Stati Generali, la Troika a casa nostra "chiede" le riforme all'Italia

Stati Generali, la Troika a casa nostra "chiede" le riforme all'Italia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Giuseppe Masala

Leggo che negli Stati Generali di Cartone gli esponenti internazionali che hanno parlato stamane, ovvero la von der Leyen per la Commissione Europea, la Lagarde per la Bce e Kristalina Georgieva per l'FMI (se volete potete chiamare questa Trimurti come la chiamano in Grecia: Trojka), hanno chiesto riforme strutturali per l'Italia.



Nella loro logica riforme strutturali vuol dire tagli alla spesa corrente, come pensioni, istruzione, pubblica amministrazione ecc. E del resto non può essere che così, l'incidenza sul Pil delle nostre pensioni è troppo alto, non perchè le pensioni non siano abbastanza da fame, lo sono eccome, ma perchè con un abbattimento del Pil di oltre il 10% il rapporto non può che schizzare verso l'alto. Questo vale per tutti i già esangui capitoli di spesa. Peccato che ulteriori tagli aggraveranno la recessione. Ma sono tutte cose che abbiamo visto in Grecia e non solo, nihil novi sub sole. 

Più in generale leggevo che l'economista francese Sebastien Cochard ha calcolato in un avanzo primario del 5,5% rispetto al Pil quello necessario per stabilizzare il rapporto debito pubblico italiano su pil al 160% circa. E questo per i prossimi 30 anni [Sempre tenendo conto che nei prossimi 30 anni tutto rimanga ceteris paribus ovviamente, dunque che non ci siano altre crisi di qualunque tipo]. Una impresa improponibile, se pensate che negli scorsi 25 anni abbiamo fatto un avanzo primario pari al 2,2% medio circa (peraltro un risultato senza pari al mondo). Portarlo al 5,5% per i prossimi 30 anni significa semplicemente uccidere il Popolo italiano, farlo sparire, cancellarlo, dalle cartine etnografiche. 

Ecco, non finirò mai di ringraziare Herr Schauble, Herr Weidmann e tutti i patrioti della Corte Costituzionale di Karlsruhe per il tentativo di suicidare l'Euro che speriamo vada a buon fine. Li chiamano conservatori, sì, lo sono. Conservano la lettera e lo spirito della Grundgesetz donata dalle potenze vincitrici come antidoto alla risorgenza di future forme di nazismo e imperialismo germanico prontamente verificatesi sotto le insegne europoidi. 

Dopo toccherà fare i conti con il Regime italiano impossessatosi del potere con inchieste giudiziare e con le bombe mafiose. Una Norimberga italiana urge. A Capaci. Luogo simbolo del Colpo di Stato. Ne riparleremo. Tanto manca poco: wait and see, August 5th is coming.

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico di Pasquale Cicalese Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito di Gilberto Trombetta Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti