USA: legislatori bipartisan chiedono al Pentagono di smettere di acquistare dalla Turchia componenti degli F-35

USA: legislatori bipartisan chiedono al Pentagono di smettere di acquistare dalla Turchia componenti degli F-35

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Continua lo scontro in seno alla NATO tra Stati Uniti e Turchia sulla questione S-400. I sistemi antimissile di fabbricazione russa acquisiti da Ankara. Gli Stati Uniti per rappresaglia hanno deciso di escludere la Turchia dal programma F-35. Però intanto il paese continua a produrre parti fondamentali del caccia e lo farà almeno fino al 2022. Infatti, nonostante la pandemia la Turchia ha continuato la produzione, mentre altri produttori si sono praticamente fermati. 

 

Un gruppo bipartisan di legislatori, quindi, ha deciso di sollecitare il il Pentagono a smettere più rapidamente di acquistare componenti dei caccia F-35 dalla Turchia. Questi deputati, sia democratici che repubblicani, si sono lamentati in una lettera al segretario alla Difesa Mark Esper, il 6 luglio, lamentando il fatto che i piani del Pentagono di acquistare parti dalla Turchia nel 2022 hanno ridotto la pressione degli Stati Uniti. 

 

Gli Stati Uniti hanno ufficialmente rimosso la Turchia dal programma multinazionale nel 2019 per via dell’accordo con la Russia per i sistemi S-400 e hanno terminato l'addestramento sul jet per i piloti turchi. Inoltre, il National Defense Authorization Act del 2020 ha vietato il trasferimento di velivoli F-35. Mentre Ankara afferma che avendo già acquistato e pagato i velivoli stealth deve riceverli ugualmente. 

 

Ma a gennaio il Sottosegretario alla Difesa per l'acquisizione e il sostegno di Ellen Lord ha detto ai giornalisti che avrebbe consentito al primo appaltatore Lockheed Martin e al costruttore di motori Pratt & Whitney di onorare gli obblighi contrattuali esistenti con i produttori turchi per i componenti dell'F-35. Ciò significa che Lockheed riceverà parti turche fino alla fine del lotto 14, con gli aerei destinati a essere consegnati ai clienti nel 2022, scrive Defense News.

 

I produttori turchi sono coinvolti nella costruzione di oltre 900 parti per l'F-35 e funzionari del Pentagono hanno dichiarato a novembre di aver trovato fornitori sostitutivi per quasi tutti i componenti in questione. Il trasferimento della produzione dalla Turchia agli Stati Uniti costerebbe oltre 500 milioni di dollari. 

 

"Sulla base delle recenti rivelazioni, è chiaro che il Pentagono non sta seguendo la propria linea temporale o l'intenzione del Congresso in questa materia", si legge nella lettera. “La invitiamo a riesaminare l'attuale approccio e ad agire per garantire una rapida rimozione della Turchia dalla linea di produzione, come richiesto dalla legge”. 

Potrebbe anche interessarti

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti