Video (immagini forti). Il fascismo in diretta in Venezuela. Chi non denuncia è complice...

Video (immagini forti). Il fascismo in diretta in Venezuela. Chi non denuncia è complice...

Non è nessuna protesta pacifica o legittima, è un crimine di odio. E' fascismo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Immagini forti. Sconsigliate ad un pubblico sensibile. 

Mostrano due gruppi di terroristi, fascisti in Venezuela ("manifestanti pacifici" come i "ribelli moderati" in Siria) che, nel primo, rincorrono un ragazzo dentro la metro ad Altamira (quartiere ricchissimo di Caracas e centro dell'azione sovversiva in corso), per poi bruciarlo vivo così come fatto con Orlando Figueroa e tanti altri; e che, nel secondo video, si accaniscono con il corpo bruciato di un cadavere ucciso poco primo.







Non è nessuna protesta pacifica o legittima, è un crimine di odio. E' fascismo. Chi non lo condanna, ma anzi lo sostiene (Mogherini, UE, governi fantoccio Usa, quindi governo Gentiloni....) dovrà presto fare i conti con la storia. Chi non condanna apertamente (il Parlamento italiano che addirittura ieri appludiva il padre del golpista fascista Leopoldo Lopez) è complice di tutto questo e dovrà presto fare i conti con la storia. Chi non denuncia (i media di regime) è complice e i conti con la storia si sommano giorno dopo giorno.



Ma il nostro appello è agli amici elettori del PD, partito di riferimento di questo governo che non solo in Europa (Mogherini) e in Italia (Renzi prima e Geniloni poi) non condanna apertamente questi crimini di fascismo, ma li fomenta sostenendo quelle destre venezuelane che nell'ennesimo tentativo di sovversione violenta dell'ordine costituito (dopo i l2002 e il 2014) da tre mesi tiene sotto ostaggio un paese ed è responsabile di oltre 80 morti e più di mille feriti.

Ecco, caro elettore del PD, non pensi che il tuo partito di riferimento dovrebbe condannarli questi atti? L'antifascismo vale solo in Italia? In Ucraina e in Venezuela?

Ecco, caro elettore del PD, non pensi che i tuoi giornali di riferimento debbano denunciare quello che hai visto in quei video e non censurarli ogni giorno per mostrarti l'imagine distorta di "manifestanti pacifici", così come erano "ribelli moderati" in Siria? 
 

Il servizio di immagini e video è pubblicato contemporaneamente su Contropiano e Lantidiplomatico

Potrebbe anche interessarti

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO di Giorgio Cremaschi 28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'" di Marinella Mondaini Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Buoni a nulla di Alberto Fazolo Buoni a nulla

Buoni a nulla

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda di Giuseppe Masala "Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire di Antonio Di Siena Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA di Gilberto Trombetta VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo di Michelangelo Severgnini Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo