Treni "Covid free": far fallire e privatizzare Trenitalia?

Treni "Covid free": far fallire e privatizzare Trenitalia?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il demone della Bancarottocrazia.
 
Anche le Ferrovie organizzeranno treni "covid free". Evidentemente c'era il rischio che le Ferrovie in questo paese rimanessero in piedi, bisognava provvedere aggravandone i costi: organizzare nelle stazioni centri di tamponamento covid con infermieri e medici addetti costa soldi. Magari uno deve fare un viaggio regionale da 5 euro di biglietto e le Ferrovie ne spendono 10 euro per fargli il tampone rapido (peraltro totalmente inutile per l'individuazione del virus). Senza contare il deterrente verso la clientela che ovviamente pur di non sottoporsi a questa cavolata cercherà altri mezzi diminuendo così i flussi d'incasso dell'azienda.
Ci siamo fumati le casse dello Stato, ci siamo fumati il Sistema Sanitario (in Italia si può crepare di tutto, tranne che di un cazzo di influenza), ci siamo fumati la Scuola, ci siamo fumati l'Università, ci siamo fumati le banche, ci siamo fumati milioni di posti di lavoro, ci siamo fumati porti per passeggeri e aeroporti, ci siamo fumati il turismo, ci siamo fumati il tessuto delle piccole imprese di servizi (pensiamo a bar, ristoranti e palestre), ci siamo fumati il settore culturale (teatri, cinema, librerie, ecc.). Mancavano le Ferrovie per completare l'opera. Cento anni di sviluppo economico mandati letteralmente a carte e quarantotto. 
 
Questa è follia. Quale demone si è impossessato di questa nazione?

Giuseppe Masala

Giuseppe Masala

Giuseppe  Masala, nasce in Sardegna nel 25 Avanti Google, si laurea in economia e  si specializza in "finanza etica". Coltiva due passioni, il linguaggio  Python e la  Letteratura.  Ha pubblicato il romanzo (che nelle sue ambizioni dovrebbe  essere il primo di una trilogia), "Una semplice formalità" vincitore  della terza edizione del premio letterario "Città di Dolianova" e  pubblicato anche in Francia con il titolo "Une simple formalité" e un  racconto "Therachia, breve storia di una parola infame" pubblicato in  una raccolta da Historica Edizioni. Si dichiara cybermarxista ma come  Leonardo Sciascia crede che "Non c’è fuga, da Dio; non è possibile.  L’esodo da Dio è una marcia verso Dio”.

 

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti