Veto Usa su riconoscimento della Palestina. Le reazioni di Mosca e Pechino

Veto Usa su riconoscimento della Palestina. Le reazioni di Mosca e Pechino

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Nella giornata di giovedì, gli Stati Uniti hanno posto il veto al Consiglio di sicurezza Onu su un progetto di risoluzione che avrebbe consentito alla Palestina di diventare un membro permanente delle Nazioni Unite.

Durante la votazione, 12 paesi hanno votato a favore, due (Regno Unito e Svizzera) si sono astenuti e gli Stati Uniti hanno votato contro.

Washington non crede che la Palestina “soddisfi i criteri per essere uno Stato”

Nel suo discorso, il viceambasciatore del Paese nordamericano, Robert Wood, ha affermato che "non c'è unità tra i membri del Consiglio di Sicurezza" sulla questione se il candidato "soddisfi i criteri per l'ammissione di nuovi membri, soprattutto se soddisfa i requisiti criterio dell’essere Stato”.

Nelle sue parole, gli Stati Uniti "chiedono da tempo all'Autorità Palestinese di intraprendere le riforme necessarie per contribuire a stabilire le caratteristiche della preparazione allo stato". Ha anche accusato Hamas di essere uno dei motivi per bloccare la risoluzione, dal momento che il movimento "esercita attualmente potere e influenza a Gaza, parte integrante dello Stato previsto in questa risoluzione".

Wood ha sottolineato che la priorità per Washington è la normalizzazione delle relazioni tra Israele e i suoi vicini arabi, ribadendo che la normalizzazione è "la via più praticabile da seguire in quella che era stata una situazione difficile tra israeliani e palestinesi".

All’inizio di questo mese, la Palestina ha chiesto di essere ammessa come membro a pieno titolo delle Nazioni Unite. Ha lo status di osservatore dal 2012, ma la piena adesione equivarrebbe al riconoscimento dello stato della Palestina, alla quale Israele si oppone. 

Mosca: "Gli Stati Uniti stanno cercando di costringere i palestinesi a sottomettersi incondizionatamente a Israele"

Da parte sua, la Russia, che ha chiesto il voto, ha attaccato gli Stati Uniti, lamentando che, con questa decisione, Washington cerca di spezzare la volontà dei palestinesi e costringerli a sottomettersi a Israele. "Gli Stati Uniti sono pronti a chiudere un occhio fino alla fine sui crimini di Israele contro i civili di Gaza, e ad ignorare le attività di insediamento illegale di Gerusalemme Ovest in Cisgiordania", ha dichiarato dopo il voto il rappresentante permanente della Russia presso l'ONU, Vasili Nebenzia.

Ha assicurato che l'obiettivo di Washington è "spezzare la volontà dei palestinesi, costringerli a sottomettersi incondizionatamente alla potenza occupante, trasformarli in servi e persone di seconda classe, e forse anche sterminarli ed espellerli dal loro territorio natale.”

La Cina è “delusa” dal veto americano sulla piena adesione dei palestinesi all’ONU

L’ambasciatore cinese presso le Nazioni Unite Fu Cong ha dichiarato che la Cina “è molto delusa” dal veto degli Stati Uniti sulla richiesta palestinese di piena adesione all’ONU al Consiglio di Sicurezza.

"Oggi è un giorno triste", ha detto Fu Cong. "A causa del veto degli Stati Uniti, la richiesta della Palestina di diventare membro a pieno titolo delle Nazioni Unite è stata respinta e il sogno decennale del popolo palestinese è andato in frantumi.”

"La creazione di uno Stato indipendente è stato il desiderio a lungo accarezzato dal popolo palestinese per generazioni, e l'adesione formale all'ONU è un passo fondamentale in questo processo storico", ha aggiunto Fu.

Il diplomatico cinese ha ricordato che "tredici anni sono abbastanza, ma i paesi interessati continuano a lamentarsi che non c'è abbastanza tempo e che non dovrebbero agire in fretta. Tale affermazione è falsa. Ora più che mai, è più urgente che mai ammettere pienamente la Palestina adesione alle Nazioni Unite",

Secondo Cong la Cina "non può essere d'accordo" con l'affermazione secondo cui "lo Stato palestinese non ha la capacità di governare il Paese".

"La situazione in Palestina ha subito molti cambiamenti negli ultimi 13 anni, il più fondamentale dei quali è la continua espansione degli insediamenti in Cisgiordania. Lo spazio vitale della Palestina come paese è stato continuamente ridotto, e le fondamenta dei due Stati è stata continuamente erosa", ha spiegato.

Il diplomatico cinese ha denunciati che "i paesi interessati hanno chiuso un occhio su questo, hanno adottato un atteggiamento di acquiescenza o addirittura di connivenza, e ora stanno mettendo in discussione la capacità della Palestina di governare. Questa è completamente una logica da gangster che confonde giusto e sbagliato".

Chiedersi se la Palestina soddisfi i criteri di adesione stipulati nella Carta delle Nazioni Unite e se la Palestina sia "amante della pace" è "troppo". "Per il popolo palestinese che ha sofferto l'occupazione, questo è semplicemente sale sulle ferite e rappresenta un grande insulto", ha concluso Fu.

 -------------

L'AntiDiplomatico e LAD edizioni sono impegnati a sostenere l'associazione "Gazzella", in prima linea nel sostegno della popolazione di Gaza. 

Con l'acquisto di "Il Racconto di Suaad" (Edizioni Q - LAD edizioni) dal nostro portale, finanzierete le attività di "Gazzella".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici? di Paolo Arigotti La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti