Sacha Llorenti - La NATO contro Evo Morales

Sacha Llorenti - La NATO contro Evo Morales

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Sacha Llorenti* - La Razon

Chi si limita a leggere il titolo di questo articolo potrebbe trovarlo eccessivo o esagerato. Tuttavia, se si guarda indietro a 10 anni da un episodio che ha messo in allarme l'intero pianeta, ci si rende conto che il titolo è azzeccato.

Evo Morales si trovava a Mosca per partecipare al Forum dei Paesi esportatori di gas. Il 2 luglio 2013 è salito a bordo dell'aereo presidenziale FAB 001 per tornare in Bolivia. Mentre volava nei cieli europei, su quello che sembrava un volo di routine, Portogallo, Spagna, Italia e Francia hanno posto un assedio invalicabile, annullando bruscamente i permessi di volo precedentemente concessi.

L'aereo aveva carburante sufficiente solo per raggiungere le Isole Canarie, dove avrebbe dovuto fare rifornimento. I piloti furono costretti a cercare un aeroporto vicino e riuscirono a fare un atterraggio di emergenza nella neutrale Austria. L'aereo è rimasto a Vienna per 14 ore. Presumevano che Edward Snowden si trovasse a bordo.

Poche settimane prima, i media di tutto il mondo avevano pubblicato le rivelazioni del contractor statunitense Snowden, che aveva fornito più di 200.000 documenti sui numerosi tentacoli extraterritoriali dello spionaggio statunitense in tutto il mondo.

Snowden, dipendente dell'agenzia di intelligence statunitense NSA (National Security Agency), incontrò i giornalisti a Hong Kong. Lì dimostrava l'agghiacciante portata della vasta rete di intercettazione di tutte - sì, proprio tutte - le comunicazioni digitali, radiofoniche e analogiche con sensori e cavi sottomarini, e la memorizzazione di tutte - sì, proprio tutte - le e-mail, gli audio, i video, le fotografie, la posizione, i contatti, i documenti e le password di miliardi di utenti delle principali compagnie e piattaforme Internet e telefoniche.

Il pretesto per un sistema di spionaggio così imponente era la lotta al terrorismo. Tuttavia, le rivelazioni di Snowden hanno rivelato che veniva utilizzato anche per ottenere vantaggi nelle trattative commerciali, industriali o militari. Si è così scoperto che si spiavano anche, ad esempio, la presidente Dilma Rouseff o la cancelliera Angela Merkel, in violazione del diritto internazionale.

Snowden lasciò Hong Kong e rimase per 40 giorni nella sala di transito dell'aeroporto di Mosca, perché gli Stati Uniti avevano invalidato il suo passaporto e lui era in attesa di un Paese che gli concedesse asilo. Gli Stati Uniti e i loro alleati pensavano che sarebbe salito sull'aereo presidenziale boliviano in cerca di asilo. Snowden non era sull'aereo, ma sarebbe stato diritto della Bolivia fornirgli protezione.

Sarebbe ingenuo supporre che la decisione di impedire il passaggio di un aereo presidenziale con il presidente a bordo, con l'aereo e il passeggero protetti dalle più chiare immunità diplomatiche, non sia stata presa ai massimi livelli. I responsabili di questo gravissimo attacco furono: il Premio Nobel per la Pace e Presidente degli Stati Uniti Barack Obama, il Primo Ministro spagnolo Mariano Rajoy, il Presidente francese Françoise Hollande, il socialdemocratico Passos Coelho, Primo Ministro del Portogallo, ed Enrico Letta, Presidente del Consiglio italiano.

Dall'altra parte della medaglia, la risposta sudamericana fu esemplare: guidata da Rafael Correa, Cristina Fernández de Kirchner e Nicolás Maduro, l'Unasur teneva una riunione d'emergenza, il Mercosur richiamava i suoi ambasciatori per consultazioni. Inoltre, presso la sede delle Nazioni Unite, due terzi degli Stati, raggruppati nel Movimento dei non allineati e nel Gruppo dei 77, condannavano l'aggressione.

I mezzi di spionaggio sono indubbiamente molto più sofisticati al giorno d'oggi, ma restano due lezioni ineludibili: per i potenti le regole non valgono e per i popoli l'unica strada possibile è l'unità.

*Segretario Esecutivo di ALBA-TCP

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

 

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti