Trump e "la corsa al vaccino": non è solo questione di disinformazione

Trump e "la corsa al vaccino": non è solo questione di disinformazione

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Francesco Erspamer

Non è solo questione di disinformazione. I giornali e telegiornali servono anche a costruire il tipo di cittadini che conviene al sistema liberista, ossia ai miliardari e alle loro multinazionali.



Mi riferisco a un articolo del Fatto quotidiano online dal titolo: "Coronavirus, per Trump è 'America first' anche sul vaccino: ingaggia un militare e un ex di Big Pharma per vincere da solo e battere la Cina". Magari vorrebbe rappresentare una critica al pallone gonfiato che gli americani hanno scelto come loro presidente e che si apprestano a confermare. Ma il messaggio che arriva agli italiani è un altro: che sia tutto competizione e che l'unica cosa che conti sia arrivare primi. Come del resto insegna a tempo pieno lo sport, che qualche decennio fa era principalmente una questione di partecipazione e adesso è solo una questione di predominio e di soldi. Non importa insomma vivere bene, avere abbastanza; importa soltanto vivere meglio degli altri, avere di più. Essere dei vincenti, dei rottamatori.

L'America ossessionata dal bisogno di essere o sentirsi "prima" è quella più squallida, in cui o si fanno molti soldi o si è dei falliti e dunque a rischio di perdere il lavoro in qualsiasi momento, anche solo perché qualcun altro pretende di meno o accetta turni più lunghi o ha una salute migliore, e quando di perde il lavoro si perde automaticamente l'assicurazione sanitaria, ma nessuno protesta perché ammettere il proprio bisogno è riconoscere di non avere meriti, visto che il merito premia il successo e coloro che, appunto, arrivano primi -- e gli altri non sono nessuno.
Per non dire del fatto che neanche si tratta di vittorie reali: per lo più solo mediatiche. Perché il "Fatto" non ha aspettato che la squadra di Trump producesse il vaccino? Che fretta c'era di dare rilevanza a una sparata che fra qualche mese (ma che dico? fra qualche giorno) nessuno ricorderà? È che i fatti sono pochi e controversi, non bucano lo schermo, vanno documentati; le cazzate invece sono inesauribili e neppure vanno verificate in quanto riguardano il futuro.

Un'educazione al consumismo, di prodotti e di idee, questo sono i media: dispositivi per cancellare le ultime tracce di moralità, solidarietà, onore, buon senso, correttezza. Senza di essi il neocapitalismo non potrebbe esistere ma con essi il neocapitalismo è invincibile. Prima ci si rende conto che è la battaglia chiave di questa guerra, e più aumentano le speranze (per ora molto poche) di salvare il nostro paese e il pianeta.

Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci di Francesco Erspamer  Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci

Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci

Ucraina, Draghi come Badoglio di Giorgio Cremaschi Ucraina, Draghi come Badoglio

Ucraina, Draghi come Badoglio

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa di Alberto Fazolo Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti