Shireen Abu Akleh. L'uccisione a sangue freddo della giornalista di Al Jazeera che non indigna il "mondo libero"

Shireen Abu Akleh. L'uccisione a sangue freddo della giornalista di Al Jazeera che non indigna il "mondo libero"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Chissà quanta indignazione susciterà nei media nostrani e d’oltreoceano, l’uccisione a sangue freddo da parte di Israele della giornalista dell’emittente del Qatar, Al Jazeera, Shireen Abu Akleh,  che da anni documentava i crimini di Tel Aviv nella Palestina occupata.

"In un tragico omicidio premeditato che viola le leggi e le norme internazionali, le forze di occupazione israeliane, a sangue freddo, hanno ucciso la nostra giornalista, Shireen Abu Akleh", ha denunciato la stazione televisiva del Qatar in una dichiarazione pubblicata poche ore fa, rilevando che il suo produttore Ali al-Samudi è stato anche "attaccato da un colpo alla schiena durante la copertura e ora è in ricoverato".

Nella nota si condanna “questo efferato crimine” delle forze del regime di occupazione israeliano, che cerca di impedire alla stampa di fare il suo lavoro.

Data questa situazione, Al Jazeera ha chiesto alla comunità internazionale di condannare questo atto e di ritenere Israele responsabile per "aver deliberatamente ucciso" la sua corrispondente.

Non ci sono dubbi che la comunità internazionale resterà di nuovo silente di fronte a queto ennesimo crimine.

Il "terrorismo di stato" di Israele deve finire

Da parte sua, il ministro degli Affari esteri del Qatar, attraverso la portavoce Lolwah al-Jater, ha denunciato che la giornalista di Al Jazeera nei Territori palestinesi occupati ha perso la vita a causa di un colpo "in faccia" delle forze israeliane nonostante indossasse un gilet con la scritta “Stampa”.

“Stava coprendo un attacco nel campo profughi di Jenin. Il terrorismo di stato israeliano deve cessare”, ha lamentato Al-Jater attraverso un messaggio sul social network Twitter.

Allo stesso modo, la portavoce ha sottolineato nel suo tweet che è essenziale porre fine al "sostegno incondizionato" al regime di occupazione di Tel Aviv.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci di Francesco Erspamer  Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci

Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci

Ucraina, Draghi come Badoglio di Giorgio Cremaschi Ucraina, Draghi come Badoglio

Ucraina, Draghi come Badoglio

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa di Alberto Fazolo Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti