/ Sciopero generale in Francia. Mélenchon elogia la posizione di Le...

Sciopero generale in Francia. Mélenchon elogia la posizione di Le Pen. "I suoi elettori sono i benvenuti in piazza"

 

Ricordando le differenze politiche tra le due forze, il leader di France Insoumise Jean-Luc Mélenchon ha accolto l'invito di Marine Le Pen a scendere in piazza contro la riforma delle pensioni di Macron e ha dichiarato che i membri della RN sono i "benvenuti" all'evento.


Jean-Luc Mélenchon mette da parte la sua animosità politica e a Marsiglia, intervistato dai giornalisti prima della partenza del corteo dei manifestanti, ha elogiato la posizione assunta da Marine Le Pen, che ha invitato a scendere in piazza contro la riforma delle pensioni. "Anche la signora Le Pen afferma che si deve manifestare, è un grande passo avanti", ha detto, ricordando i suoi soliti punti di disaccordo con il presidente della RN. "Sta facendo progressi verso l'umanesimo. Non mi lamento di questo", ha aggiunto.

Melenchon ha accolto gli elettori della Le Pen. "Per quanto riguarda i suoi membri [di RN] in piazza sono i benvenuti, perché oggi arrivano in abiti da ferroviere, operaio, elettricista ...", ha concluso.



 
Anche se ha dato il suo sostegno "senza riserve" ai manifestanti e ha detto di aver capito "perfettamente che c'è un giorno di sciopero", la Le Pen ha dichiarato che non sarebbe andata a protestare da sola. Al contrario, altri dirigenti del suo partito dovrebbero essere in strada, come il tesoriere del partito Waller e Saint-Just e Jean-Baptiste. Lin Lacapelle, delegato nazionale, ha lanciato una petizione di raccolte firme per "un referendum: a favore o contro la riforma delle pensioni". Marine Le Pen ha invitato i francesi a "esprimere il loro disaccordo" con il piano del governo. Dalla parte dei ribelli, tutti i leader hanno pianificato di battere il pavimento. La Francia insubordinata ha anche sviluppato un "controprogetto" di riforme, realizzato con l'aiuto di economisti. In particolare, prevede una modulazione dei contributi aziendali basata su obiettivi sociali ed ecologici. Le aziende che trasferiscono, inquinano o non rispettano la parità di retribuzione per uomini e donne vedrebbero aumentare i loro contributi. Gli altri manterrebbero i loro contributi agli importi attuali e non otterrebbero prestiti a tasso zero per i loro investimenti.
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa