Usa potranno impugnare sentenza che ha bloccato l'estradizione di Assange

Usa potranno impugnare sentenza che ha bloccato l'estradizione di Assange

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Non è certo una bella notizia, anzi.

Infatti, gli Stati Uniti potranno impugnare una sentenza del tribunale britannico che ha bloccato la richiesta di estradizione di Washington per il cofondatore di WikiLeak, Julian Assange.

Il governo degli Stati Uniti ha ricevuto un "permesso limitato" per contestare la decisione del Regno Unito di non inviare Assange negli Stati Uniti per essere processato, ha riferito WikiLeaks. 

L'Alta Corte di Londra stabilì a gennaio che il giornalista imprigionato non dovrebbe essere estradato, facendo riferimento alla sua salute mentale e il suo benessere, non compatibile con il regime carcerario duro degli Usa.

Assange ha già trascorso più di due anni dietro le sbarre nella prigione di massima sicurezza di Belmarsh a Londra. Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha accusato il giornalista australiano ai sensi dell'Espionage Act, accusandolo di aver trapelato informazioni classificate nel 2010.

All'epoca, WikiLeaks pubblicò documenti che descrivono in dettaglio gli abusi, inclusi possibili crimini di guerra, compiuti dall'esercito americano in Afghanistan e Iraq. Se dichiarato colpevole, Assange potrebbe essere condannato a 175 anni dietro le sbarre. 

Ci sono state crescenti richieste per il rilascio di Assange in seguito alla decisione di bloccare la sua estradizione, con molti che sostengono che non ci sono più ragioni sufficienti per tenerlo in prigione. 

Il caso statunitense contro il giornalista ha subito una grave battuta d'arresto il mese scorso, dopo che un testimone chiave ha ammesso a un'agenzia di stampa islandese di aver fabbricato accuse contro l'attivista australiano.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il Govermo dei padroni di Giorgio Cremaschi Il Govermo dei padroni

Il Govermo dei padroni

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia di Pasquale Cicalese I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico di Michelangelo Severgnini Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti