Russia, torna il carro armato sovietico T-55

Russia, torna il carro armato sovietico T-55

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Conosciamo bene gli sforzi della Russia per costruire un’aviazione militare potente ed efficiente. A tal proposito Mosca non lesina gli sforzi e i risultati sembrano premiare la strategia, tanto che il presidente Putin non ha esitato nel definire l’aviazione militare di Mosca come la migliore al mondo. 

Ma gli sforzi della Russia nel settore difesa non si fermano all’aviazione. La Difesa russa migliora in ogni settore. Anche nel settore dei tank da combattimento è giunto il momento di ammodernare. Omsktransmash (parte del produttore di difesa Uralvagonzavod all'interno della società tecnologica statale Rostec) sta tenendo colloqui con potenziali clienti per l'aggiornamento dei carri armati sovietici T-55, ha detto il CEO della compagnia Igor Lobov alla TASS in occasione di Army-2021. 

"Abbiamo sviluppato varie opzioni per modernizzare il carro armato T-55. Attualmente stiamo trattando con vari clienti e siamo pronti a lavorare in questa direzione, se necessario", ha detto l'amministratore delegato, rispondendo a una domanda sul possible aggiornamento dei tank T-55.

Il carro armato T-55 è il primo veicolo corazzato prodotto in serie al mondo dotato di un sistema automatico di protezione contro un attacco nucleare. Era in grado di impegnarsi in operazioni di combattimento nella guerra nucleare.

Il T-55 è un derivato del carro armato T-54 ed è stato prodotto dal 1958 al 1979. È stato anche il primo carro armato nelle truppe ad ottenere il sistema di protezione reattiva dell'armatura Drozd. Il T-55 e la sua modifica T-55A furono ampiamente esportati e sono ancora operativi in ??molti eserciti stranieri. Secondo vari dati, le imprese di difesa sovietiche hanno prodotto un totale di circa 50.000 carri armati T-55.

Il forum tecnico-militare internazionale Army-2021 si è tenuto presso il Patriot Congress and Exhibition Center di Mosca dal 22 al 28 agosto, ed è stato il luogo dove la Russia ha mostrato tante novità e progetti in ambito difesa. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso) di Marinella Mondaini La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO