World Affairs/Trump getta benzina sul fuoco mentre le tensioni razziali raggiun...

Trump getta benzina sul fuoco mentre le tensioni razziali raggiungono il punto di ebollizione

 


di Yu Ning - Global Times
 

“La feccia e i perdenti ti stanno facendo a pezzi. Agisci in fretta!" Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump su Twitter ha lanciato offese contro i manifestanti che rifiutano di tollerare un sistema ingiusto e razzista. Anche se in passato il Presidente ha formulato osservazioni razziste, le parole che ha scelto sullo sfondo delle violente proteste in corso che si stanno diffondendo negli Stati Uniti hanno ancora una volta scioccato molte persone.

 

Le proteste innescate dalla morte di George Floyd si sono diffuse in almeno 140 città nordamericane, ma sembra che Trump abbia fatto ben poco per placare la rabbia. Invece, ha usato i tweet per scagliare insulti e minacce, il che ha alimentato la rabbia e la violenza è aumentata di conseguenza.

 

Chiamando i manifestanti “feccia e perdenti", Trump chiaramente tenta di demoralizzare i manifestanti mentre parla alla sua base elettorale suprematista bianca. Riuscite a immaginare Trump usare le stesse parole per riferirsi ai manifestanti di destra nelle dimostrazioni dei suprematisti bianchi?

 

Le rivolte hanno messo in luce l'ingiustizia razziale nella società statunitense. Le persone scendono in strada per sfogare la loro rabbia e delusione nei confronti del Paese che ha tacitamente permesso la discriminazione razziale.

 

Ma, purtroppo, per via della politica elettorale degli Stati Uniti, l'amministrazione Trump non ha alcun interesse ad ascoltare le loro voci o trovare una soluzione ai problemi sociali radicati.

 

Gli elettori afroamericani sono fondamentali per il Partito Democratico, mentre Trump si basa in gran parte su una base bianca della classe operaia che ha energizzato nel 2016. Durante i disordini in corso, Trump si preoccupa di più di come mettere in imbarazzo e attaccare i democratici e corteggiare gli elettori bianchi. Ha colpito le città gestite dai democratici, esortando "Sindaci e governatori democratici" a "diventare duri" dopo lo scoppio delle rivolte.

 

È difficile dire quando finiranno i disordini. Ma è quasi certo che sotto la guida dell'attuale amministrazione statunitense, specialmente nell'ambito della politica elettorale americana, è difficile trovare una soluzione reale per affrontare l'ingiustizia razziale.

 

La questione razziale è diventata un nodo gordiano per gli Stati Uniti. La disuguaglianza razziale è così profondamente radicata che persino un presidente afroamericano non è riuscito a risolverla. L'uguaglianza razziale non è migliorata durante il mandato dell'ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama, ma è peggiorata. Sotto la politica elettorale americana e dati i difetti istituzionali e strutturali del paese, l'ingiustizia storica e la disuguaglianza non possono essere riparate.

 

Ripetute rivolte sulla questione razziale hanno dimostrato che la politica di uguaglianza razziale degli Stati Uniti ha fallito. Quando la forza degli Stati Uniti era in aumento in passato, il paese è stato in grado di allocare più risorse per lenire le minoranze etniche.

 

Ma gli Stati Uniti stanno declinando e, nel processo, sono scoppiati vari conflitti aggravati dall'epidemia di COVID-19, che ha ulteriormente limitato la capacità degli Stati Uniti di avviare riforme. I due partiti politici degli Stati Uniti non hanno né interesse reale né le risorse necessarie per affrontare completamente la disuguaglianza razziale.

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa