Roma consegna la Cittadinanza Onoraria ad Assange: che non resti solo un simbolo

Roma consegna la Cittadinanza Onoraria ad Assange: che non resti solo un simbolo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Giulia Bertotto

Chiunque voglia la verità è sempre spaventosamente forte

M. Dostoevskij

Nel pomeriggio di martedì 17 ottobre, finalmente l’amministrazione capitolina si è espressa: dopo Napoli e Reggio Emilia anche Roma consegna la sua cittadinanza onoraria a Julian Assange, giornalista ed editore di Wikileaks in carcere dal 2013 nel Regno Unito per aver fatto il suo lavoro senza piegarsi alle convenienze del momento e alle bandiere dei più forti.

Roma è la prima capitale nel mondo a conferire a Julian Assange la cittadinanza onoraria e questa presa di posizione è un messaggio al mondo molto significativo in queste ore di altissima tensione internazionale.  Il Campidoglio, al momento vestito della bandiera arcobalenica affiancata da quella israeliana, ha deliberato la mozione 83/2023 (a firma dei Consiglieri Raggi, Meleo, Ferrara, De Santis, Diaco). Nelle stesse ore l’ospedale battista di Gaza veniva colpito da un raid israeliano dove si erano rifugiate famiglie di civili. Più di 500 i morti secondo le prime stime.

La delibera è stata approvata con 22 voti favorevoli su 22 votanti, mentre i presenti in sala Giulio Cesare erano 34. Scroscianti gli applausi dei sostenitori del cofondatore di WikiLeaks, da parte delle associazioni FreeAssange Italia e Italiani per Assange e degli attivisti pro-Assange i quali, tenacemente, hanno sempre presenziato ai tentativi di discussione falliti in questi mesi.

Quello che ora dobbiamo augurarci è che questo segnale non resti una vuota formalità, ma sia un faro sulle condizioni del giornalista australiano e sulla situazione in cui versa l’informazione occidentale e italiana. Il nome e l’operato di Assange dovrà essere diffuso dai mezzi stampa, Tv e radio; i colleghi di Assange non potranno più tirarsi indietro e dovranno invece impegnarsi a far conoscere la figura di Assange, per mezzo dell’organizzazione di proiezioni, dibattiti, eventi al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica e invitarla alla partecipazione attiva. Non c’è davvero più tempo, per la sua vita e per un tentativo di ricerca della verità che possa salvarci dalla Terza guerra mondiale.

Assange ha bisogno di tutti noi e tutti noi abbiamo bisogno di giornalisti come lui, che facciano un servizio anche alle verità più inaccettabili per la nostra coscienza collettiva.

È il momento che l’Occidente faccia lo sforzo di specchiarsi nelle proprie azioni, nei propri crimini di guerra, nelle proprie pretese di importare una democrazia strumentale e ipocritamente xenofoba e che mediti sul proprio passato.

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Meloni al contrattacco di Pasquale Cicalese Meloni al contrattacco

Meloni al contrattacco

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba di Andrea Puccio La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti