Simpatizzare per "il circo miliardario della Liga"? Il Fatto Quotidiano e l'offensiva mediatica del liberismo

Simpatizzare per "il circo miliardario della Liga"? Il Fatto Quotidiano e l'offensiva mediatica del liberismo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Francesco Erspamer*


L’offensiva mediatica del liberismo è incessante e sistematica, ed è efficace perché invece di proporre ideologie o ideali, che richiedono alti livelli di attenzione (e che comunque sono stati marginalizzati negli anni novanta insieme alla Storia, grazie alla collaborazione di liberal e radicali e chissà perché con grande soddisfazione della sinistra dura e pura), agisce a livello di pulsioni elementari e di banalità quotidiane. Basta aprire un giornale, basta ascoltare un talk show, basta dare un’occhiata ai post più popolari: un’alluvione di cazzate insegna alla gente l’individualismo, la superficialità, il cinismo necessari per accettare di rinunciare a una realtà certo imperfetta ma migliorabile con l’impegno e la lotta, e di accontentarsi invece delle illusioni della virtualità ossia di un mondo di celebrity e altre fantasie.



Un esempio? Un articolo sportivo del “Fatto quotidiano” di oggi in cui si invitano i lettori a simpatizzare per il circo miliardario della Liga spagnola perché “in ginocchio” a causa della pandemia: il che non significa che calciatori, allenatori, giornalisti, procuratori e i tanti parassiti che li circondano dovranno adattarsi a fare mestieri normali, pagati alcune migliaia di euro al mese e non al giorno; macché, si tratta di riduzioni dal 30 al 50% di compensi milionari, e solo per quest’anno. Ma il giornalista non ci sta: il rischio, afferma, è che i giocatori migliori (ma ovviamente li chiama “top player”, con inutile ma immancabile anglicismo) – vengano “tentati a migrare verso altri campionari più ricchi”. Ecco, è qui che dal gossip sportivo si passa alla propaganda liberista: lasciando capire che l’unico scopo dell’esistenza umana sia arraffare quanto più possibile anche quando si ha già molto e anche in un momento per tanta gente davvero difficile e tragico.

Homo homini lupus suggerisce insomma il “Fatto”, echeggiando il filosofo, Hobbes, che trasformò l’individualismo e l’avidità tipiche del capitalismo in una caratteristica “naturale” e pertanto inevitabile. Come se Messi, se invece di cento milioni all’anno ne avesse guadagnati dieci o anche solo uno, non sarebbe stato un campione. Certo che lo sarebbe stato: ma le multinazionali e i loro servi, come dicevo, lavorano a tempo pieno per persuadervi che la loro smodata avidità sia la norma. Non lo è: i lupi in realtà sono animali molto gregari e così è la maggioranza degli abitanti della Terra, italiani inclusi. Ma perderemo lo stesso se continueremo a dare spazio ai cattivi maestri mediatici.


*Professore all'Harvard University

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni di Thomas Fazi Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

La rabbia sociale non è fascismo di Michelangelo Severgnini La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti