Soleimani. Mike Pompeo confessa: ucciso per nulla

Soleimani. Mike Pompeo confessa: ucciso per nulla

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



Piccole Note
 

Intervistato da Fox News, il Segretario di Stato degli Stati Uniti Mike Pompeo, smentisce quanto affermato sull’omicidio del generale Qassem Soleimani. Gli Stati Uniti hanno, infatti, hanno dichiarato che il Capo delle guardie repubblicane iraniane è stato ucciso perché progettava attacchi imminenti contro gli Stati Uniti d’America.


Ma nell’intervista ha spiegato che gli Usa in realtà non sapevano nulla di tali attacchi: “Non sappiamo esattamente quando e non sappiamo esattamente dove” sarebbero avvenuti, ha dichiarato con sconcertante chiarezza (The Hill).


Certo, ha ribadito che l’amministrazione aveva ricevuto notizie certe di “imminenti attacchi”, ma nulla di specifico, anzi quanto di più generico. Insomma, il generale è stato assassinato per motivi vaghi, assecondando notizie di intelligence alquanto vaghe.


Ha così confermato le aspre critiche mosse dai democratici, che avevano chiesto all’amministrazione Usa di fornire informazioni più dettagliate riguardo le “minacce imminenti” poste da Soleimani, tali da giustificarne l’assassinio.


Da quanto ha dichiarato Pompeo a Fox News, tali notizie non verranno trasmesse, semplicemente perché non esistono. Così si è ucciso un uomo, e altri con lui, e rischiato la terza guerra mondiale per nulla, al di là delle giustificazione postume su allarmi oltremodo generici dati per certi.


Così appaiono di interesse le parole del senatore del partito democratico Chris Van Hollen, il quale, rifacendosi a quanto avvenuto per la guerra in Iraq, ha dichiarato che, da quella guerra “abbiamo imparato nel modo più duro che le amministrazioni a volte manipolano e selezionano le informazioni per raggiungere i loro obiettivi politici. Questo è ciò che ci ha portato nella guerra in Iraq” (Politico).

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra