Petroliere dell'Iran dirette in Siria protette dalla Russia

Petroliere dell'Iran dirette in Siria protette dalla Russia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Fonti private hanno rivelato a Sputnik Arabic l'istituzione di una sala operativa (russa, iraniana, siriana) con l'obiettivo di garantire un flusso sicuro e stabile di forniture di petrolio, grano e altri materiali alla Siria che viaggiano attraversano il Mediterraneo.

Le fonti hanno indicato che nell'ultimo periodo si sono tenuti intensi incontri, che hanno incluso rappresentanti di Russia, Iran e Siria, con l'obiettivo di rompere il soffocante blocco USA-Europa imposto alla Siria.

Le fonti hanno indicato che il lavoro della missione è garantire un coordinamento su più lati per garantire l'arrivo del petrolio in primo luogo, soprattutto dopo la crisi del carburante che è la più grande a cui la Siria abbia assistito da decenni.

Le fonti hanno rivelato che il meccanismo approvato prevede che le navi da guerra russe scortino le petroliere iraniane in arrivo in Siria, non appena raggiungono la porta mediterranea del Canale di Suez, e fino a raggiungere le acque territoriali siriane, al fine di proteggerle dalla pirateria o qualsiasi attacco di natura diversa.

Per quanto riguarda il meccanismo di funzionamento delle navi che trasportano petrolio greggio, la fonte ha spiegato: “L'approvvigionamento di petrolio continuerà nel prossimo periodo attraverso la raccolta di un certo numero di navi iraniane e l'invio in Siria in un unico lotto, a condizione che la marina russa la flotta nel Mediterraneo assumerà la sicurezza del loro accesso ai porti siriani ininterrottamente fino alla fine di quest'anno".

Le fonti di Sputnik hanno sottolineato che il nuovo meccanismo ha, nei giorni scorsi, garantito un accesso sicuro ai porti siriani, a 4 petroliere iraniane scortate da navi da guerra russe, che trasportavano petrolio greggio oltre al gas naturale.

La pubblicazione precisa che una serie di navi arriveranno in successione in Siria, con derrate alimentari e alcune materie prime primarie per le industrie farmaceutiche, preferendo non specificare la loro fonte per non essere prese di mira in alto mare.

Le fonti hanno aggiunto che il recente coordinamento tripartito, che ha portato a intese che potrebbero essere descritte come (strategia), garantirebbe la maggior parte dei bisogni del mercato siriano di materie prime e materiali di base, sottolineando che la questione si sarebbe riflessa sul terreno entro pochi giorni.

Allo stesso tempo, le navi da trasporto russe continuano a trasportare grandi quantità di grano in Siria, nel contesto di contratti firmati in tempi precedenti, e sono attualmente in fase di attuazione, e si prevede che le forniture di grano russo continueranno fino alla fine di giugno, il che significa che la Siria sta ora assicurando il suo fabbisogno di farina fino alla metà del 2022.

Il successivo arrivo di forniture di grano alla Siria mette fine alla profonda crisi del pane che i siriani stanno attraversando da diversi mesi.

Se Trump rubava il petrolio alla Siria e bruciava i campi di grano con Biden è "diverso": oltre il greggio trafugati, il grano non lo brucia, ma lo rivende.

Sia con Trump che con Biden questo crimine è commesso con la complicità delle milizie filo-curde.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Cuba e i numeri Covid   di Francesco Santoianni Cuba e i numeri Covid

Cuba e i numeri Covid

Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo di Marinella Mondaini Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo

Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti