Sudafrica, Omicron ha 80% rischio ospedalizzazione in meno (STUDIO)

Sudafrica, Omicron ha 80% rischio ospedalizzazione in meno (STUDIO)

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'AntiDiplomatico è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel nostro canale e rimanere aggiornato

 

Novità sulla variante Omicron del coronavirus arrivano dal luogo dove è stata individuata per la prima volta, ossia dal Sudafrica. 

Secondo uno studio pubblicato dall'Istituto Nazionale per le Malattie Trasmissibili, i sudafricani che contraggono il Covid-19 nell'attuale quarta ondata di infezioni hanno l'80% in meno di probabilità di essere ricoverati in ospedale se contraggono la variante dell'omicron, rispetto ad altri ceppi, secondo quanto riferisce Bloomberg. 

Una volta ricoverati in ospedale, il rischio di una malattia grave non differisce dalle altre varianti, hanno affermato gli autori guidati dagli scienziati Nicole Walter e Cheryl Cohen.

Rispetto alle infezioni delta in Sudafrica tra aprile e novembre, le infezioni da omicron sono associate a un rischio inferiore del 70% di malattie gravi, affermano gli scienziati autori dello studio. I dati su omicron sono stati raccolti per due mesi. 

Da quando è stata identificata dagli scienziati sudafricani il 25 novembre, la cosiddetta variante omicron ha provocato un numero molto alto di contagi. Nel Sudafrica il 44% circa della popolazione è completamente vaccinata. 

Nei dati che vengono inviati a MedRxiv per la pubblicazione di questo studio gli autori hanno adattato i dati ai vari fattori che potrebbero influenzare i risultati, tra cui età, sesso e se i casi erano noti come reinfezione. Per la gravità della malattia dopo il ricovero, si sono anche regolati rispetto alla presenza di altre malattie e alla precedente immunizzazione.

Lo studio ha inoltre mostrato che i contagiati da omicron possono possono avere cariche virali più elevate.

Lo studio è "importante", sebbene il suo uso dei cosiddetti controlli storici rispetto alle infezioni delta tra aprile e novembre significhi che il suo esito potrebbe essere influenzato da problemi di tempo, ha affermato Paul Hunter, professore di medicina presso l'Università East Anglia del Regno Unito. 

“Quindi, anche se i casi di omicron hanno meno probabilità di finire in ospedale rispetto ai casi di delta, non è possibile dire se ciò sia dovuto a differenze intrinseche di virulenza o se ciò sia dovuto a una maggiore immunità della popolazione a novembre rispetto a l’anno precedente”, ha affermato Hunter.

Gli autori dello studio hanno segnalato le stesse problematiche.

 

L'AntiDiplomatico è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel nostro canale e rimanere aggiornato

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci di Francesco Erspamer  Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci

Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci

Ucraina, Draghi come Badoglio di Giorgio Cremaschi Ucraina, Draghi come Badoglio

Ucraina, Draghi come Badoglio

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa di Alberto Fazolo Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi