Siria. Raid USA uccide capo al Qaeda... ma era un povero pastore!

Siria. Raid USA uccide capo al Qaeda... ma era un povero pastore!

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


PICCOLE NOTE

Il 3 maggio, l’ennesimo raid USA in Siria. Un drone spara un missili Hellfire e uccide un uomo. Il Comando americano annuncia trionfalmente che nell’operazione è stato eliminato un importante leader di al Qaeda. Ma qualcosa va storto.

In genere nessuno va ad accertare i fatti. Resta il comunicato e il successo dell’operazione anti-terrorismo che rimbalza sui media internazionali senza alcuna verifica.

Lotfi Hassan Misto, un uomo buono, laborioso e povero

Perché ormai i media sono abituati a pubblicare acriticamente i comunicati ufficiali, ai quali si attengono come verbo indiscutibile, ma anche perché tali raid sono condotti in località sperdute o perigliose, dove spesso è impossibile o costoso cercare riscontri (e per altri e più articolati motivi).

Nel caso del raid siriano, però, tale meccanismo oliato da decenni di guerra al Terrore, si è inceppato. Ed è emersa la tragica verità: a essere incenerito dal missile Hellfire è stato un povero pastore siriano, Lotfi Hassan Misto, di 56 anni, ucciso mentre pascolava le sue pecore, molte delle quali hanno condiviso il suo triste destino.

Ad accertare la tragedia il Washington Post, che evidentemente nel caso specifico ha ricevuto qualche sollecitazione (da cui la verifica), che ha interpellato i familiari, i quali hanno descritto Misto come un uomo buono, laborioso e povero, tanto da non avere nemmeno un telefono.

Il Comando americano, interpellato dai cronisti del WP, si è rifiutato di dare un nome e un volto al loro obiettivo, tenendosi sul generico.

Ma “il Post ha ottenuto immagini che mostrano il volto di Misto prima e dopo la morte e le ha fornite al Comando Centrale. I funzionari non hanno confermato che fosse proprio lui l’uomo ucciso nel raid”, mentre alcuni esperti in riconoscimento facciale, interpellati dai cronisti, confrontando il volto di Misto e quello della vittima hanno confermato che molto probabilmente – al 90% – era proprio lui.

Non pago, il WP ha anche interpellato alcuni autorevoli esperti di anti-terrorismo, i quali non hanno “trovato riferimenti che indichino che Misto fosse affiliato a un gruppo terroristico. Inoltre, hanno affermato che sarebbe più che insolito per al-Qaeda, in particolare per un leader di alto livello, operare in quell’area, dal momento che è controllata da un gruppo rivale che si è separato dall’organizzazione anni fa e che adesso è nemico di al-Qaeda”.

Insomma, una brutta storia, che sta mettendo in serio imbarazzo il Comando Usa, tanto che un funzionario, ovviamente anonimo, ha confidato al WP che non sono più sicuri di aver ucciso un terrorista. Ma l’errore è talmente madornale che dovranno trovare una via di uscita più che fantasiosa.

Resta che per un errore venuto alla luce, tanti altri rimarranno nell’ombra. Tanti i Misto caduti sotto i missili Hellfire nel mondo. Troppi. E non si tratta solo di un errore di intelligence e militare. L’errore di fondo è quello di combattere i terroristi con le loro stesse armi, cioè il Terrore (e su scala più ampia con la guerra).

Un errore che perdura ormai da decenni, che ha solo portato lutti, sofferenze e odio; creando così un brodo di coltura ideale per il Terrore opposto, che si è abbeverato a tale fonte. Un tragico errore – per non dire altro – al quale non si vuole porre rimedio.

 Piccole Note

Piccole Note

 

Piccole Note è un blog a cura di Davide Malacaria. Questo il suo canale Telegram per tutti gli aggiornamenti: https://t.me/PiccoleNoteTelegram

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange di Geraldina Colotti Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti