USA senza difese: il missile ipersonico SM-6 non è in grado di intercettare i missili russi

USA senza difese: il missile ipersonico SM-6 non è in grado di intercettare i missili russi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Difesa e Intelligence è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel canale e restare sempre aggiornato

Gli Stati Uniti posseggono la capacità di intercettare i missili ipersonici? Il vice ammiraglio della marina John Anthony Hill, direttore dell'Agenzia di Difesa Missilistica degli Stati Uniti, ha affermatoche il missile Standard Missile 6 (SM-6) potrebbe intercettare un missile ipersonico.

Il giornalista statunitense Joseph Trevithick, scrive su The Drive nella rubrica War Zone: «Non è la prima volta che John Hill, uno specialista, che tra l'altro non possiede una specializzazione nel campo dell'ingegneria missilistica e aeronautica, fa una dichiarazione del genere. L'ufficiale statunitense può avere le nostre simpatie a questo punto. L'agenzia che attualmente presiede sta cercando di implementare il programma GPI (Glide Phase Interceptor) per migliorare il sistema di difesa missilistica statunitense già da due anni, anche se senza successo». 

Nella primavera del 2019, il vice ammiraglio ha annunciato che il sistema d'arma regionale Glide Phase Weapon System potrebbe essere integrato con l'attuale lanciatore universale Mk 41, che potrebbe essere montato sia su navi da guerra che su strutture a terra. Tuttavia, il programma RGPWS è stato successivamente accorciato e sostituito con uno nuovo - GPI, che tuttavia è ancora nella sua fase embrionale. 

«Tuttavia - spiega Trevithick - dati i modesti fondi che il Congresso degli Stati Uniti ha stanziato per l'attuazione del programma, tali risultati non sembrano essere sorprendenti. Così, nel 2020, i militari hanno richiesto solo 116,7 milioni di dollari per creare una nuova modifica a lungo raggio del missile SM-6/Block IB. In generale, questo programma costerà ai contribuenti statunitensi quasi 380 milioni di dollari. Si tratta di denaro insignificante per la creazione di un tipo di arma fondamentalmente nuovo. Per confronto, secondo la Boeing Corporation, la creazione di un nuovo tipo di aereo di linea passeggeri costa almeno da 1,5 a 2 miliardi di dollari. Allo stesso tempo, secondo i piani del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, l'SM-6 Block IB a lungo raggio non arriverà prima del 2024.

Nella primavera del 2020, il vice del Dipartimento della Difesa USA Michael Griffin, che è responsabile dei lavori di ricerca e sviluppo in campo militare, ha anche riferito sullo stato del progetto per creare una versione migliorata del missile SM-6. Griffin ha anche annunciato che il prodotto potrebbe essere messo alla prova già nel 2023.

Il 16 aprile 2021, il sito web della ‘Missile Defense Advocacy Alliance’, specializzata in armi ipersoniche, ha affermato che il missile SM-6 ha gestito con successo la minaccia di manovra avanzata. Tuttavia, non è stata specificata né la data né il luogo del test.

Barbara McQuiston, vice sottosegretario della Difesa per la ricerca e l'ingegneria, ha parlato davanti alla commissione competente del Congresso degli Stati Uniti l'8 dicembre di una svolta nello sviluppo del nuovo missile ipersonico. Le informazioni sul suo discorso sono apparse il 9 dicembre in un rapporto speciale al Congresso firmato da Ronald O'Rourke.

Curiosamente, John Hill, Barbara McQuiston e Ronald O'Rourke non appartengono alla schiera degli ingegneri della scienza missilistica. Sono funzionari, che portano responsabilità. Pertanto, in assenza dei necessari riferimenti e chiarimenti, le loro dichiarazioni scoppiettanti possono essere considerate infondate».

Il missile SM-6

Il RIM-174 (Extended Range Active Missile (ERAM) Standard Missile 6 (SM-6) è un sistema Raytheon a due stadi con motori a propellente solido. Ha una velocità di Mach 3,5, la sua lunghezza è di 6,6 metri (diametro massimo - 530 mm). Il peso di lancio del missile è di circa 1,5 tonnellate, con 64 kg per la testata a frammentazione. Il prodotto è dotato di un sistema di navigazione inerziale e di un cercatore, cioè di una testa di puntamento che funziona sia in modalità attiva che passiva. Il raggio di tiro della prima modifica di serie del Blocco 1A è insignificante: non supera i 240 chilometri (anche se, secondo alcuni rapporti, dopo la sostituzione della centrale elettrica, il raggio è stato aumentato a 400 km). L'altitudine massima è di 34 km. Dal 2013 sono stati prodotti almeno 500 pezzi e ne sono stati ordinati 1.800.

Vale la pena notare qui che il complesso Mk 41 che viene utilizzato per lanciare l'SM-6 è installato sugli incrociatori del progetto Ticonderoga e sui cacciatorpediniere Arleigh Burke. È anche usato per il complesso di terra stazionario Aegis Ashore. Allo stesso tempo, secondo l'esercito statunitense, il missile è stato anche utilizzato con successo contro obiettivi aerei con correzione di guida utilizzando il caccia F-35.

Dopo il completamento dei lavori di sviluppo, l'SM-6 Block IB della serie Flight III potrebbe diventare il missile principale per i cacciatorpediniere della classe Zumwalt e Arleigh Burke.

Joseph Trevithick è pessimista sulle favolose capacità dell'SM-6. Secondo lui, se c'è la possibilità di intercettare obiettivi ipersonici (cosa di cui dubita fortemente), allora può essere possibile solo per pezzi separatamente modificati di tali sistemi.

Gli esperti specializzati russi notano che la capacità di un antimissile di raggiungere velocità superiori a Mach 5 non significa che sarà in grado di distruggere un bersaglio di manovra. Nel 2021, l'SM-6 non è riuscito a neutralizzare un obiettivo balistico convenzionale.

L'analista militare colonnello Yuri Knutov - afferma la Pravda - ritiene che gli anti-missili statunitensi non sono in grado di manovrare in modo simile alle testate ipersoniche russe. Pertanto, l'SM-6 non sarà in grado di tenere il loro passo. Inoltre, per intercettare i missili in grado di accelerare a Mach 5, è necessario disporre di stazioni speciali per rilevare tali testate, ha osservato l'esperto.

I professionisti sanno che per colpire con successo un bersaglio, l'intercettore dovrebbe sviluppare una velocità doppia rispetto a quella del bersaglio. Il rapporto ideale a questo punto è 1:3 o anche più alto. Nel frattempo, l'SM-6, come detto, non è affatto un missile ipersonico: la sua velocità massima non supera Mach 3,5, che è una velocità del suono sotto la soglia ipersonica.

Può abbattere un bersaglio ipersonico?

I funzionari statunitensi sostengono che l'SM-6 sarà in grado di intercettare i missili ipersonici russi di ultima generazione Avangard, Zircon o Kinzhal. Gli analisti stranieri dicono che i missili ipersonici russi sono vulnerabili nella sezione attiva - in accelerazione - della traiettoria. Il loro lancio è chiaramente visibile dallo spazio, proprio come il lancio di qualsiasi altro missile balistico intercontinentale.

Inoltre, gli analisti stranieri sviluppano la loro idea dicendo che quando si avvicinano al bersaglio, i suddetti missili ipersonici russi rallentano la loro velocità per non mancare il bersaglio.

Oltre all'SM-6, gli USA possono usare anche i missili THAAD, che hanno mostrato risultati eccezionali e possono raggiungere velocità fino a Mach 8,5, che è una velocità ipersonica.

In primo luogo, il lancio di missili ipersonici può effettivamente essere visto dallo spazio, ma per vederlo, bisogna monitorare costantemente quasi tutta la superficie del globo. La Russia può lanciare il suo missile ipersonico da un bombardiere strategico, da un aereo intercettore d'alta quota MiG-31 e da un sottomarino nucleare, la cui posizione è sconosciuta.

È anche importante notare che per puntare, l'antimissile statunitense ha semplicemente bisogno di un sistema radar in grado di rilevare obiettivi ipersonici. Un rapporto che il Congresso degli Stati Uniti ha preparato all'inizio di dicembre 2021 diceva che la Russia era l'unico paese che aveva un tale complesso radar - Rezonans-N. Pertanto, lo sviluppo della velocità ipersonica non darà alcun vantaggio al missile statunitense.

Parlando del sistema russo Avangard, non bisogna dimenticare che questa testata non è un missile, ma un aliante capace di manovre attive ad angoli inimmaginabili e irraggiungibili per qualsiasi missile. Volando a velocità fino a Mach 27, il sistema utilizza un'inerzia colossale e ha poche restrizioni di manovra. La manovra anti-missile si basa innanzitutto sul limite di carburante. Pertanto, inseguire l'Avangard o lo Zircon è una missione senza speranza.

Gli Stati Uniti si sono trovati senza difese contro una minaccia esterna per la prima volta nella storia. Sembra che anche molti altri paesi del mondo ne siano consapevoli, e si stanno preparando per una nuova era di relazioni internazionali, senza gli USA, a venire.

 

Difesa e Intelligence è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel canale e restare sempre aggiornato

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...