Venezuela: smontate le fake news di opposizione e media mainstream sulla morte di Neomar Lander

Venezuela: smontate le fake news di opposizione e media mainstream sulla morte di Neomar Lander

L’autopsia effettua sul corpo del ragazzo conferma che un'esplosione ha provocato la morte del ragazzo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Fabrizio Verde
 

Ancora una morte in Venezuela figlia della violenza cieca di un’opposizione golpista decisa a spodestare con ogni mezzo il legittimo governo socialista guidato da Nicolas Maduro. 

 

A cadere è il diciassettenne Neomar Lander, morto per l’esplosione di un bazooka artigianale oppure dell'esplosivo che voleva utilizzare contro la Guardia Nazionale Bolivariana schierata per impedire il passo ai manifestanti violenti dell’opposizione che avevano intenzione di raggiungere il centro di Caracas e in particolare il Consiglio Nazionale Elettorale (CNE). La manifestazione era in svolgimento a Chacao, nello Stato Miranda guidato dal uno dei leader della MUD, Henrique Capriles. 

 

C’è un video pubblicato sul proprio profilo Twitter dal fotoreporter Román Camacho che conferma come la morte del giovane manifestante sia avvenuta a causa dell’esplosione del bazooka artigianale o dell'esplosivo che stava manipolando e non a causa di un lacrimogeno lanciato dalle forze dell’ordine, come hanno cercato di far credere alcuni dirigenti dell’opposizione e media vicini alla destra. 

 

In Italia alcuni fake media tra cui spiccano La Repubblica e il Tg1, hanno rilanciato la notizia della morte del giovane Lander senza specificare come essa sia avvenuta. Un maldestro tentativo di manipolare la notizia e addossare la responsabilità al governo. Ancora una volta i fatti li smentiscono clamorosamente. 

L’autopsia effettua sul corpo del ragazzo conferma che l’esplosione ha provocato la morte del ragazzo. «I risultati della perizia effettuata dal medico legale rivela che la terribile morte di Neomar Lander non è avvenuta a casa dello sparo di un lacrimogeno», ha spiegato il Difensore del Popolo, Tarek William Saab. Dall’autopsia è inoltre emerso che il ragazzo presentava fratture alle costole, una bruciatura all’avambraccio causata dall’utilizzo di un esplosivo artigianale e lo scoppio del polmone sinistro con conseguente emorragia interna. 

 

Il Ministerio Publico ha incaricato il 98° procuratore distrettuale dell’Area Metropolitana di Caracas di investigare sulla morte di Neomar Lander, come reso noto dal potere giudiziario. 

 

Bisogna sottolineare che i dirigenti della destra e i fake media - in prima fila quelli italiani - escono con le ossa rotte da questa vicenda dove ancora una volta con un’operazione di sciacallaggio si è cercato di incolpare il governo Maduro per la morte di un giovane manifestante causata dall’incitazione all’odio e dalle trame golpiste dell’irresponsabile opposizione venezuelana. 




Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni di Thomas Fazi Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

La rabbia sociale non è fascismo di Michelangelo Severgnini La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti