Tariq Marzbaan all'AD: "L'Afghanistan rimane il cuore sanguinante dell'Asia"

Tariq Marzbaan all'AD: "L'Afghanistan rimane il cuore sanguinante dell'Asia"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Con questa prima intervista con Tariq Marzbaan, seguiranno poi altre sue analisi storiche su questo martoriato paese, analizziamo gli ultimi eventi in Afghanistan, di nuovo al centro delle prime pagine del mondo. Abbiamo affrontato gli ultimi eventi con uno sguardo al recente passato, così come ai possibile sviluppi. Marzbaan è afgano, nato a Kabul nel 1959, dove ha vissuto fino al 1982 quando si è rifugiato con parte della sua famiglia a Peshawar in Pakistan, poi in Germania dove ha ottenuto la cittadinanza anni dopo; attualmente risiede nell'Asia sudorientale; Ha conseguito un master in letteratura persiana e filologia tedesca. Attualmente prosegue i suoi studi indipendenti sulla geopolitica, la storia e il colonialismo; ha lavorato come fumettista politico, artista, ricercatore e traduttore di notizie, montatore cinematografico, sceneggiatore; ha prodotto e diretto il suo film documentario-saggio sull'esilio "The Storm Bird", che è stato presentato in festival internazionali.

Si ringrazia Nora Hoppe per la traduzione dall'intervista dal tedesco all'italiano.

di Francesco Guadagni

Sappiamo che in Afghanistan la situazione è estremamente complessa. Partiamo dagli eventi delle ultime settimane: i Taleban di nuovo al potere, gli USA in fuga, gli attentati dell'ISIS. È una sconfitta dell'imperialismo? Come giudichi l'occupazione prima e il ritiro successivo di Washington?

Per capire meglio la situazione in Afghanistan, bisogna prima sapere qualcosa sul contesto storico, che cercherò di fornire di volta in volta nelle mie risposte. Ma per tracciare un quadro più completo dell'Afghanistan, della sua storia e della sua particolare situazione, ci vorrebbe più tempo. 

Partiamo dal  ritiro degli USA.

Il ritiro degli Stati Uniti era già stato concordato e conosciuto durante i negoziati tra i Taleban e gli Stati Uniti a Doha, in Qatar. Tuttavia, il modo in cui questo ritiro è stato effettuato solleva domande. I soldati di stanza nella grande base americana di Bagram se ne sono andati in un'operazione di cappa e spada che sembrava più una fuga che un ritiro ordinato. I loro "protetti" a Kabul l'hanno scoperto solo dopo. La notizia ha colpito il mondo intero come una bomba: gli Stati Uniti non potevano andarsene in un ritiro ordinato... o non volevano? Questa questione darà certamente agli storici e ai giornalisti, così come ai "teorici della cospirazione", parecchio lavoro da compiere.L'obiettivo principale degli americani era quello di assicurarsi una presenza militare in Afghanistan, cioè in Asia centrale, per contenere i piani di Russia e Cina, per minacciare l'Iran e per fermare o almeno per impedire l'ulteriore sviluppo del progetto cinese della Via della Seta. Certo, sono state date altre ragioni e giustificazioni come la guerra al terrorismo, la ricostruzione della nazione, i diritti umani, la democrazia e altre nobili intenzioni, ma questi erano tutti solo pretesti. L'invasione dell'Afghanistan è stata pianificata e preparata già prima dell'11 settembre 2001. In questo senso, il ritiro è una sconfitta per gli americani. A questo si aggiunge la perdita di credibilità nel mondo, che non potranno riguadagnare nel prossimo futuro, o non così facilmente. Di conseguenza, devono investire più soldi e sforzi nella propaganda e nelle attività di corruzione. Inoltre, hanno scredidato tutti i loro alleati in Afghanistan. Ma nel creare e lasciare il caos e la confusione - una specialità degli Stati Uniti - hanno avuto successo. Si è detto che l'occupazione è diventata troppo costosa, che la guerra contro i Taleban non è militarmente vincibile, ecc.... Non si può ancora dire con certezza se tutte queste siano davvero le ragioni di un obiettivo a lungo termine strategicamente importante. Gli Stati Uniti si lamentano che hanno speso trilioni e si vantano di aver costruito un esercito di 300.000 uomini e altre strutture di sicurezza, che poi sono crollate in 11 giorni. E tutto indica che erano chiaramente consapevoli di questi fatti. Che bello che sia stato messo un presidente come Biden, che poi può essere additato come il colpevole.

Cosa ci puoi dire.invece, riguardo al governo fantoccio degli Usa?

Il precedente governo di Kabul era una grande macchina di corruzione, produzione di droga, riciclaggio di denaro e altri affari criminali e mafiosi. Un proverbio persiano all'epoca dell'invasione mongola (XII secolo) diceva: "Sulla terra dove un cavallo mongolo ha messo gli zoccoli, non cresce più erba". Questo si può dire anche degli Stati Uniti di oggi, con una differenza: non cresce più l'erba sotto gli zoccoli americani - ma i campi di papaveri e gli enormi alberi della corruzione sì. L'estensione della corruzione in Afghanistan dopo il 2001 è, rispetto al tempo precedente, il rapporto tra una zanzara con un elefante. I frutti dell'albero della corruzione sono stati raccolti e mangiati non solo dagli afghani, ma anche da numerosi stranieri di qualsiasi forma: privati, aziende, ONG... Molti afghani e stranieri con un appoggio afghano provenienti da tutto il mondo, sono andati lì per fare soldi facili e sicuri. Ma ci sono stati anche quelli che sono andati in Afghanistan con intenzioni oneste e decenti per contribuire a qualcosa di positivo, ma sono tornati dopo qualche tempo delusi, arrabbiati, tristi e disgustati. Conosco personalmente persone di entrambi i tipi.

Mentre i signori della guerra discendenti da ambienti poveri o della classe media costruivano grandi palazzi kitsch ad nauseam, compravano azioni e proprietà immobiliari in patria e all'estero, gli agenti di polizia e i soldati del "glorioso" ANA (Afghan National Army) dovevano aspettare mesi per la loro paga. Questa era ora una ragione in più per lasciare il campo ai Taleban senza combattere o con poca resistenza iniziale. Le unità che hanno combattuto risolutamente e coraggiosamente contro i Taleban hanno rapidamente raggiunto i loro limiti di munizioni e razioni e hanno costantemente richiesto il supporto di Kabul, che poi non è mai arrivato. Quindi dovevano arrendersi o fuggire. Tutte le decisioni sono state prese da Sua Eccellenza Ghani, uno sciovinista pashtun e un pagliaccio politico megalomane.

Nei video che ho visto di lui fino alla sua fuga, sembra un malato di mente. In ogni caso, le sue azioni sono state lesive fino al sabotaggio. Dove le unità della polizia e dell'esercito stavano già cooperando o unendosi alle forze di resistenza locali, ha sabotato questa cooperazione cambiando costantemente i comandanti o emettendo ordini confusi e senza senso. Si è rifiutato di aiutare i gruppi di resistenza locali appena formati. La sua paura dei non-pashtun era più grande di quella dei Taleban. In questo senso, ha agito come un pashtun sciovinista e non come un capo di stato responsabile per tutti i cittadini dell'Afghanistan. Penso che abbia sabotato e ostacolato la resistenza e la lotta contro i Taleban fino a quando non è stato sicuro che avessero tutto l'Afghanistan sotto il loro controllo.

Sono tornati i Taleban, che differenza c'è con quelli che presero il potere negli anni '90?

Ci sono ovviamente alcune differenze tra i Taleban del periodo 1994-2001 e i Taleban di oggi. La leadership talebana a quel tempo consisteva esclusivamente di alcuni imam, mullah e maulawis (chierici, leader religiosi e studiosi) della prima generazione di Mujaheddin, alcuni dei quali avevano combattuto contro i sovietici. Il resto erano giovani che erano stati precedentemente addestrati nelle scuole religiose in Pakistan ed erano stati indottrinati religiosamente - da qui il nome del loro movimento: i Taleban (un allievo/studente religioso è chiamato "tâleb"; il plurale è: "tâlebân"). Queste scuole (le cosiddette "scuole del Corano") erano sostenute dal governo pakistano e dall'Arabia Saudita in collaborazione con la CIA. Gli studenti erano figli dei rifugiati afghani e dei mujaheddin che combattevano in Afghanistan e che poi hanno formato le forze combattenti dei Taleban. Secondo la vulgata, i Taleban volevano porre fine alla guerra civile, ristabilire la sicurezza e l'ordine pubblico ed eliminare il crimine e la corruzione, cosa che sono ampiamente riusciti a fare. Questa è la vera ragione della loro accoglienza e accettazione da parte della popolazione prevalentemente pashtun. Nel 1996, sono riusciti anche a conquistare Kabul e il potere statale. Ci sono anche rapporti che i successi militari dei Taleban sono stati resi possibili solo dal sostegno attivo dell'esercito pakistano. Non voglio entrare nei dettagli del periodo del loro governo fino al 2001. C'è molto materiale su questo in tutte le forme consuete.

Poi è arrivata l'invasione e l'occupazione dell'Afghanistan da parte della NATO nel 2001, guidata dagli USA e con il pretesto dell'11 settembre. Come ho detto prima, questa invasione e occupazione è stata pianificata già prima dell'11 settembre come parte dell'agenda descritta nel PNAC (Project for the New American Century). L'Afghanistan è stato bombardato e occupato e i Taleban sono stati rovesciati. Si sono ritirati in Pakistan dove hanno potuto riorganizzarsi. Dal 2003, hanno ripreso la lotta armata. Questa volta con la giustificazione di fare il jihad contro gli occupanti della NATO. Questa lotta si è conclusa per il momento con la loro vittoria contro la NATO/USA e il governo che hanno installato, di cui noi tutti siamo indirettamente testimoni. Così, hanno ampliato la loro immagine da "guerrieri tribali e divini pashtun" a combattenti per la libertà anticoloniale. 

Ovviamente, alcune trasformazioni hanno avuto luogo nella leadership talebana in questi 20 anni. Una nuova generazione di combattenti ha trovato un posto nella leadership centrale. Alcuni dei rappresentanti di questa generazione non sono più laureati delle scuole coraniche in Pakistan, ma hanno ricevuto la loro educazione in scuole convenzionali e studiato in università pakistane o internazionali, parlano correntemente l'inglese e hanno familiarità con le pratiche diplomatiche. Hanno viaggiato per il mondo, incontrato personalità importanti della politica, tenuto colloqui con loro e fatto più o meno accordi, mentre i loro fratelli militari continuavano a combattere battaglie sanguinose sui fronti contro gli occupanti e i loro alleati afgani, che comprendevano attacchi crudeli e inumani contro i civili. Questi nuovi Taleban - si potrebbe chiamarli "neo-Taleban" - hanno capito che devono fare le cose diversamente da prima, sia in politica interna che estera. Lo dicono pubblicamente e cercano di conquistare la fiducia della popolazione, dei loro potenziali alleati e della cosiddetta "comunità internazionale". Tuttavia, questa fiducia è stata gravemente danneggiata e scossa dal loro governo brutale durante il loro primo periodo al potere. Non riusciranno a conquistare la fiducia se si limiteranno esclusivamente a rassicurazioni verbali. Per questo, hanno bisogno di tempo, che non viene loro regalato.

 Quindi, come dobbiamo inquadrare i Taleban? Non è solo un questione di epoche.

I Taleban di oggi, come quelli di allora, devono essere visti da due prospettive:

  1. Dalla prospettiva delle strutture tribali pashtun e della loro identità "nazionale"
  2. Dalla prospettiva religiosa. 
  1. Vorrei iniziare sottolineando qualcosa che è sempre stato e continua ad essere travisato o distorto, soprattutto nei media occidentali e quindi nel pensiero occidentale: Vale a dire, il fenomeno della "società tribale". Quando la gente in Occidente parla dell'Afghanistan, parla sempre di "tribù", "società tribale" e "cultura tribale". Questo è errato. Strutture tribali e una cultura tribale si trovano in realtà solo tra i pashtun (afghani) e, con alcune differenze, tra i beluci. In altri gruppi etnici, come gli hazara o i turkmeni, si possono trovare resti di strutture tribali di epoche precedenti, ma non sono gli stessi degli afghani (i pashtun). Non si dovrebbe fare di tutta l'erba un fascio. È sufficiente che abbiano dovuto vivere insieme in un solo stato per più di duecento anni. Applicare questi termini e questo fenomeno a tutto l'Afghanistan e a tutti i gruppi etnici in Afghanistan non è corretto e giusto e porta a una mancanza di comprensione del paese e della sua storia.

I Taleban sono pashtun. Il fatto che ci siano membri di altri gruppi etnici e persino stranieri nelle loro file non ha importanza.

I pashtun si considerano i padroni dell'Afghanistan perché hanno conquistato questo territorio con la forza 274 anni fa e lo tengono da allora con la violenza e l'oppressione, a volte dura, a volte morbida.

E da allora hanno cercato di plasmare e guidare il paese e la sua gente secondo la loro cultura tribale, cosa che non sono ancora riusciti a fare - ma hanno fatto molti danni nel processo. Solo una volta hanno perso questa supremazia a favore dei non-pashtun per un breve periodo (9 mesi, gennaio-ottobre 1929, vedi su internet sotto la voce Habibollah Kalakani) e una volta per un tempo un po' più lungo (quattro anni 1992-1996): nel 1992, Kabul fu conquistata da unità di Ahmad Shah Massud, e fu formato un governo di Mujaheddin e dei loro alleati. Massud era "tagiko" e i suoi alleati erano uzbeki e hazara. Questa costellazione era completamente inaccettabile per i pashtun. Allora il pashtun Hekmatyar iniziò ad attaccare il governo per primo. Quando non ebbe successo, emersero i taleban. Questo è in effetti il vero antefatto celato sul quale i pashtun tacciono e nel quale anche il Pakistan ha un interesse personale.

Nel XVIII/XIX° secolo, l'emiro pashtun Abdur Rahman Khan insediò con la forza i Pashtun nel nord e nel nord-ovest. Oggi sappiamo a cosa servivano: Hanno agito come quinta colonna dei Talebani. Questo è stato un altro motivo per cui i Talebani sono stati in grado di avanzare così rapidamente nel nord. Sia che l'emiro Abdur Rahman Khan stesso abbia avuto questa idea o no.... Si sospetta che i britannici possano averlo consigliato. Questo deve ancora essere studiato.

I Taleban parlano ora di un governo a cui parteciperanno tutti i gruppi etnici e religiosi. Ma questo non è niente di nuovo. Tutti i governi precedenti sono stati istituiti e gestiti solo su questa base, sotto il dominio del "Grande Fratello", come lointendono i pashtun. Questo aspetto della pretesa di potere dei pashtun non è mai stato pienamente accettato dagli altri popoli dell'Afghanistan, ma per debolezza e per altre ragioni, si sono rassegnati alla dominazione dei pashtun.C'è ancora molto da ricercare e chiarire su questi aspetti della storia e della società di questa regione. Qui potrei dilungarmi di più, ma supererebbe lo scopo di questa intervista.

Qualche precisizazione, invece, sui termini "afgano" e "Afghanistan".

  1. Il termine "Afghan" è sempre stato usato dagli altri gruppi etnici della regione per riferirsi ai pashtun. I pashtun stessi si chiamano pakhtun o pakhtana.Prima del XVIII secolo, il nome "Afghanistan" era usato solo per la regione dove vivevano le tribù pashtun. L'intera regione dell'attuale Afghanistan era chiamata Khorasan o Iran. Alla fine, gli inglesi imposero questo nome a quello che oggi è l'Afghanistan nel XVIII/XIX secolo. Il nome e lo stato "Afghanistan" sono in definitiva prodotti del colonialismo britannico (e in parte russo). 
  2. L'aspetto religioso dei Taleban è un altro nodo gordiano nella loro struttura. I pashtun avevano inizialmente (nel VII° secolo) resistito aspramente all'invasione araba e all'islamizzazione. Alla fine sono diventati musulmani, buoni musulmani, ma mai fanatici. Il fanatismo dei Taleban è una conseguenza dell'intervento occidentale, arabo e pakistano e delle debolezze interne della società pashtun e della sua inermità nel mondo di oggi. Le élite pashtun sono state in grado di ottenere il sostegno necessario dall'esterno (oltre che dagli USA e dai suoi stati vassalli, anche dai paesi arabi e da alcuni altri paesi islamici) solo enfatizzando questo aspetto.

L'arma più potente ed efficace dei Taleban era e rimane la corruzione – cioè la corruzione degli altri.Ora potrei parlare dei diritti delle donne, della censura dell'arte e della cultura, ecc. sotto i Taleban, ma ne parleremo un'altra volta, anche a causa dei limiti di tempo.

Secondo te la Russia, la Cina e l'Iran, che non sono ostili ai Taleban, possono in qualche modo influenzarli nel loro comportamento?

Questi tre stati stanno negoziando da tempo con i Taleban. Loro e i tre paesi vicini del nord (Turkmenistan, Uzbekistan, Tajikistan) hanno un interesse personale alla pace, alla stabilità, alla sicurezza, al progresso e alla fine della coltivazione dell'oppio in Afghanistan. Naturalmente, perseguono anche i loro interessi politici ed economici. Ma in nessun caso vogliono la NATO e i suoi mercenari (ISIS (Daesh), Al-Qaeda, altri gruppi jihadisti) vicino. La Russia, in particolare, lo ha chiesto molto chiaramente. I Taleban hanno confermato a tutte le parti la sicurezza dei loro confini. Non hanno mai avuto l'intenzione di fare qualcosa contro altri stati, specialmente quelli vicini. Lo hanno anche chiarito più volte durante il loro primo periodo al potere negli anni '90.

Ora riaffermano costantemente questo aspetto della loro politica. Inoltre, i Taleban e Daesh sono nemici. I Taleban hanno combattuto duramente contro Daesh in passato. Dopo aver preso d'assalto la prigione di Kabul il 16 agosto e aver liberato i prigionieri, hanno giustiziato sul posto nove di loro. Questi prigionieri erano un gruppo di combattenti dell'ISIS (Daesh) che erano stati precedentemente detenuti dal governo di Kabul, compreso il comandante dell'ISIS Khorasan. 

Esattamente 23 anni fa, l'8 agosto, 11 diplomatici iraniani e un giornalista iraniano furono uccisi nel consolato iraniano di Mazare Sharif dopo che i Taleban avevano conquistato la città. Proprio quest'anno, è stato riferito che "un alto leader dell'organizzazione terroristica anti-iraniana nota come Jaish al-Adl, che si faceva chiamare Amir Naroui, è stato ucciso dai Taleban in una località non rivelata in Afghanistan". 

Questi sono chiari messaggi positivi per il mondo esterno, specialmente per l'Iran.

I funzionari del governo russo hanno avuto diversi incontri con i Taleban negli ultimi anni. Lo stesso vale per il governo cinese. Se i Taleban sono cambiati, questi tre paesi devono avervi giocato un ruolo.

La Cina ha già fatto investimenti in Afghanistan e potrebbe essere il secondo paese (dopo il Pakistan) a riconoscere un governo talebano. I Taleban stessi devono garantire la sicurezza in Afghanistan e alle frontiere. Tuttavia, se questi stati non sostengono il governo di Kabul, questo avrà conseguenze economiche disastrose per loro. Se avranno una qualche influenza sulla politica interna dei Taleban, lo vedremo. Vladimir Putin ha già chiarito nel suo incontro con Angela Merkel che la Russia non interferirà negli affari "culturali" di altre nazioni. Se la Cina sia interessata solo allo sfruttamento delle risorse in Afghanistan e nient'altro, ora non posso dirlo. L'Iran stesso è uno stato teocratico. Inoltre, questi stati non sono esattamente noti per la strumentalizzazione di questioni come i diritti umani, la democrazia, i diritti delle donne, la libertà di espressione, ecc. per i loro obiettivi, come lo sappiamo dall'Occidente. L'Afghanistan sotto il controllo dei Taleban può diventare più o meno un misto di Arabia Saudita, Pakistan e Iran - ma un misto pashtun. La Russia, la Cina e l'Iran, ma anche gli altri vicini dell'Afghanistan, possono convivere bene con questo, a condizione che prevalgano la sicurezza e la stabilità.

Sul Pakistan, che ruolo potrà avere?

È nell'interesse del Pakistan che la pace, la stabilità e la sicurezza prevalgano in Afghanistan, ma in nessun caso la sovranità. Il Pakistan vuole portare l'Afghanistan sotto il suo controllo e assicurare la sua sfera di potere e di influenza fino all'Oxus. Se non raggiunge questo obiettivo, diventerà di nuovo attivo in Afghanistan in senso negativo.

Ma non importa come i Taleban si comportino e in quale forma e direzione perseguano le loro politiche, la stabilità, la sicurezza e lo sviluppo saranno nel migliore dei casi estremamente instabili, fragili e inadeguati, nel peggiore inesistenti. Perché certe potenze non smetteranno di giocare il loro "Game" in Afghanistan, e "Greater" è il "Gioco", maggiore è il danno per l'Afghanistan e la regione. Il ritiro in generale e ancora più chiaramente il modo di ritiro e gli eventi all'aeroporto di Kabul e dintorni dopo l'invasione talebana prefigurano i piani dell'egemone psicopatico e dei suoi vassalli in Afghanistan e nella regione. L'Afghanistan continuerà ad essere il campo di battaglia per le guerre per procura dell'Occidente. In questo caso, la Russia, la Cina e l'Iran abbandoneranno l'Afghanistan o saranno trascinati nelle avventure volute dagli Stati Uniti, il che avrebbe conseguenze disastrose per la regione o addirittura per il mondo intero. Forse la tanto attesa grande guerra (la terza guerra mondiale, l'Occidente contro la Russia/Cina) inizierà in Afghanistan?

Questa sconfitta degli Stati Uniti e della NATO avrà un impatto su altri conflitti, come quello in Siria?

Gli eventi in Afghanistan avranno un impatto su tutto il mondo, specialmente sul mondo islamico. Tutte le persone, i movimenti e le forze che erano e sono contro l'Occidente coloniale, in qualsiasi forma e per qualsiasi motivo, saranno rafforzate e motivate nella loro causa. Anche le forze antimperialiste dei paesi non islamici ne trarranno ispirazione. E potrebbe significare l'inizio della fine definitiva dell'impero statunitense, come nel caso dell'Unione Sovietica. L'impatto specifico sulla Siria, ma anche sull'Iraq e probabilmente sulla Libia, potrebbe essere benefico per quei paesi (e dannoso per l'Afghanistan) per altre ragioni, vale a dire che molte o tutte le forze dell'ISIS e dei jihadisti ancora presenti in quei paesi verranno in Afghanistan - o piuttosto vi saranno trasportati. Gli Stati Uniti e i suoi vassalli (soprattutto la Turchia) se ne sono già assicurati: parti dell'ISIS sono presenti e attive in Afghanistan da diversi anni. D'ora in poi, cercheranno di apparire e di agire con più forza.Un altro effetto sarebbe che le risorse degli Stati Uniti e della NATO che sono state utilizzate finora per l'Afghanistan sarebbero "liberate" e utilizzate altrove. L'Occidente non può semplicemente lasciar perdere. Trarranno di nuovo le conclusioni sbagliate da questa esperienza traumatica... secondo il motto: "faremo meglio la prossima volta."

C'è ancora speranza per l'Afghanistan?

Non per me al momento... e nemmeno per il prossimo futuro. Se si parla di speranza - che bisogna avere in linea di principio - allora forse per un futuro lontano...

Può essere che alcune parti della leadership talebana pensino e agiscano oggi in modo diverso e non vogliano ripetere gli errori del passato. Ma non sono certo numerosi e forti. E dall'altra parte ci sono le forze estremiste che costituiscono la maggioranza della leadership e della base talebana. Questa sezione è stata indottrinata fin dall'infanzia nelle scuole religiose del Corano con un'ideologia islamista estremista e fanatica. L'offerta è abbondante. Fino a che punto queste forze all'interno della leadership e della base talebana si piegheranno ai vincoli della realpolitik così come ai vincoli culturali e - soprattutto, naturalmente - economici, è una questione aperta. Il mondo intero sta aspettando di vedere come si comporteranno i Taleban. Ma questo dipende anche dal comportamento degli altri, specialmente delle potenze straniere (Russia, Cina, Iran, Pakistan e USA & Co.).

Si possono immaginare diversi scenari:

  1. I Taleban rimangono "Taleban" come erano: gretti, misogini, inflessibili, rigorosi, brutali e antiquati.Questo è possibile e causerebbe senza dubbio un danno enorme e irreparabile in Afghanistan in tutti i settori. Ma non è a loro vantaggio, e lo sanno.
  2.  I Taleban si trasformano, diventano flessibili, si adattano alle esigenze dei tempi e cercano di integrarsi nella "comunità internazionale", come l'Iran e/o l'Arabia Saudita. Questo è più o meno il quadro che i Taleban cercano di dipingere di se stessi oggi. Per gestire uno stato con un minimo di efficienza e legittimità in tutti i suoi ambiti, devono muoversi in questa direzione.
  3. I Taleban diventano corrotti e ipocriti e così perdono lentamente il controllo su se stessi e sugli altri. Questo è più probabile perché, come sappiamo, il potere corrompe e il potere assoluto corrompe ancora di più. La casa del potere non viene venduta ma affittata, e il proprietario - anche a Kabul - è un certo signore chiamato Mefistofele. Egli vincola l'inquilino a se stesso per contratto.

Inoltre, non posso immaginare, o solo con difficoltà, che i Taleban cambino o addirittura abbandonino i due elementi principali della loro ideologia, cioè l'egemonia pashtun e la sharia.

Nel contesto dell'egemonia pashtun, è interessante una notizia diffusa da Tolo News il 28 agosto:

"Un ex ministro del governo [dice]: Secondo un accordo precedente, le forze talebane dovevano prendere posizione alle porte di Kabul [e aspettare il trasferimento pacifico del potere]. Ma dopo la fuga di Ashraf Ghani, Hamed Karzai, Abdollah Abdollah e Ma'ssum Stanekzai hanno contattato il ministro degli esteri pakistano Qoreishi e gli hanno detto che se i Taleban non entravano ora a Kabul, i "panjshiri" (tagiki) avrebbero occupato l'Arg (il palazzo presidenziale) e sarebbe iniziata la guerra civile".

Se il contenuto di questo rapporto è vero, questo è allora un segno che i pashtun non sono veramente disposti a condividere il potere con altri.

Finora, non sono stato in grado di verificare questa notizia e non so se è vera in questa forma o del tutto. Ma per logica, potrebbe davvero essere vero. In questo contesto, posso allora capire meglio la dichiarazione di Ghani che ha fatto dopo la sua fuga, ovvero "che le autorità di sicurezza lo hanno informato che c'era una cospirazione contro di lui e che vogliono ucciderlo".

La resistenza armata, come si è formata ora nella valle del Panjshir, non farà che prolungare la guerra e lo spargimento di sangue e causare più sofferenza e traumi. Se le forze nel Panjshir saranno in grado di resistere ai Taleban o almeno di tenere la valle come allora, e per quanto tempo, è incerto. Non vedo nessuna personalità nelle file degli ex leader dell'ex Alleanza del Nord e di altri oppositori Taleban che sarebbe in grado di guidare con successo questa resistenza. Ubriachi di vittoria, i Taleban sono ora altamente motivati e saranno in grado di portare molte truppe con attrezzature pesanti nel Panjshir e prenderlo d'assalto. Anche se non riescono a conquistare il Panjshir e a rompere la resistenza lì, possono circondare completamente la valle e affamarla. I pioppi di questo bel paesaggio stanno già tremando per questo incubo. Per aumentare la frustrazione, Ahmad Massud, il figlio di Ahmad Shah Massud e leader della resistenza, chiede aiuto giusto a coloro che hanno causato queste condizioni in primo luogo: l'Occidente! Suo padre deve essersi rivoltato più volte nella tomba.

La resistenza ai Taleban deve venire da tutti i settori della società civile, non solo dagli ex signori della guerra e dalle loro fazioni in guerra, o solo dai tagiki. E la resistenza deve essere contro i Taleban e l'egemonia pashtun, perché i Taleban sono anacronistici - prima o poi spariranno se gli altri non spariranno prima di loro. Dove sono gli hazara, gli uzbeki, i turkmeni e gli altri popoli?

L'Afghanistan, quindi,  rimane il cuore sanguinante dell'Asia.

"...l'Asia è una massa d'acqua e d'argilla, Il cui cuore è la nazione afgana..."

(dal poema "Afghanistan, il cuore dell'Asia" di Allamah Muhammad Eqbal Lahori (1877-1938))

Nota: Eqbal certamente non intendeva seriamente il termine "nazione". Non c'era e non c'è nessuna nazione in Afghanistan, e finché i Taleban/pashtun sono al comando, non ce ne sarà una.

 

Potrebbe anche interessarti

Cuba e i numeri Covid   di Francesco Santoianni Cuba e i numeri Covid

Cuba e i numeri Covid

Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo di Marinella Mondaini Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo

Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti