/ Sostenere un secondo referendum per il Labour significherebbe imb...

Sostenere un secondo referendum per il Labour significherebbe imboccare la strada di Syriza

 


di Peter Ramsay - Morning Star
 

John McDonnell ha dichiarato che il Labour ha dovuto “andare incontro“ con la modifica della sua politica sulla Brexit al sostegno di un secondo referendum. Questo doveva essere fatto "prima piuttosto che dopo", ha detto alla BBC. La deriva del Partito Laburista verso una posizione ufficiale che sostiene un secondo referendum è una cattiva notizia per la democrazia. Potrebbe anche rivelarsi un disastro elettorale per il Partito Laburista. Certamente renderà il divorzio politico di Tony Blair dalle tradizioni della classe lavoratrice laburista irreversibile.

 

Il secondo referendum sarà un disastro per la democrazia perché è chiaramente uno sforzo per invertire il risultato del primo senza averlo implementato. Gli sforzi dei Remainiacs per ottenere il secondo voto tradiscono la sua illegittimità essenziale. "Secondo referendum" significa ovviamente "riprovare". Così i suoi sostenitori lo ribattezzarono "People's Vote". Ma la gente continuava a dire loro che avevamo già votato. Quindi è diventato un "voto di conferma", in cui la Brexit non sarà affatto offerta: solo l'accordo di ritiro "Brexit-in-name-only" o Remain. Un secondo referendum sarebbe una presa in giro della democrazia solo per questi motivi, ma è peggio di così.

 

Oltre l'85% dei deputati di questo Parlamento sono stati eletti in manifesti dove promettevano di attuare il referendum del 2016. Questo non era un problema di politica minore. Era una promessa per attuare un importante cambiamento costituzionale che la maggioranza dell'elettorato aveva votato in un referendum che il Parlamento stesso aveva promulgato.

 

Se i parlamentari rinnegheranno questa promessa senza indire un'elezione, ripudieranno la loro pretesa di rappresentarci, sfidando la democrazia. Molti parlamentari Remain aspirano a raggiungere un simile risultato. Sperano di abbattere un governo di Johnson e sostituirlo con un governo interpartito di Remainers. Un secondo referendum indetto da questo nuovo ordine rappresenterebbe una svolta pericolosamente autoritaria nella politica britannica, quella guidata dai deputati laburisti.

 

Questo disastro incombente per la democrazia potrebbe essere mitigato se ci sarà un'elezione generale dopo che Boris Johnson diventerà primo ministro. Le probabilità di questo sono piuttosto alte, ma tutt'altro che certe. In caso di elezioni rapide, i laburisti potrebbero seguire i Lib Dems e andare dall'elettorato chiedendo un secondo referendum.

I laburisti direbbero, in effetti, che si sono sbagliati alle ultime elezioni: pensavano di poter attuare la decisione del referendum, ma si è scoperto che non potevano. Se un nuovo Parlamento fosse eletto con la maggioranza dei parlamentari che sostenevano un secondo referendum allora, anche se sarebbe una vittoria per l’élite rimasta, almeno l'elettorato avrebbe votato a favore. Quanto è probabile questo?

 

È difficile dire con precisione quali sarebbero le conseguenze elettorali del sostegno a un altro referendum. Gli ultimi sondaggi mostrano che i laburisti hanno ricevuto un voto fortemente ridotto rispetto al 2017.

 

Come ha dimostrato un'attenta analisi di Richard Johnson, per ottenere guadagni significativi in ??Parlamento, il Labour ha bisogno di prendere voti dei Conservatori che sono per il Leave. 

 

Recenti sondaggi suggeriscono che è molto improbabile che il Labour possa formare un governo a maggioranza con una posizione a favore di un secondo rferendum. Anche se i laburisti potessero formare un governo di coalizione, sarà molto difficile vedere il programma di Corbyn attraverso una determinata opposizione da parte degli altri partiti.

 

In ogni caso, qualunque sia il probabile risultato elettorale, il punto cruciale è che sostenere un secondo referendum è la posizione sbagliata. Come molti nella leadership laburista sanno che il loro programma non può essere implementato all'interno dell'UE. Inoltre, gli elettori della classe operaia e più poveri erano molto più propensi degli elettori della classe media a votare per la Brexit, e per una buona ragione. Hanno votato contro un sistema politico che aveva ignorato i loro interessi troppo a lungo. Affinché il Labour faccia ufficialmente parte della resistenza elitaria alla Brexit invierà un chiaro messaggio che le richieste degli elettori della classe lavoratrice sono meno importanti di quelle della classe media o del grande capitale.

 

McDonnell ha scelto di spingere pubblicamente per una presa di posizione militante pro-UE, lo stesso giorno in cui il governo greco di Syriza è stata bocciata dall'elettorato greco. Anche Syriza ha abbandonato le sue prime promesse radicali e ha trascorso anni a svolgere il lavoro sporco dell'UE. Per il partito laburista di Corbyn, il sostegno al secondo referendum apre la strada a una ‘Syrizafication’.

Peter Ramsay è un professore di diritto presso la London School of Economics. Supporta la rete Full Brexit

(Traduzione de l'AntiDiplomatico)

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa