Stella Morris: proposta Usa equivale al carcere "effettivo" a vita per Assange

Stella Morris: proposta Usa equivale al carcere "effettivo" a vita per Assange

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Stella Moris, la compagna di Julian Assange, ha respinto le proposte statunitensi sulle condizioni in merito ad una possibile estradizione del fondatore di WikiLeaks, riporta il quotidiano inglese The Guardian. "Quello che gli Stati Uniti stanno proponendo è una formula per mantenere Julian in prigione, effettivamente per il resto della sua vita", ha spiegato la donna.

I dettagli delle proposte americane alle autorità britanniche sono stati rivelati dalla British Crown Prosecutor's Office e sono venuti alla luce dopo che questa settimana è stato accolto un ricorso contro la sentenza del tribunale dello scorso gennaio, che negava l'estradizione di Assange negli Stati Uniti per motivi di salute.

Proposte "grossolanamente fuorvianti"

Queste sedicenti proposte, a cui faceva riferimento Morris, comprendono garanzie che Assange sarebbe stato esente da " misure amministrative speciali" oltre al fatto "che non sarebbe stato trattenuto nelle condizioni più severe nel carcere di massima sicurezza ADX Florence. (Colorado ). 

Tuttavia, questo potrebbe cambiare se il fondatore di WikiLeaks facesse qualcosa che potrebbe essere considerato dalle autorità statunitensi come un motivo per imporre misure di sicurezza più severe .

Allo stesso modo, le garanzie includono la possibilità per l'attivista di scontare la pena in Australia, suo paese natale, nel caso in cui fosse stato condannato in relazione alle accuse di spionaggio e pirateria informatica a seguito della pubblicazione di documenti segreti sul suo sito WikiLeaks nel 2010 e nel 2011.

Morris non ha esitato a definire queste proposte "grossolanamente fuorvianti". "Il governo degli Stati Uniti dice anche che può cambiare idea, se consigliato dal capo della CIA, una volta che Julian Assange sarà sotto custodia degli Stati Uniti ", ha spiegato la compagna dell'attivista.

Riguardo alla possibilità che Assange possa scontare la pena in Australia, Morris ha osservato di avere il diritto di chiedere il trasferimento in carcere, anche se ha sottolineato che potrà farlo solo quando "tutti i ricorsi saranno esauriti".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Tornano di moda le fake news sul caso Litvinenko. Facciamo chiarezza di Francesco Santoianni Tornano di moda le fake news sul caso Litvinenko. Facciamo chiarezza

Tornano di moda le fake news sul caso Litvinenko. Facciamo chiarezza

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Non si inginocchia nessuno contro il "democratico" Biden? di Antonio Di Siena Non si inginocchia nessuno contro il "democratico" Biden?

Non si inginocchia nessuno contro il "democratico" Biden?

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti