"Un'ombra oscura". La lettera di 50 accademici al NYT sul reportage del 7 ottobre

"Un'ombra oscura". La lettera di 50 accademici al NYT sul reportage del 7 ottobre

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Oltre 50 eminenti professori di giornalismo e studiosi di importanti università statunitensi e canadesi hanno chiesto un'accurata revisione critica riguardo all'inchiesta del New York Times sulle presunte violenze sessuali subite durante l'incursione a sorpresa di Hamas in Israele il 7 ottobre dello scorso anno.

Gli accademici, che rappresentano istituzioni di prim'ordine come la New York University, l'Università della Pennsylvania, la Emory, la Northwestern e l'Università del Texas, tra le altre, ieri hanno fatto pressione sul giornale affinché ingaggiasse un team di esperti di giornalismo per condurre un esame indipendente ed esaustivo dei resoconti, delle procedure editoriali e dell'intero processo di pubblicazione della storia, per poi rendere pubblici i risultati.

"L'impatto della storia del New York Times è difficile da spiegare", hanno scritto i professori in una lettera.


“Si tratta di un periodo di guerra e, nella mente di molte persone, la storia del Times ha alimentato ulteriormente l'incendio in un momento cruciale in cui ci sarebbe potuta essere l'opportunità di arginare il fenomeno prima che, come ha stabilito la Corte internazionale di giustizia, la situazione degenerasse nel campo ‘plausibile’ del genocidio.

Considerando queste gravi circostanze, crediamo che il Times non debba perdere tempo per una revisione indipendente”.

L'ampio “articolo investigativo”, intitolato "Screams Without Words: Sexual Violence on Oct 7", scritto dal corrispondente internazionale Jeffrey Gettleman e da due freelance, accusava il gruppo di resistenza palestinese Hamas di violenza sessuale durante il raid. I dubbi sulla sua accuratezza sono emersi poco dopo la pubblicazione.

I familiari di una delle vittime hanno contestato l'affermazione che fosse stata abusata sessualmente, mentre le incongruenze nelle testimonianze di altri testimoni citati hanno aumentato lo scetticismo.

La lettera al giornale, indirizzata all'editore A.G. Sulzberger, al direttore esecutivo Joe Kahn e al direttore internazionale Philip Pan, sottolinea l'importanza di una revisione indipendente della storia screditata del NYT, che Israele avrebbe utilizzato per raccogliere il sostegno pubblico all'invasione di Gaza.

“Sotto un'ombra oscura”

L'articolo è stato sottoposto a controlli subito dopo la pubblicazione, con un lavoro investigativo attribuito non solo a Gettleman ma anche a due freelance relativamente inesperti di base in Israele.

In particolare, una di loro, Anat Schwartz, “ex funzionario dell'intelligence dell'aeronautica israeliana”, è stata licenziata dal Times dopo che è emerso il suo sostegno online alla trasformazione di Gaza in un “mattatoio”.

Diversi organi di informazione statunitensi, come The Intercept, hanno evidenziato che la Schwartz si è basata su interviste con un gruppo di soccorso poco serio, noto per la manipolazione delle prove e per la diffusione di molteplici narrazioni false sugli eventi del 7 ottobre, tra le quali le affermazioni, ormai sfatate, di agenti di Hamas dediti ad abusi.

“È importante che il New York Times chiarisca i processi attraverso i quali questi freelance, in particolare Schwartz, sono stati controllati e come il loro lavoro sia finito in prima pagina. Sembra che sia stata accordata una fiducia straordinaria a queste persone e il Times avrebbe tratto beneficio dallo spiegare pubblicamente le circostanze che hanno giustificato un affidamento così insolito a freelance per una storia così importante", si legge nella lettera.

La lettera ricorda al NYT di “presentare le prove dei difetti del suo stesso reportage”.

Un articolo apparso sul numero del 26 marzo 2024 del Times riportava che nuove prove video “compromettevano” alcuni importanti dettagli inclusi nel servizio del 31 dicembre di Gettleman, Schwartz e Sella. In quella che sembra essere una decisione insolita, il Times ha aggiunto un “aggiornamento” alla versione online di “Urla senza parole”, segnalando la contraddizione, ma non ha fatto altro che aggiungere un “aggiornamento” alla versione online di “Urla senza parole”.

Words', rilevando la contraddizione, non ha però apportato una correzione alla storia né ha emesso una ritrattazione", si legge.

“Non fare nulla, tuttavia, e lasciare che una nuvola di dubbi incomba su questa storia storicamente importante, farà sì che tutto il giornalismo prodotto dal New York Times nel corso di questo conflitto rimanga sotto un'ombra oscura”, conclude la lettera.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti