Video. Hezbollah mostra al mondo le menzogne di Netanyahu sui missili vicini a infrastrutture civili

Video. Hezbollah mostra al mondo le menzogne di Netanyahu sui missili vicini a infrastrutture civili

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu aveva dichiarato nel corso della 75a sessione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite che Hezbollah immagazzina missili vicino a un impianto di gas.


 
In risposta, il segretario generale di Hezbollah, Seyed Hasan Nasrallah, ieri, aveva smentito le accuse, ricordando che  Resistenza "non posizionerà mai i suoi missili vicino ad aree o infrastrutture civili . "Sappiamo molto bene dove posizionare i nostri missili", ha avvertito il leader del movimento libanese, aggiungendo che avrebbe permesso ai media di entrare nelle strutture di cui ha parlato Netanyahu in modo che il mondo scopra la sua bugia.
 
 

 
 
 
Detto, fatto, proprio ieri sera, una grande folla di giornalisti e corrispondenti è entrata nelle strutture di Al-Jnah a Beirut.
 
Il capo delle relazioni con i media di Hezbollah, Muhamad Afif, ha spiegato che la Resistenza ha "immediatamente" organizzato la visita per mostrare al mondo e al popolo libanese che le affermazioni di Netanyahu sono "pure bugie".
 
“Abbiamo subito organizzato la visita per dimostrare che nessun missile è schierato in questa zona e anche per provare la bugia di Netanyahu (…) Il nemico sta mentendo. Queste strutture industriali appartengono alla cittadinanza libanese. Ci sono solo lavoratori lì, non ci sono missili ", ha ribadito Afif ai media.
 
Il funzionario di Hezbollah ha anche sottolineato che il nemico non potrà in questo modo ottenere informazioni sulla posizione dei missili dal movimento libanese.
 
Netanyahu ha più volte mosso accuse infondate circa l'ubicazione del deposito dei missili dei "suoi nemici".
 
In un discorso pronunciato il 27 settembre 2018, prima della 73a sessione dell'UNGA, Netanyahu sostenne che l'Iran aveva un "deposito segreto" dove ha immagazzinato "un'enorme quantità di attrezzature e materiali dal programma segreto di armi nucleari. "Mentre esponeva poster con una mappa e una fotografia di un edificio dall'aspetto innocuo, con il nome" Turquzabad ".
 
Successivamente, si è saputo che l'ormai famoso edificio non è altro che un impianto di pulizia di tappeti e che i suoi proprietari si erano anche arrabbiati per il disagio causato dalle dichiarazioni di Netanyahu.
 
Il potere distruttivo dei razzi di Hezbollah spaventa Israel . Dall'ultima guerra di Israele contro il Libano nel 2006, la capacità deterrente di Hezbollah è aumentata notevolmente, come ammesso dalle autorità israeliane, le quali ipotizzano che il movimento abbia circa 150.000 missili nel suo arsenale.
 

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Covid 19: la situazione in Russia di Marinella Mondaini Covid 19: la situazione in Russia

Covid 19: la situazione in Russia

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Italia unico paese europeo con i salari minori rispetto al 1990 di Gilberto Trombetta Italia unico paese europeo con i salari minori rispetto al 1990

Italia unico paese europeo con i salari minori rispetto al 1990

I migranti in Libia: “Riportateci a casa” di Michelangelo Severgnini I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti