/ Siria: la Germania ha tranquillamente versato circa 50 milioni di...

Siria: la Germania ha tranquillamente versato circa 50 milioni di euro ai "ribelli" a Idlib

 

Una tale misure solleva seri dubbi sulle misure tedesche nei vari processi messi in atto per trovare una via d'uscita dalla crisi in Siria.


Martedì scorso, il quotidiano Tagesspiegel ha rivelato che il governo tedesco sta finanziando con milioni di euro, i sedicenti "ribelli" ancora presenti a Idleb e impegnati in un conflitto contro l'esercito siriano.
 
È stato durante una risposta del Segretario degli Esteri Walter Lindner (socialdemocratico) a una domanda della deputata Evrim Sommer (Die Linke,), e che il quotidiano ha avuto accesso e poi rivelato questa informazione.
 
La parlamentare di origine curda voleva sapere di più sulle somme che Berlino paga ufficialmente per la ricostruzione e l'aiuto umanitario in Siria, e quindi svolgere la sua missione di controllo sull'esecutivo.
 
In questa occasione, ha appreso che non meno di 37,5 milioni di euro sono stati trasferiti ai gruppi "ribelli" dal Ministero degli Esteri tedesco.
 
Anche l'Agenzia tedesca per la cooperazione internazionale (GIZ) e il Ministero della cooperazione e dello sviluppo economici hanno permesso questi pagamenti.
 
Complessivamente, Berlino avrebbe pagato quasi 49 milioni di euro - una somma particolarmente alta, come evidenziato da Evrim Sommer.

 
A questi si aggiungerebbero 11,3 milioni di altre fonti, ovvero 17 milioni di euro dall'Unione europea per il pagamento dei quali la Germania avrebbe svolto un ruolo di intermediario.
 
Particolarità di questo finanziamento: Berlino non comunica l'elenco preciso dei destinatari. "Il governo non vuole chiarire, perché i partner con cui la Merkel ha parlato, Russia e Turchia, potrebbero non aver gradito", ha afferma Evrim Sommer.
 
Il 27 ottobre scorso Emmanuel Macron, Angela Merkel, Vladimir Putin e Recep Tayyip Erdogan si sono incontrati a Istanbul per uno straordinario summit sulla Siria.
 
Se i primi due avevano insistito sugli abusi commessi dal "regime siriano", gli ultimi due avevano, loro, sottolineato la necessità di liquidare terroristi e ribelli che continuano a perseguire azioni violente contro lo stato siriano.
 
Tutti, tuttavia, erano d'accordo sulla necessità di iniziare un processo di transizione politica senza condizioni, basato su negoziati e la cui decisione finale sarebbe caduta sul popolo siriano.
 
Fonte: Tagesspiegel
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa