Trump distruggerà l'Euro?

 Trump distruggerà l'Euro?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 Nei suoi primi giorni in carica come presidente, 'The Donald' ha firmato così tanti ordini esecutivi e tweet aggressivi da confondere il mondo interno. Una politica che chiaramente emerge dal fumo dei tentativi del ban agli immigrati, l'approvazioni della XL Keystone e le minacce bellicose contro l'Iran, è l'agenda  economica della squadra Trump, definita dall'Assistente del Presidente e Chief Strategist, Steve Bannon, "economia nazionale."  Obiettivi dichiarati finora sono la Cina e la Germania, due nazioni con un surplus commerciale più grande degli Stati Uniti. A ben vedere, tuttavia, Washington si prepara a lanciare quello che James Rickards, consigliere sui mercati dei capitali per la comunità di intelligence degli Stati Uniti, definisce come "guerre valutarie." A parte l'ovvio bersaglio della Cina, il secondo e forse più importante obiettivo è distruggere l'Euro e il suo sistema monetario europeo, sostiene  F. William Engdahl su New Eastern Outlook,

Il 31 gennaio, Peter Navarro, uno dei principali consiglieri economici di Donald Trump e capo del Consiglio nazionale del Commercio della Casa Bianca, ha detto al Financial Times che l'euro è per Berlino un "implicito marco tedesco" che, grossolanamente svalutato, dà alla Germania un vantaggio  nei confronti degli Stati Uniti e degi altri partner europei.  Navarro ha continuato a chiamare la Germania, il nucleo dell'economia dell'Eurozona, "manipolatrice di valuta."   La manipolazione di cui parla Navarro, tuttavia, è la creazione della moneta unica  nel periodo 1999-2002  .



 Non a caso, la Germania ha protestato vigorosamente.  “La Germania è un Paese che ha sempre invitato la Bce a perseguire una politica indipendente, come prima dell’euro già faceva la Bundesbank”. “Per questo noi non influenziamo il comportamento della Bce. Non posso e non voglio cambiare la situazione da come è”  Angela Merkel ha immediatamente dichiarato che la politica monetaria della Banca centrale europea ha il compito di controllare l'inflazione nella zona euro nel suo insieme, affermando inoltre che la Germania non potrebbe manipolare l'euro, anche se volesse, perché la BCE è, in via convenzionale, "indipendente". Questa è solo una mezza verità dal momento che la Germania, il gigante economico della zona euro, ha esercitato un'influenza sproporzionata  nella costruzione dell'Euro nel 1990.  

 Il vero obiettivo della strategia di Navarro, però, non è quello di aumentare le vendite di auto americane in Germania . E' in ultima analisi, distruggere il sistema euro altamente imperfetto e altamente vulnerabile, un potenziale rivale per il ruolo del dollaro come moneta di riserva mondiale. Dal 1944 e Bretton Woods, l'egemonia globale dell'America ha riposato su due pilastri principali:  una potenza militare incontrastata e il dollaro come valuta di riserva mondiale.

 Peter Navarro, professore di economia presso l'Università della California, e Wilbur Ross, consulente di private equity e investitore miliardario, hanno compilato il programma economico di Trump: oggi sono entrambi parte dell'Amministrazione Trump e entrambi chiedono implicitamente la distruzione della zona euro, utilizzando l'argomento che la Germania guadagna sproporzionatamente dall'Euro  , mentre gli Stati Uniti e  i membri della periferia della zona euro come l'Italia, il Portogallo , la Grecia, anche la Francia, hanno perso troppo tempo
 
 Ted Malloch, colui che molto probabilmente diventerà l'ambasciatore degli Stati Uniti all'Unione Europea scelto dalla nuova amministrazione Trump, ha predetto la fine dell'euro in un arco di tempo preciso. In un'intervista alla BBC, Malloch ha previsto che l'euro "potrebbe collassare" in 18 mesi.
 
"Penso che sia una moneta che non solo è morente ma ha un problema reale e potrebbe infatti collassare il prossimomo anno, anno e mezzo.... ". E ancora: "Non sono il solo accademico a pensarlo. Alcuni più famosi come Stiglitz hanno scritto un intero libro sulla materia", ha concluso.

In un'altra intervista, Malloch ha messo nuovamente in dubbio la sopravvivenza della zona euro, sostenendo che Atene dovrebbe tornare alla dracma: “ci sono elevate probabilità che questa volta la Grecia scelga di sua iniziativa di uscire dall’euro”.  

"La sopravvivenza dell'eurozona è un tema all'ordine del giorno. Abbiamo avuto l’uscita della Gran Bretagna e ci sono appuntamenti elettorali in altri Paesi europei, quindi ritengo che sarà qualcosa che si deciderà nel giro del prossimo anno, anno e mezzo. Credo che ciò sia interessante visto dalla prospettiva della Grecia.

Perchè il paese è ancora sull’orlo del collasso: sembra un deja-vu, finirà mai? Credo che questa volta esistano probabilità più alte che sia la stessa Grecia a liberarsi dall’euro””.

Malloch ha detto di essere completamente d'accordo con un tweet di Donald Trump del 2012 nel quale l'attuale presidente Usa sosteneva che la Grecia doveva tornare alla dracma. Anzi, aggiunge Malloch, il tutto sarebbe dovuto avvenire quattro anni fa.

 "Ho viaggiato in Grecia, ha incontrato un sacco di gente, ho amici accademici in Grecia che dicono che questi piani di austerità stanno profondamente danneggiando il popolo greco, e che la situazione è semplicemente insostenibile. Dunque, vale forse la pena di chiedersi se ci possa essere qualcosa di peggio rispetto a quanto sta avvenendo ora”."

"Se il [FMI] non dovesse partecipare ad un nuovo piano di salvataggio che non include la riduzione del debito sostanziale, e questo è quello che dicono, allora è certa la rotta di collisione con i creditori della zona euro", ha aggiunto Malloch, dicendo che era imperativo una riduzione sostanziale del debito pubblico della Grecia.
 
In poche parole, non saranno più gli Stati Uniti a costringere e minacciare i paesi della zona euro a restare insieme, come avvenuto dopo il referendum in Grecia anti-austerità.

Ma perché distruggere l'Euro? Lo storico dell'economia Harold James suggerisce il motivo: "Ma quali sarebbero le conseguenze di una rottura dell'euro? Sarebbe indebolire l'Europa comeconcorrente, ma anche renderla più instabile mentre le vecchie rivalità nazionali si scatenano di nuovo . "Nessuna meraviglia che il cancelliere tedesco e gli altri a Berlino siano iper-nervosi per quello che Trump porterà".
 

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

La CIA cerca russi come nuovi agenti "anti Putin" e non lo nasconde di Marinella Mondaini La CIA cerca russi come nuovi agenti "anti Putin" e non lo nasconde

La CIA cerca russi come nuovi agenti "anti Putin" e non lo nasconde

Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese   di Bruno Guigue Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese

Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno di Gilberto Trombetta Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria di Michelangelo Severgnini Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

La nuova forma di psicologia del mondo digitale di Damiano Mazzotti La nuova forma di psicologia del mondo digitale

La nuova forma di psicologia del mondo digitale

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti