Venezuela, economista spiega: «L'inflazione è indotta attraverso il tasso di cambio del mercato illegale»

Venezuela, economista spiega: «L'inflazione è indotta attraverso il tasso di cambio del mercato illegale»

Secondo il parere dell’economista Pasqualina Curcio, che confuta la propaganda mainstream, il rialzo dell'inflazione è parte della guerra economica

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Fabrizio Verde
 

L’aumento dell’inflazione è uno degli argomenti maggiormente utilizzati contro la Repubblica Bolivariana del Venezuela. Si accusa il governo socialista di una cattiva gestione economica del paese che sarebbe alla base di questo fenomeno. 

 

Invece, secondo il parere dell’economista Pasqualina Curcio, l’inflazione in Venezuela è indotta attraverso il tasso di cambio del mercato illegale. 

 

L’esperta, intervistata dall’emittente Venezolana de Televisión, ha spiegato che la teoria economica sostiene che i prezzi aumentano quando nei mercati diminuiscono i livelli di produzione. A questo proposito ha aggiunto che si è verificato un calo nei livelli di produzione dell’economia venezuelana negli ultimi quattro anni, ma che questo non giustifica l’incremento sproporzionato dei prezzi. 

 

«Quando analizziamo i livelli di produzione dell’economia venezuelana dal 2012 ad oggi, notiamo che quattro anni di guerra economica li hanno diminuiti, così come la diminuzione del prezzo del petrolio, ma non a un livello tale da giustificare questo sproporzionato aumento dei prezzi», ha spiegato l’economista. 

 

Evidenziando che i livelli di produzione degli ultimi quattro anni si collocano in media attorno al 9%, una cifra superiore ai precedenti degli ultimi 30 anni. 

 

«Cosa sta accadendo? - si chiede Pasqualina Curcio - L’inflazione è indotta? Come? Attraverso il tasso di cambio illegale. Storicamente in Venezuela il tasso di cambio segna i prezzi interni. Perché? Perché importiamo il 35% dei beni, e sono importati dai grandi monopoli, che hanno la capacità di fissare i prezzi».

 

L’economista ha inoltre spiegato che il tasso di cambio illegale non ha alcuna corrispondenza con le variabili economiche. Aggiungendo che questo tipo di cambio illegale non corrisponde, per esempio, ai livelli delle riserve internazionali, dato che questo indicatore non ha subito una precipitosa caduta che possa spiegare incrementi sproporzionati dei prezzi.

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Il macronismo al suo ultimo atto? di Paolo Desogus Il macronismo al suo ultimo atto?

Il macronismo al suo ultimo atto?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani di Giacomo Gabellini Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora di Giuseppe Masala Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti