia, i tassi di povertà sono più bassi rispetto al paese più ricco del continente, l'Argentina, dopo il regno del neoliberista Presidente Macri", non ho potuto fare a meno di menzionare.
 

"Sì, ma dopo il colpo di stato, l'economia qui sta crollando", ha detto Ernesto Yañez.
 

Sei mesi fa, ero qui e ci sono stati scioperi violenti da parte dei medici in tutta la Bolivia. Molti di loro erano stati istruiti gratuitamente dallo stato, ma dopo ciò, chiedevano un sistema medico neoliberista, in cui medici e infermieri avrebbero ottenuto stipendi irrealisticamente elevati. Molti medici cubani sono stati impiegati dal governo, in tutto il paese, al fine di migliorare l'assistenza medica.
 

Ernesto Yañez ha inoltre chiarito:
 

"Durante il governo di Evo, milioni di persone sono passate dalla classe media a quella inferiore. Molti di loro erano giovani. Il che significa, prima del colpo di stato, e dopo 14 anni di dominio MAS, molti giovani della classe media non avevano idea di cosa significhi vivere nella miseria. Hanno dato per scontati tutti i risultati di Evo e MAS. Quindi, quando sono arrivate alcune difficoltà, incluso il rallentamento dell'economia dopo il 2014, le hanno viste come i fallimenti del governo di Evo ".

 
“Sai, ad esempio i dottori che hai citato; pensavano che se avessero abbattuto il MAS, tutte le loro richieste sarebbero state immediatamente soddisfatte dal governo di destra. Non è mai successo Ora non hanno idea di cosa fare. "

 
"Lo stesso che a Santa Cruz", concordai con lui. “I prezzi del carburante e dei servizi pubblici stanno salendo. Ora i giusti realizzeranno che cosa significa realizzare il loro sogno: un regime neoliberista. Si stanno pentendo; disperati"
 

Ernesto Yañez ha concluso:
 

“Sai, Evo ha arricchito anche molti uomini d'affari boliviani. Il paese e la sua economia sono stati molto stabili, per anni. Prima di salire al potere, i grandi protagonisti erano nordamericani, europei e cileni. Durante il suo mandato, le aziende boliviane hanno avuto la priorità. Le élite boliviane erano sempre razziste, per loro, Evo era "un Indio mas" (solo un altro indiano). Ma hanno nascosto bene i loro sentimenti. È perché Evo ha fatto bene le cose. Ha cambiato questo paese in meglio, quasi per tutti. "
 

“Ma ora le cose sono andate di male in peggio. Il nuovo presidente arriva con la Bibbia e la croce, brucia Wiphala e la gente muore. Ora gli indigeni vogliono indietro Evo. "
 

E non solo gli indigeni, anche se quasi tutti gli indigeni che ho incontrato questa volta in Bolivia, lo fanno.
 

*
 

Ho camminato fino a Plaza Murillo a La Paz, dove si trovano il Palazzo Presidenziale e il Congresso Nazionale della Bolivia.
 

La polizia e i militari erano ovunque. Durante il governo di Evo, questo era uno spazio tranquillo, aperto, pieno di alberi verdi, bambini e piccioni.


 

Davanti al Congresso Nazionale, diverse donne vestite con bellissimi abiti indigeni, si stavano radunando, parlando tra loro. Questi erano deputati del MAS.
 



Ho tirato fuori le mie macchine fotografiche e mi sono avvicinato a loro. Immediatamente, i tizi della sicurezza in borghese, si sono avvicinati, ma le due deputate mi fecero gesti protettivi con le braccia, mi sorrisero e hanno respinto gli agenti di sicurezza: "Lasciatelo in pace, è con noi".
 

Sapevo che non avevamo tempo e ho chiesto solo una cosa: "Siamo ancora in piedi, compagni?"
 



Non hanno esitato:
 

“Siamo in piedi. Non ci sconfiggeranno. Il MAS è il governo legittimo della Bolivia. "
 

E quindi, questo è ciò che sto segnalando dalla Repubblica Plurinazionale della Bolivia:
 

Il paese è sotto attacco dagli Stati Uniti e dai suoi alleati. È stato ferito dai suoi quadri, sia militari che civili. Il sangue è stato versato. Il legittimo presidente e vicepresidente sono in esilio.
 

Secondo Reuters, "il ministro boliviano cerca l'aiuto di Israele nella lotta contro il presunto" terrorismo "di sinistra". Che sarebbe il governo legittimo.
 
 
Ma il paese è in piedi. Le persone non sono in ginocchio. In primo luogo ci sarà un voto, ma se ci sono frodi da Washington o dall'Organizzazione degli Stati americani (OAS), ci sarà una lotta.
 
 
Evo Morales e il MAS hanno vinto le recenti elezioni. Non è assolutamente possibile che il MAS non vincerà di nuovo. Ho parlato con la gente e ora, ancor più di prima, stanno chiudendo i ranghi attorno al movimento verso il socialismo che ha reso la Bolivia una delle più grandi nazioni dell'emisfero occidentale.
 
 
Gli indigeni della Bolivia e il resto del Sud America non sono mendicanti o schiavi. Molto prima dell'arrivo di quei brutali fondamentalisti religiosi e saccheggiatori mal educati - i conquistatori spagnoli - erano i proprietari di questa bellissima terra. La loro civiltà era molto più grande di quella dei loro tormentatori.
 
 
Il governo di Evo ha fatto molto di più che migliorare la situazione sociale nel suo paese. Ha iniziato a invertire 500 anni di crudele ingiustizia in questo continente. Ha dato potere ai senza potere. Restituì orgoglio alle persone che erano state derubate di tutto.
 

Washington mostra chiaramente dove si trova. Nonostante la sua ipocrita "correttezza politica", è dalla parte del razzismo, del colonialismo e dell'oppressione fascista. Invece di difendere la libertà, la opprime. Invece di promuovere la democrazia (che è "regola del popolo"), sta violentando la democrazia: qui in Bolivia e altrove.
 

Fino a quando la Bolivia non sarà di nuovo libera, l'intero mondo che ama la libertà dovrebbe agitare il Wiphala.
 

Gli anziani dell'Altiplano hanno inviato un chiaro messaggio al mondo. Le elezioni avranno luogo, ma se il popolo verrà derubato del proprio governo, ci sarà una rivolta e una battaglia epica.
 

Purtroppo, se ci sarà una battaglia, alcune persone si uniranno alla Terra. Ma anche la Madre Terra non resterà inattiva, si unirà al suo Popolo.
 

Añez insieme ai suoi simboli colonialisti, è già stata maledetta dalla maggioranza del popolo boliviano, così come Camacho e molti altri traditori. Ma forse, tecnicamente, non sono "traditori", dopo tutto. Le loro alleanze sono verso quelle nazioni che avevano attaccato e saccheggiato questa parte del mondo, per diversi lunghi secoli.
 

Dopo 500 anni di tormento e umiliazione, la madre Terra, Pachamama, sta abbracciando i suoi figli. Evo e MAS li hanno riuniti. Questo è un momento straordinario nella storia. La gente qui lo capisce. Le élite razziste europee se ne rendono conto. Washington ne è ben consapevole.
 

In questo momento, c'è un momento di silenzio; breve.
 

Se i leader del colpo di stato fascista non ridaranno il potere, ci saranno enormi tuoni e il popolo di Altiplano si alzerà, con Wiphala in mano, supportato dalla loro antica e sacra Terra.


*Andre Vltchek is a philosopher, novelist, filmmaker and investigative journalist. He has covered wars and conflicts in dozens of countries. Five of his latest books are “China Belt and Road Initiative: Connecting Countries, Saving Millions of Lives”, China and Ecological Cavillation with John B. Cobb, Jr., Revolutionary Optimism, Western Nihilism, a revolutionary novel “Aurora” and a bestselling work of political non-fiction: “Exposing Lies Of The Empire”. View his other books here. Watch Rwanda Gambit, his groundbreaking documentary about Rwanda and DRCongo and his film/dialogue with Noam Chomsky “On Western Terrorism”. Vltchek presently resides in East Asia and the Middle East, and continues to work around the world. He can be reached through his website and his Twitter. His Patreon


Pubblichiamo su esclusiva dell'Autore. Il reportage è stato pubblicato anche in inglese su 21WIRE

Potrebbe anche interessarti

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

Uscire dal lockdown delle menti Uscire dal lockdown delle menti

Uscire dal lockdown delle menti

Keynes contro il capitalismo di Thomas Fazi Keynes contro il capitalismo

Keynes contro il capitalismo

Il "crimine" della sedia che nasconde quelli veri di Erdogan di Giuseppe Masala Il "crimine" della sedia che nasconde quelli veri di Erdogan

Il "crimine" della sedia che nasconde quelli veri di Erdogan

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti