Senatore russo Vorona sul caso Ariston. "La somma dei fondi russi congelati in Italia è superiore a qualche miliardo di euro"

Senatore russo Vorona sul caso Ariston. "La somma dei fondi russi congelati in Italia è superiore a qualche miliardo di euro"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Intervenendo a Radio Roma il 9 maggio scorso, il senatore russo Dymitri Vorona appartenente alla Commissione economica ha commentato il caso dell'azienda Ariston. “Il termine nazionalizzazione non è giuridicamente corretto. E’ un trucco giornalistico dei media occidentali solo per demonizzare la Russia”. Nel decreto indicato, ha proseguito, è precisato come si tratti di una risposta temporanea russa in risposta alle "azioni dei paesi ostili".

“La somma dei fondi russi congelati in Italia è superiore a qualche miliardo di euro, mentre il fatturato dell’Ariston è solo di 92,5 milione di euro", ha proseguito.

Sulle parole dure della Meloni contro il decreto russo, Vorona ha commentato: “Sono le restrizioni imposte dalla Russia che sono illegittime, vietate dalla Carta delle Nazioni Unite. Per queste aziende, tra cui l'Ariston, non è cambiato nulla. Mantengono l’operatività e tutto il personale riceve gli stipendi".

Per il futuro "molto dipenderà dai passi dell’UE e l’Italia sui fondi russi sequestrati" ha chiarito il senatore russo. 

Sulle sanzioni occidentali, il senatore ha dichiarato come "hanno fatto bene alla nostra economia, l'hanno stimolata. Il nostro Pil e domanda interna crescono. I settori dipendenti in passato dalle importazioni sono oggi indipendenti". Sulle nuove possibili sazioni minacciate dall'UE, conclude così: "Non le temiamo. Tutto quello che l’occidente farà continuerà ad avere lo stesso effetto boomerang”.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Il macronismo al suo ultimo atto? di Paolo Desogus Il macronismo al suo ultimo atto?

Il macronismo al suo ultimo atto?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani di Giacomo Gabellini Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora di Giuseppe Masala Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti