Viktor Medvedchuck - Perché è necessaria una nuova Norimberga contro il nazismo ucraino

Viktor Medvedchuck - Perché è necessaria una nuova Norimberga contro il nazismo ucraino

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Viktor Medvedchuck è stato uno dei protagonisti della prima fase dell'operazione speciale russa in Ucraina. Arrestato dal regime di Zelensky il 27 febbraio del 2022 per "terrorismo", è stato protagonista il 21 settembre 2022 di uno scambio di prigionieri che lo ha portato a Mosca. Dalla Russia, il leader del partito Piattaforma di Opposizione ed ex consigliere del presidente Leonid Kucma ha promesso di combattere alle fondamenta l'ideologia del regime di Kiev. 

Il testo che l'AntiDiplomatico vi pubblica in italiano (qui la versione russa) argomenta nel dettaglio perché, dal suo punto di vista, sia necessario che la comunità internazionale si doti di un "nuovo tribunale di Norimberga" che possa giudicar i responsabili degli odiosi crimini commessi dal regime che si è installato a Kiev dopo il golpe del 2014. 


----------------------------------------------


di Viktor Medvedchuck*


Dopo il "crollo" dell'URSS e l'emergere di un'Ucraina indipendente, i politici occidentali e i servizi speciali ucraini hanno iniziato il revival del nazismo e la promozione delle sue idee attraverso l'introduzione dell'ideologia nazionalista nella coscienza pubblica degli ucraini. Secondo i piani occidentali, un'Ucraina nazificata doveva diventare un'"arma" contro la Russia.

Uno degli ideologi del nazionalismo ucraino è Dmitrij Dontsov. La dottrina del nazionalismo integrale da lui delineata nel suo libro "Nazionalismo" (materiale estremista, distribuzione vietata nella Federazione Russa) è diventata l'ideologia di base dell'Organizzazione dei Nazionalisti Ucraini (OUN) e successivamente dell'Esercito Insurrezionale Ucraino (UPA) (vietato nella Federazione Russa).


Le idee e i metodi del nazismo, che si sono recentemente diffusi in Ucraina, sono stati ereditati dall'OUN-UPA.


Nell'aprile del 1941, in occasione del II Grande Raduno dei Nazionalisti Ucraini, tenutosi a Cracovia (all'epoca situata nella Germania di Hitler), il ramo "Bandera" si proclamò come l'"unica vera" OUN. Stepan Bandera fu dichiarato nuovo leader dell'UUN. Il saluto ufficiale dell'OUN era "alzare il braccio destro raddrizzato a destra obliquamente sopra la testa con le parole "Gloria all'Ucraina" - "Gloria agli eroi", saluto copiato dagli ideologi della Germania hitleriana. I colori della bandiera dell'OUN erano riconosciuti come rosso e nero.
Durante la Grande Guerra Patriottica, l'OUN-UPA si macchiò di collaborazione con la Germania nazista e di partecipazione allo sterminio di massa dei civili da parte degli occupanti.

Nell'agosto 1941, i Banderiti inviarono a Berlino il Memorandum dell'OUN (Bandera) sui termini della cooperazione dell'OUN con la Germania di Hitler. Il memorandum iniziava con le seguenti parole: "L'Organizzazione Militare Ucraina (UWO) e il suo successore Organizzazione dei Nazionalisti Ucraini (OUN), sotto la guida di Eugen Konovalets, fin dall'inizio della sua esistenza si proposero di cooperare con il Reich tedesco contro la Polonia e Mosca, con l'intesa che il Reich tedesco avrebbe patrocinato la nascita di uno Stato ucraino unito indipendente.

Dopo la sconfitta dei nazisti nella Seconda Guerra Mondiale, molti attivisti dell'OUN-UPA finirono nei Paesi occidentali, soprattutto in Canada e negli Stati Uniti, compresi gli ispiratori ideologici degli attuali membri della Bandera di Kiev.

La CIA progettava di usare l'Ucraina contro la Russia fin dagli anni Cinquanta. Recentemente l'intelligence statunitense ha declassificato alcuni dei suoi archivi e copie di documenti declassificati del 1958-59 sono apparse sui media. Come si evince dal contenuto dei documenti, lo scopo delle agenzie di intelligence statunitensi era quello di utilizzare le tendenze nazionaliste ucraine per la guerra politica e psicologica contro la Russia e l'URSS.

I servizi segreti statunitensi sostenevano che il nazionalismo ucraino era molto più forte nelle province occidentali, ma non era limitato alla Galizia e, finché fosse esistita una forza nazionalista, l'avrebbero sostenuta per mobilitarsi in qualsiasi momento, se necessario.

Negli anni '50 la CIA individuò l'OUN nazista (vietata nella Federazione Russa) per fornire manodopera e supporto operativo ai progetti di nazificazione in Ucraina. I gruppi target di questi progetti non erano solo la popolazione dell'Ucraina sovietica, ma anche la minoranza ucraina in Polonia e gli emigrati ucraini in Europa occidentale, Sud America e Australia.


La storia moderna dell'Ucraina ha dimostrato che questi progetti dei servizi segreti occidentali continuano fino ai giorni nostri.

Così, la "Rivoluzione arancione" del 2004, iniziata dagli Stati Uniti e dai suoi satelliti europei, ha portato al potere in Ucraina il presidente filo-americano Viktor Yushchenko. È stato durante il suo governo che manifestazioni aperte di nazionalismo e nazismo hanno ripreso vigore nell'Ucraina post-sovietica. Ogni anno, il 1° gennaio, giorno del compleanno di Stepan Bandera, con il permesso delle autorità, iniziarono a tenersi fiaccolate in onore di questo criminale nazista. I diplomatici occidentali hanno ignorato queste marce, incoraggiando la rinascita del nazismo nel centro dell'Europa.



Corteo di fiaccole in Ucraina. Foto: RIA Novosti


Nel maggio 2006, su iniziativa di Yushchenko, è stato creato l'Istituto ucraino per la memoria nazionale,
un organo esecutivo centrale con status speciale. Con la creazione di questo istituto, è iniziata la nazificazione dell'Ucraina a livello statale.

L'istituto ha perseguito una politica di falsificazione della storia dell'Ucraina e di imposizione di atteggiamenti russofobici e antirussi alla popolazione. Per raggiungere i suoi obiettivi, sviluppò i primi disegni di legge palesemente russofobi: "Sulla condanna dei regimi totalitari comunista e nazionalsocialista (nazista) in Ucraina e sul divieto di propaganda dei loro simboli", "Sullo status giuridico e la memoria dei combattenti per l'indipendenza dell'Ucraina nel XX secolo", "Sulla commemorazione della vittoria sul nazismo nella Seconda guerra mondiale 1939-1945" e "Sull'accesso agli archivi degli organi di repressione del regime totalitario comunista 1917-1991", adottati nell'aprile 2015.

Su iniziativa dell'Istituto, nel 2007 Yushchenko ha conferito postumo il titolo di "Eroe dell'Ucraina" a Roman Shukhevich, criminale nazista, uno dei leader dell'OUN(b) e del battaglione Nachtigal formato da suoi membri e sostenitori, addestrato dall'intelligence militare di Hitler per agire nella SSR ucraina come parte dell'unità sovversiva "Brandenburg 800".

Il 22 gennaio 2010 Yushchenko ha conferito il titolo di "Eroe dell'Ucraina" a un altro nazista, Stepan Bandera.

Nel 2008, sotto il Presidente Yushchenko, è stato installato un monumento ai soldati della Divisione SS "Halychyna" (vietata in Russia). I permessi necessari per l'installazione del monumento sono stati rilasciati da rappresentanti del potere statale. Così, lo Stato ha partecipato all'installazione del monumento a coloro che sono stati riconosciuti come criminali di guerra e nazisti dal Tribunale di Norimberga. La 14ª Divisione di fanteria volontaria SS "Galizia" è una suddivisione delle truppe SS della Germania nazista. La creazione della divisione fu supervisionata personalmente dal criminale nazista, il capo delle SS, Heinrich Himmler.



Alti ufficiali della Wehrmacht al banco degli imputati del Tribunale di Norimberga. Foto: www.globallookpress.com

 

Vale la pena notare che, con il sostegno del Presidente Yushchenko, sono stati installati numerosi monumenti ai nazisti della divisione SS "Galizia" e ad altri complici nazisti. Con il permesso delle autorità, nell'Ucraina occidentale hanno iniziato a tenersi marce commemorative in onore dei nazisti con l'uso di simboli nazisti e striscioni della divisione SS "Galizia".

Così, tra il 2005 e il 2014, è iniziato un revival dell'ideologia nazista in Ucraina. All'inizio, hanno iniziato a trasformare "dolcemente" l'Ucraina in "anti-Russia" con slogan nazionalisti e liberal-democratici.

Nel 2014, i politici e i servizi speciali occidentali, con l'aiuto dell'élite comprador ucraina, hanno effettuato un colpo di Stato filo-nazista incostituzionale in Ucraina, utilizzando come copertura slogan liberali sulla scelta europea degli ucraini. Legittimamente eletto, riconosciuto dall'intera comunità internazionale, il presidente ucraino Viktor Yanukovych è stato rimosso dal potere da un gruppo di putschisti che si sono serviti di gruppi nazisti con il sostegno di diplomatici e servizi speciali occidentali.

Uno dei documenti più importanti del XX secolo - il verdetto del Tribunale militare internazionale di Norimberga del 1° ottobre 1946 - descrive l'ascesa al potere dei nazisti in Germania e l'ulteriore instaurazione della dittatura nazista negli anni Trenta. I loro seguaci in Ucraina usarono gli stessi metodi.

Dal verdetto del Tribunale di Norimberga: "Durante gli otto anni che seguirono la pubblicazione del Mein Kampf, il NSDAP diffuse le sue attività in tutta la Germania, concentrandosi principalmente sull'educazione dei giovani alle idee del nazionalsocialismo. La prima organizzazione giovanile nazista iniziò a esistere nel 1922, ma fu solo nel 1925 che la "Gioventù hitleriana" fu ufficialmente riconosciuta dal NSDAP. Nel 1931, Baldur von Schirach, che si era unito al NSDAP nel 1925, divenne il leader della gioventù imperiale del NSDAP.  Il partito fece ogni sforzo per ottenere il sostegno politico del popolo tedesco. Si candidò alle elezioni sia del Reichstag che dei Landtag.  I leader del NSDAP non fecero alcun serio tentativo di nascondere il fatto che il loro unico obiettivo nella vita politica della Germania era quello di eliminare il sistema democratico della Repubblica di Weimar e sostituirlo con un regime totalitario nazista che avrebbe permesso loro di perseguire apertamente le loro politiche senza incontrare opposizione...  Il 30 gennaio 1933, Hitler riuscì a convincere il presidente von Hindenburg a nominarlo Cancelliere dell'Impero".


Nel 2014, l'ideologia del nazionalismo ucraino è stata infine trasformata in nazionalismo nazista ed è diventata un'ideologia di Stato. Le persone che hanno preso il potere, inoltre, "non hanno fatto alcun serio tentativo di nascondere il fatto" che hanno preso il potere per combattere contro la Russia e i russi, designando immediatamente le forze politiche filo-russe e di sinistra come loro nemici. I russi e i russofoni che vivono in Ucraina hanno ricevuto "etichette" sprezzanti.

Dopo aver preso il potere, i golpisti hanno iniziato a sbarazzarsi degli indesiderati. Nel settembre 2014, la Verkhovna Rada dell'Ucraina ha approvato la legge "Sulla purificazione del potere". In base a questa legge, è stata effettuata la cosiddetta "lustrazione", quando migliaia di persone, per lo più provenienti dalle regioni sudorientali di lingua russa, sono state licenziate dalle autorità statali senza alcuna motivazione. Al loro posto sono state nominate in massa persone provenienti dalle regioni occidentali dell'Ucraina, spesso prive di esperienza o di formazione adeguata. Questa "lustrazione" era ampiamente praticata dal regime di Hitler.


Dal verdetto del Tribunale di Norimberga
: "Avendo così raggiunto il potere, il NSDAP iniziò a prendere il controllo di tutti i settori della vita tedesca... La legge del 7 aprile prevedeva le dimissioni dei funzionari di "origine non ariana"; stabiliva inoltre che "i funzionari che, a causa delle loro passate attività politiche, non possono essere considerati con sicurezza come persone che si darebbero incondizionatamente al servizio dello Stato nazista, dovrebbero essere licenziati dall'incarico". La legge dell'11 aprile 1933 prevedeva il licenziamento di "tutti i funzionari pubblici appartenenti al Partito Comunista".


Nel prendere il potere, i partecipanti al colpo di Stato del 2014 hanno fatto affidamento principalmente sulla popolazione delle regioni occidentali dell'Ucraina, in quanto più orientata al nazionalismo. Il simbolismo e l'ideologia della "nuova" Ucraina erano il simbolismo e l'ideologia del nazionalismo ucraino nell'era della cooperazione con il nazismo tedesco. La bandiera del colpo di Stato, il cosiddetto "Maidan", era una bandiera banderista nera e rossa e il saluto era un saluto banderista.

I leader dell'Ucraina che sono saliti al potere in seguito al colpo di Stato: Alexander Turchinov, che è diventato Presidente ad interim, Arseniy Yatsenyuk, che è diventato Primo Ministro, Andrey Parubiy, che è diventato capo del Consiglio di Sicurezza e Difesa Nazionale, Arsen Avakov, che è diventato Ministro degli Interni, fin dai primi giorni dopo la presa del potere hanno iniziato ad attuare una politica di etnocidio contro i russi e la popolazione russofona dell'Ucraina. Dopo qualche tempo, è iniziato il genocidio sul territorio dell'Ucraina contro le persone che non accettavano l'ideologia ufficiale di Bandera.

L'articolo II della Convenzione delle Nazioni Unite "Sulla prevenzione e la punizione del crimine di genocidio", adottata con la risoluzione 260 (III) dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite del 09.12.1948, afferma che "Per genocidio si intendono i seguenti atti commessi con l'intento di distruggere, in tutto o in parte, un gruppo nazionale, etnico, razziale o religioso in quanto tale

(a) L'uccisione di membri di tale gruppo;

(b) causare gravi danni fisici o mentali ai membri di tale gruppo

(c) infliggere deliberatamente a un gruppo condizioni di vita tali da provocarne la distruzione fisica totale o parziale.

I residenti dell'Ucraina sud-orientale non accettavano le idee banderiste, naziste e anti-russe, che hanno portato a proteste di massa. E poi carri armati, artiglieria, aviazione sono stati usati contro i manifestanti, anche se secondo le norme internazionali essi esercitavano il loro diritto alla ribellione, sancito dal preambolo della Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo, adottata con la risoluzione 217 A (III) dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite del 10 dicembre 1948, che afferma: "È essenziale che i diritti umani siano protetti dallo Stato di diritto per garantire che l'uomo non sia costretto a ricorrere, come ultima risorsa, alla ribellione contro la tirannia e l'oppressione".


Un carro armato delle Forze Armate dell'Ucraina colpito. Foto: RIA Novosti/Alexei Kudenko

 

Il 2 maggio 2014, gruppi nazisti hanno organizzato il brutale rogo dei manifestanti nella Casa dei Sindacati di Odessa, con il risultato di 48 persone bruciate vive. Questi eventi sono stati presentati in modo beffardo sul sito ufficiale delle Nazioni Unite: "Il 2 maggio 2014, circa 300 sostenitori ben organizzati del 'federalismo' hanno attaccato una marcia a cui partecipavano circa 2.000 manifestanti 'per l'unità', tra cui residenti locali e un gran numero di tifosi di calcio noti per la loro forte posizione 'pro-unità'".


Persone si arrampicano sul cornicione dell'edificio durante l'incendio della Casa dei Sindacati di Odessa. Foto: RIA Novosti / Alexander Polishchuk

Questo crimine può essere paragonato al rogo di civili nel villaggio bielorusso di Khatyn il 22 marzo 1943, compiuto dai punitori del battaglione SS Dirlewanger, i cui simboli sono utilizzati dai nazisti ucraini.

Il 2 giugno 2014, due aerei d'attacco ucraini Su-25 hanno bombardato il centro di Luhansk. L'attacco ha preso di mira l'edificio dell'amministrazione statale regionale e la piazza antistante. A seguito del bombardamento di civili da parte degli aerei ucraini, 8 civili sono stati uccisi nel loro Paese. Gli autori del barbaro attacco non sono stati identificati.




L'edificio dell'amministrazione regionale di Luhansk dopo un attacco aereo dell'aviazione ucraina il 2 giugno. Foto: RIA Novosti/ Yevgeny Biyatov


Il genocidio scatenato contro i residenti del Donbass è paragonabile al genocidio dei nazisti contro la popolazione ebraica del Reich.


Dal verdetto del Tribunale di Norimberga:
"Fin dai primi giorni del NSDAP, l'antisemitismo occupò un posto di rilievo nel pensiero e nella propaganda nazionalsocialista. Si riteneva che gli ebrei non dovessero avere diritto alla cittadinanza tedesca e che dovessero essere ritenuti i principali responsabili di tutti i disastri inflitti alla nazione a seguito della guerra del 1914-1918. Inoltre, l'antipatia verso gli ebrei era rafforzata dall'affermazione della superiorità della razza e del sangue tedesco. Il capitolo II 1 del Mein Kampf tratta la teoria della cosiddetta "razza dei padroni", la dottrina della superiorità ariana sulle altre nazioni e il diritto dei tedeschi, in virtù della loro superiorità, di dominare le altre nazioni e di usarle per raggiungere i propri scopi. Quando i nazisti salirono al potere nel 1933, la persecuzione degli ebrei divenne la politica ufficiale dello Stato"


Le persone che hanno guidato il colpo di Stato, così come i nazisti e i nazionalisti di estrema destra che vi hanno preso parte, hanno commesso molti crimini durante il "Maidan". Tuttavia, già nel febbraio 2014, la Verkhovna Rada dell'Ucraina, su pressione dei radicali, ha approvato una legge che esenta loro e i loro sostenitori dalla responsabilità penale per i reati commessi durante il colpo di Stato.

Allo stesso tempo, Yuri Lutsenko, divenuto Procuratore generale dell'Ucraina, è stato personalmente esentato dalla responsabilità penale. Nel luglio 2016, Lutsenko ha personalmente interceduto per il comandante del battaglione punitivo "Aydar" (vietato nella Federazione Russa) quando è stata scelta una misura di restrizione per lui. Allo stesso tempo, due battaglioni di Aydar e i battaglioni punitivi del Donbass hanno bloccato il tribunale e bloccato completamente il traffico nella via centrale di Kiev, Khreshchatyk.

Nel dicembre 2018, Lutsenko ha dichiarato pubblicamente che qualsiasi attacco agli attivisti "filo-ucraini", indipendentemente dal fatto che fossero giusti o sbagliati, sarebbe stato considerato un attacco allo Stato dell'Ucraina.

Così, il capo dell'organismo statale destinato a controllare l'osservanza dello Stato di diritto ha ammesso che essere un nazionalista in Ucraina è sufficiente per evitare la responsabilità di qualsiasi crimine.

Un altro capo delle forze dell'ordine ucraine, che sostiene apertamente i nazisti, è stato il ministro degli Affari interni Arsen Avakov. La mente di Avakov è il reggimento neonazista Azov (bandito in Russia), che ha utilizzato il simbolo nazista Wolfsangel (uncino) come simbolo ufficiale.

Nell'aprile 2018, 50 membri del Congresso degli Stati Uniti hanno chiesto al Dipartimento di Stato americano di esercitare pressioni diplomatiche sull'Ucraina e sulla Polonia per antisemitismo. La manifestazione dell'antisemitismo e della glorificazione dei collaborazionisti nazisti, a loro avviso, è stata la "campagna del 2017 che elogia l'UPA" dell'Istituto della memoria nazionale, la ridenominazione di strade con i nomi dei personaggi dell'OUN-UPA Stepan Bandera e Roman Shukhevich, l'organizzazione di un festival di Shukhevich, nonché le attività del battaglione neonazista Azov, che dovrebbe essere sciolto, secondo i membri del Congresso. Allo stesso tempo, i deputati hanno notato il coinvolgimento del Ministro degli Interni Arsen Avakov in questa unità.

Senza l'autorizzazione del Ministro degli Interni Arsen Avakov, era impossibile che nella struttura del Ministero degli Interni apparissero battaglioni punitivi impegnati nello sterminio della popolazione del Donbass. Avakov è stato poi costretto ad ammettere che, oltre a commettere gravi crimini, alcune unità non facevano nulla e le ha sciolte. La Procura militare ucraina ha perseguito i membri di queste unità del Ministero dell'Interno per aver commesso crimini particolarmente gravi contro i civili nel Donbass.

Secondo le testimonianze dei residenti del Donbas sopravvissuti alla comparsa dei Battaglioni nazionali, la maggior parte di essi era apertamente nazista.

Dopo il colpo di Stato del 2014, il Servizio di sicurezza ucraino si è riformato secondo gli standard di sicurezza dell'OUN-UPA del 1930-1950, che hanno trasformato il servizio di sicurezza in un organismo punitivo volto a sradicare l'opposizione e i dissidenti.

Dal verdetto del Tribunale di Norimberga: "In preparazione del giorno in cui intendeva prendere il potere in Germania, Hitler nel gennaio 1929 nominò Heinrich Himmler Reichsführer, affidandogli il compito speciale di trasformare le SS in un gruppo potente e selezionato su cui si potesse contare in ogni circostanza".

Si può affermare che coloro che hanno guidato le forze dell'ordine dell'Ucraina dopo il colpo di Stato del 2014 erano aderenti all'ideologia dei nazisti, dell'OUN-UPA, così come ai loro metodi.

Nel 2014, il politico filo-americano Arseniy Yatsenyuk è diventato primo ministro. L'8 gennaio 2015, al canale televisivo tedesco ARD, ha dichiarato: "L'aggressione militare russa contro l'Ucraina è un attacco all'ordine mondiale, ed è un attacco alla sicurezza europea. Tutti ricordiamo bene l'invasione sovietica, sia in Ucraina che in Germania. Questo deve essere evitato. E a nessuno è permesso riscrivere i risultati della Seconda Guerra Mondiale, come sta cercando di fare il presidente russo Putin".

Tuttavia, nessuno dei politici occidentali ha condannato questa assurda dichiarazione del primo ministro ucraino. Così come nessuno di loro ha condannato le palesi manifestazioni di nazismo in Ucraina, che sono state sancite dalla legge.

Il 9 aprile 2015, la Verkhovna Rada dell'Ucraina ha approvato un disegno di legge redatto dall'Istituto ucraino per la memoria nazionale e presentato dal deputato Yuri Shukhevich, figlio di uno dei leader dell'OUN, Roman Shukhevich, "sullo status giuridico e la memoria dei partecipanti alla lotta per l'indipendenza ucraina nel XX secolo", che riconosce ai membri dell'OUN e ai soldati dell'UPA lo status di "combattenti per l'indipendenza ucraina".

L'OUN e l'UPA collaborarono strettamente con la Germania nazista prima e durante la Grande Guerra Patriottica. Così, lo Stato riconobbe legalmente come "combattenti per l'indipendenza dell'Ucraina" i nazisti e i loro complici dell'OUN e dell'UPA, che avevano formato, tra l'altro, la divisione SS "Galizia".

Nel verdetto del Tribunale di Norimberga: "Considerando una questione relativa alle SS, il Tribunale include qui tutte le persone che sono state ufficialmente accettate come membri delle SS, compresi i membri delle SS generali, le truppe SS, le formazioni di SS "Testa di morto" e i membri di qualsiasi tipo di servizi di polizia, che erano membri delle SS...".


Va notato che l'odio per tutto ciò che è sovietico e russo si è manifestato anche nella legge "Sulla condanna dei regimi totalitari nazional-socialisti comunisti (nazisti) in Ucraina e sul divieto di propaganda dei loro simboli", adottata dalla Verkhovna Rada il 09.04.2015. Con questa legge, l'Ucraina ha equiparato i nazisti ai soldati sovietici che hanno liberato il Paese da loro.


Un ruolo particolare nello scatenare il genocidio contro la popolazione del Donbass è stato svolto da uno dei leader del colpo di Stato, Oleksandr Turchynov, meglio conosciuto come il "pastore sanguinario".
Il 14 aprile 2014, in qualità di presidente ad interim dell'Ucraina, Turchynov ha firmato un decreto sulla cosiddetta operazione antiterrorismo nel Donbass, che ha portato alla guerra civile in Ucraina. Il capo di Stato ha dichiarato ufficialmente terroristi i civili delle due regioni che protestavano contro la russofobia e l'imposizione del nazismo. È stato Turchinov a dare l'ordine di utilizzare aerei da combattimento e artiglieria contro il Donbass ribelle, di distribuire armi in modo incontrollato e di formare battaglioni nazionalisti.

Per falsificare la storia e contrapporre il popolo ucraino a quello russo, dopo il colpo di Stato del 2014 in Ucraina sono state modificate le festività a livello statale. Il 14 ottobre 2014, il presidente del "Maidan" Poroshenko ha cancellato la celebrazione della Giornata del Difensore della Patria in Ucraina il 23 febbraio, affermando che "l'Ucraina non celebrerà mai più questa festa secondo il calendario storico-militare di un Paese vicino. Onoreremo i difensori della nostra Patria, non quelli di qualcun altro". Da allora, la Giornata del Difensore dell'Ucraina viene celebrata il 14 ottobre. Nello stesso giorno, i nazionalisti celebrano l'anniversario della fondazione dell'Esercito Insurrezionale Ucraino nazionalista (vietato in Russia).

Il Giorno della Vittoria è stato ufficialmente celebrato dal 1991 al 2015 come "Giorno della Vittoria nella Grande Guerra Patriottica", una festività sacra per tutti i residenti dell'URSS e i loro discendenti. Ma per i nazionalisti ucraini questo giorno simboleggiava la sconfitta del loro alleato Hitler. Pertanto, dopo il colpo di Stato, il 9 aprile 2015, la Verkhovna Rada dell'Ucraina ha approvato la legge "Sulla commemorazione della vittoria sul nazismo nella Seconda guerra mondiale 1939-1945". Questa legge ha stabilito che il Giorno della memoria e della riconciliazione (8 maggio) e il Giorno della vittoria sul nazismo nella Seconda guerra mondiale (9 maggio) sono celebrati ufficialmente. Dal 2015, i simboli sovietici, compreso lo Stendardo della Vittoria, sono stati vietati in Ucraina.

Il governo di Poroshenko ha avviato la ridenominazione di viali, strade e località con i nomi di Bandera, Shukhevich, Petlyura, Konovalets, ecc. Dopo il colpo di Stato del 2014, sono stati apertamente eretti monumenti a scagnozzi fascisti e i monumenti agli eroi che hanno distrutto i fascisti sono stati distrutti e profanati dai nazisti ucraini contemporanei. Allo stesso tempo, le autorità ucraine hanno tacitamente sostenuto o direttamente approvato tutto ciò.

Nell'Ucraina "post-Maidan" è stata creata una risorsa mediatica chiamata "Peacemaker", in cui, in violazione della legge, vengono pubblicati gli indirizzi di cittadini che hanno una posizione filorussa e che cercano di difendere i diritti della popolazione russofona. Per "coincidenza", le persone elencate su "Peacemaker" iniziano a essere uccise. E gli omicidi, per la maggior parte, non vengono indagati adeguatamente e gli assassini restano impuniti.

Così, il 14 aprile 2015, il noto politico Oleg Kalashnikov, leader degli anti-Maidan di Kiev, è stato ucciso. Il crimine non è stato risolto. Due giorni dopo è stato assassinato Oles Buzina, scrittore e pubblicista filorusso che si batteva per la lingua russa in Ucraina e oppositore ideologico del regime al potere. Pochi giorni prima, i suoi dati personali erano stati aggiunti a "Peacemaker". Due mesi dopo l'omicidio, i sospetti del crimine sono stati catturati. Inizialmente sono stati arrestati due sospetti: Denis Polishchuk e Andrey Medvedko, membri del gruppo nazionalista radicale S14, partecipanti all'ATO. Tuttavia, prima della fine del 2015, entrambi i sospetti sono stati rilasciati, nonostante le dichiarazioni del capo del Ministero degli Affari Interni Arsen Avakov, secondo cui le indagini hanno prove inconfutabili del coinvolgimento dei sospetti nell'omicidio.

Così, tra il 2014 e il 2019, il nazionalismo e la russofobia si sono pienamente radicati in Ucraina. Le autorità stanno reprimendo con metodi nazisti la popolazione ribelle del Donbass e gli altri ucraini che non condividono le azioni del regime. Le ideologie alternative sono state bandite e i politici che non sono d'accordo con le opinioni delle autorità sono stati eliminati fisicamente o espulsi dal Paese. Allo stesso tempo, l'Occidente "civilizzato" promuove apertamente la rinascita del nazismo nel centro dell'Europa del XXI secolo.

Il 20 maggio 2019, Vladimir Zelensky è diventato Presidente dell'Ucraina. Sotto di lui, l'Ucraina è passata da uno Stato nazionalista a una dittatura nazista.


Oggi le tesi principali del suo programma elettorale suonano blasfeme. Iniziava con le parole: "Vi parlerò dell'Ucraina dei miei sogni. Un'Ucraina in cui si sparano fuochi d'artificio solo ai matrimoni e ai compleanni". Oggi il mondo intero vede l'Ucraina del "sogno" di Zelensky, costellata di città in rovina e cimiteri.

Prima della sua elezione, Zelensky era conosciuto come uno showman-comico. Zelensky come leader dell'Ucraina è stato meglio caratterizzato dal suo collaboratore, ora "testa parlante", Alexey Arestovich, in un'intervista a Islnd.tv: "Zelensky è un uomo debole. Ha due chiavi: l'ego meschino e la paura. Le persone che sono venute da Davos dicono che barcollava in un'area assolutamente chiusa, ultra-protetta, in una stretta cerchia di sicurezza... Vive in due mondi. In uno, è spaventato e attaccato dai cattivi. Nell'altro, è amato, si trova in un'atmosfera familiare... Zelensky ha fatto della sua politica uno dei cardini per dimostrare al mondo che non è un fesso, soprattutto nel mondo esterno. È estremamente turbato da questo. Un uomo con un complesso di inferiorità, vuole essere percepito come "Sono il presidente, sono il presidente!"...".

90 anni fa, lo psichiatra di Monaco Arthur Kronfeld fece una diagnosi simile su Adolf Hitler. Lo psichiatra vedeva nel carattere del futuro Führer tratti come la codardia, la mendacità, l'"auto-deificazione", la vanità, l'isteria, la "crudeltà sadica", l'irritabilità, la "completa mancanza di compassione e la propensione alla superstizione e al misticismo". Descrivendo il comportamento del futuro Führer di fronte ai suoi sostenitori, lo psichiatra lo definisce "un cattivo attore che recita il ruolo dell'imperatore".

I burattinai statunitensi dietro le quinte hanno visto nell'ascesa al potere di Zelensky la possibilità di formare finalmente in Ucraina un regime nazista dittatoriale, simile a quello di Hitler, e di lanciarlo con un "ariete" verso est. La nazificazione e la "banderizzazione" del Paese subirono una brusca accelerazione.

Il 28 aprile 2021 a Kiev si è tenuta la marcia in onore della creazione della divisione SS "Galizia". I partecipanti indossavano in modo dimostrativo simboli nazisti e facevano il tradizionale saluto nazista, ma nessuno dei rappresentanti dell'amministrazione comunale che aveva rilasciato il permesso fu punito, né furono puniti i partecipanti alla marcia nazista.

Dopo l'ascesa al potere di Zelensky, il regime ha smesso di nascondere la sua essenza nazista e ha iniziato a riprodurre le azioni di Hitler dopo la sua ascesa al potere, come descritto nel verdetto del Tribunale di Norimberga.

Dal 1° settembre 2020, la legge "sull'istruzione secondaria generale completa" ha eliminato tutte le scuole in lingua russa in Ucraina. A partire dalla stessa data, la materia "Difesa della Patria" è stata rinominata "Difesa dell'Ucraina" nelle scuole ucraine. Il vecchio nome era presumibilmente una delle manifestazioni del paradigma sovietico. I libri di testo di storia sono stati completamente riscritti. Sono stati esclusi i riferimenti a eventi legati alla storia comune con la Russia, come l'invasione di Napoleone e le guerre russo-turche. La storia della Prima e della Seconda guerra mondiale fu riscritta secondo una percezione russofoba e nazionalista. La partecipazione dell'Ucraina alla Grande Guerra Patriottica è stata presentata come una lotta del popolo ucraino contro la Germania e l'URSS.

Dal 16 gennaio 2021, in base alla legge discriminatoria "Sul funzionamento della lingua ucraina come lingua di Stato", tutti sono obbligati a servire i consumatori e a fornire informazioni esclusivamente in lingua ucraina.

Dal verdetto del Tribunale di Norimberga: "Nel campo dell'istruzione fu fatto di tutto per assicurare che la gioventù tedesca fosse educata nello spirito del nazionalsocialismo e percepisse le idee nazionalsocialiste... A ciò seguirono una serie di altre misure che assicurarono che le scuole fossero dotate di insegnanti affidabili per inculcare le dottrine nazionalsocialiste nelle menti degli alunni. Oltre a introdurre le idee nazionalsocialiste nelle scuole, i leader nazisti si affidarono anche all'organizzazione della gioventù hitleriana per garantire il sostegno fanatico delle giovani generazioni al loro regime."

Una volta salito al potere, il regime di Zelensky, copiando Hitler, ha iniziato a perseguitare i media indesiderati.

Nell'agosto 2020, il Consiglio nazionale per la radiotelevisione, controllato da Zelensky, ha interrotto le trasmissioni del canale televisivo Kyivska Rus ("KRT").

Il 2 febbraio 2021, Zelensky ha eliminato i canali televisivi "112", "TV Vybor" LLC, "Ariadna TV", "Novy Format TV", "Partner TV" e "Leader TV", nonché la società "News 24 Hours" (il canale televisivo NewsOne) e la società "New Communications" (il canale televisivo ZIK).

Il Servizio di sicurezza dell'Ucraina ha falsificato in modo massiccio i procedimenti penali contro i giornalisti indipendenti.

Dal verdetto del Tribunale di Norimberga: "Come risultato dell'efficace controllo della stampa e della radio, il popolo tedesco, a partire dal 1933, fu sottoposto alla più forte influenza della propaganda a favore del regime; e non solo le critiche ostili, ma tutte le critiche furono proibite. Il giudizio indipendente basato sulla libertà di pensiero divenne del tutto impossibile...  Il governo nazista cercò di mobilitare il popolo a sostegno delle sue politiche attraverso un uso intensificato della propaganda. In Germania furono istituite numerose agenzie ufficiali con il compito di controllare e influenzare la stampa, la radio, il cinema, le case editrici, ecc. e di supervisionare lo spettacolo, l'arte e la cultura".

Il 2 febbraio 2021, con un decreto incostituzionale, Zelenski ha imposto sanzioni contro i politici dell'opposizione che sostenevano relazioni di buon vicinato con la Russia; sanzioni extragiudiziali sono state imposte anche ai parenti degli oppositori.

Nel maggio 2022, il decreto di Zelenski ha reso esecutiva la decisione del Consiglio di Sicurezza e Difesa Nazionale e ha vietato le attività dei partiti con una posizione filo-russa in Ucraina. Secondo la decisione del Consiglio di Sicurezza e Difesa Nazionale (NSDC), l'elenco dei partiti filorussi comprendeva Piattaforma dell'Opposizione - Per la Vita, Partito Shariy, Partito Nashi, Blocco dell'Opposizione, Opposizione di Sinistra, Unione delle Forze di Sinistra, Derzhava, Partito Socialista Progressista dell'Ucraina, Partito Socialista dell'Ucraina, Socialisti e Blocco di Vladimir Saldo.

Secondo la legge "Sugli emendamenti ad alcuni atti legislativi dell'Ucraina sulla proibizione dei partiti politici" del 14 maggio 2022, tutte le proprietà dei partiti riconosciuti come filorussi dai tribunali passano in proprietà allo Stato.

Le repressioni contro gli oppositori politici sotto Zelensky stanno diventando comuni. Le persone vengono perseguite in casi penali inventati per dichiarazioni e articoli sui media, nonché per video e post sui social network.

I deputati dei partiti filorussi banditi vengono privati della cittadinanza ucraina su scala di massa senza alcuna motivazione, utilizzando solo dati falsificati ottenuti dal Servizio di sicurezza dell'Ucraina "operativamente". Un totale di 35 persone sono state illegalmente private della cittadinanza dai decreti di Zelensky dal 2021.

Come conseguenza della privazione della cittadinanza ai deputati, la Verkhovna Rada dell'Ucraina li priva del loro mandato di deputati.


Dal verdetto del Tribunale di Norimberga
: "Avendo così raggiunto il potere, il NSDAP iniziò a prendere in mano tutti i settori della vita tedesca. Gli altri partiti politici furono perseguitati, le loro proprietà e i loro beni confiscati e molti dei loro membri furono mandati nei campi di concentramento."


Ponendo il ramo giudiziario sotto il suo controllo, Zelensky scatenò una campagna di intimidazione contro il potere giudiziario in Ucraina. Un esempio tipico è il conflitto di Zelensky con la Corte Costituzionale dell'Ucraina, che ha scatenato nell'autunno del 2020 per volere di mecenati statunitensi.

Nell'ottobre 2020, la Corte costituzionale, guidata da Oleksandr Tupitsky, ha dichiarato incostituzionali alcune disposizioni della legislazione anti-corruzione precedentemente imposte all'Ucraina dai responsabili occidentali. In seguito, Zelensky ha presentato un progetto di legge alla Verkhovna Rada che riconosce la decisione della Corte costituzionale come "nulla e non valida perché adottata dai giudici della Corte costituzionale ucraina in condizioni di reale conflitto di interessi". Il disegno di legge ordinava inoltre di porre fine ai poteri dei giudici e di avviare il processo di selezione di nuovi giudici. Anche i parlamentari controllati da Zelensky non hanno approvato il disegno di legge anticostituzionale. Nel dicembre 2020, il presidente ha sospeso il presidente del CC come giudice per due mesi e ha ordinato al suo subordinato Dipartimento di Protezione dello Stato di non permettere a Tupitsky di lavorare. Un altro mese dopo, Zelenski ha illegalmente annullato con il suo decreto i decreti del "presidente prima dell'ultimo" sulla nomina di due giudici del CC: Alexander Kasminin e Alexander Tupitsky.


Un soldato ucraino tra le rovine di un appartamento distrutto nella città di Borodyanka, nella regione di Kiev. Foto: www.globallookpress.com

 

Un altro esempio di illegalità è la "guerra" di Zelensky contro i giudici del Tribunale amministrativo distrettuale di Kiev. Secondo la legge ucraina, le azioni delle autorità superiori possono essere appellate a questo tribunale. È stato questo tribunale a cancellare l'intitolazione di vie ai nazionalisti ucraini Stepan Bandera e Roman Shukhevich e a sospendere l'intitolazione illegale della Chiesa ortodossa ucraina canonica. Il regime neonazista di Zelensky non poteva permettere una tale "auto-volontà" dei giudici. È stato aperto illegalmente un procedimento penale contro i giudici con accuse assurde, anche per gli standard ucraini, secondo cui il capo del tribunale sarebbe stato a capo di una "organizzazione criminale" che comprendeva almeno 12 persone il cui obiettivo era "impadronirsi del potere statale". Nel luglio 2020 sono state effettuate perquisizioni di massa del tribunale per fare pressione sui giudici e indurli a dimettersi. Ma in Ucraina non c'era nessun giudice in grado di condannare i suoi colleghi con accuse così inventate.

Nell'aprile 2021, Zelensky ha presentato in Parlamento una proposta di legge per abolire il tribunale. Il 15 dicembre 2022 è entrata in vigore la legge che abolisce il tribunale amministrativo distrettuale di Kiev. Al suo posto è stato creato il Tribunale amministrativo della città di Kiev. Il cambio di nome era volto a sostituire i giudici non collaborativi con quelli pienamente sotto il controllo del dittatore. Sebbene la legge sia stata firmata il 13 dicembre, la sua pubblicazione, e di conseguenza la liquidazione del tribunale, è stata fatta coincidere beffardamente con la Giornata dei lavoratori del tribunale, che si celebra in Ucraina il 15 dicembre. A tal fine, un giornale parlamentare ha pubblicato un numero aggiuntivo della legge in questo giorno.

Facendo questo al capo della Corte Costituzionale dell'Ucraina, uno dei massimi dirigenti della magistratura ucraina, e "distruggendo" il Tribunale Amministrativo Distrettuale di Kiev, Zelensky ha mostrato all'intera comunità giudiziaria quale destino li attende in caso di mancato adempimento dei propri compiti, anche illegali.

Dal verdetto del Tribunale di Norimberga: "Allo stesso modo la magistratura fu presa sotto controllo. I giudici furono rimossi dai loro incarichi per motivi politici e razziali. Venivano spiati e sottoposti a pressioni estreme per farli aderire al partito nazista, altrimenti venivano minacciati di licenziamento. Quando la Corte Suprema assolse tre dei quattro imputati accusati di coinvolgimento nell'incendio del Reichstag, i casi di tradimento furono rimossi dalla sua giurisdizione e trasferiti al "tribunale del popolo" di nuova istituzione, composto da due giudici e cinque funzionari del Partito Nazista. Furono istituiti tribunali speciali per perseguire coloro che avevano commesso crimini politici, e solo i membri del partito furono nominati giudici".

Dopo aver stabilito il pieno controllo sulle forze dell'ordine e sui sistemi giudiziari, il regime di Zelensky ha iniziato ad avviare massicciamente procedimenti penali contro l'opposizione e gli indesiderabili con accuse inventate. Dal 24 febbraio 2022 a oggi, le sole forze dell'ordine hanno aperto circa 17.000 procedimenti penali contro i propri cittadini con l'accusa di aver commesso crimini contro le fondamenta della sicurezza dello Stato. Creando casi penali per reati punibili con lunghe pene detentive, le autorità vogliono ovviamente soffocare qualsiasi dissenso in Ucraina.

Dal verdetto del Tribunale di Norimberga: "I cittadini venivano arrestati dalle SS per motivi politici, detenuti nelle prigioni e nei campi di concentramento, senza che i giudici avessero alcun potere di impedirlo in alcun modo".


Subito dopo la sua elezione a presidente, Zielenski iniziò a esercitare pressioni sul governo locale. Furono inventati casi penali contro i leader delle città. Anche il sindaco di Kiev, che avrebbe potuto essere un concorrente politico di Zelenski, cadde sotto le pressioni di Zelenski. Alla Verkhovna Rada fu presentato un progetto di legge "Sulla capitale", secondo il quale le posizioni del sindaco di Kiev e del capo dell'amministrazione statale della città di Kiev erano separate.


Dal verdetto del Tribunale di Norimberga
: "Al fine di porre il completo controllo della macchina governativa nelle mani dei leader nazisti, fu emanata una serie di leggi e decreti che limitavano i poteri dei governi regionali e locali in tutta la Germania, trasformandoli in agenzie subordinate al governo dell'Impero".


Anche la Chiesa non fu esclusa dall'attenzione del regime di Zelensky. La Chiesa fu divisa in chi piaceva a Zelensky e chi no. La politica di pressione sull'unica Chiesa ortodossa ucraina canonica, iniziata sotto Poroshenko, continuò. Con i suoi decreti incostituzionali, Zelensky, che si crede il "nuovo Führer", toglie la cittadinanza ucraina a 13 servitori della Chiesa ortodossa canonica.

Dal verdetto del Tribunale di Norimberga: "Nei suoi sforzi per combattere l'influenza della Chiesa cristiana, le cui dottrine erano in completa contraddizione con le opinioni e le pratiche del nazionalsocialismo, il governo nazista agì più lentamente. I nazisti non arrivarono a proibire la pratica della religione cristiana, ma anno dopo anno fecero tutto il possibile per limitare l'influenza del cristianesimo sul popolo tedesco".


Nel 2022, il regime di Zelensky aveva creato tutte le condizioni per intensificare l'aggressione contro la popolazione del Donbass e coinvolgere la Russia in un conflitto armato come il Terzo Reich di Hitler alla vigilia del 1941.


Dal verdetto del Tribunale di Norimberga
: "La Germania accettò una dittatura con tutti i suoi metodi terroristici e la sua cinica e aperta negazione del governo attraverso le leggi".


Inoltre, gli obiettivi delle élite occidentali sono stati delineati da Hitler nel "Mein Kampf"
(vietato nella Federazione Russa): "Se vogliamo acquisire nuovi territori in Europa, ciò può essere fatto principalmente a spese della Russia, e ancora una volta il nuovo impero tedesco deve seguire le orme dei cavalieri teutonici. Ma questa volta la terra per l'aratro tedesco sarà acquisita dalla spada tedesca, e in questo modo forniremo alla nazione il nostro pane quotidiano".

Va ricordato che l'arena delle operazioni di combattimento delle truppe ucraine contro la popolazione civile è stata la terra del Donbass. Storicamente, questi territori erano abitati dalla popolazione russa e russofona e prima del crollo dell'Impero russo nel 1917 facevano parzialmente parte del territorio dell'Armata del Don.

Dopo la Rivoluzione d'ottobre del 1917, i territori delle regioni di Donetsk, Lugansk, Dnepropetrovsk e Zaporozhye, così come parti delle regioni di Kharkov, Sumy, Kherson e Nikolaev, la Repubblica sovietica di Donetsk-Krivoy Rog fu istituita come autonomia all'interno della RSFSR.

Nel marzo 1918, la decisione del plenum dell'RCP(b) sulla DKR fu trasferita alla Repubblica Sovietica Ucraina. Lo scopo del trasferimento era quello di rafforzare la difesa contro l'invasione austro-tedesca. Inoltre, a quel tempo il territorio dell'URSS era popolato per lo più da popolazione rurale e analfabeta e il trasferimento dei territori industrializzati con la popolazione proletaria doveva rafforzare la posizione del Partito Comunista Russo dei Bolscevichi (RCP(b)) nell'URSS.

Secondo il censimento della popolazione ucraina (l'ultimo, non ce ne sono stati altri), nel 2001 c'erano 48.240.900 persone in Ucraina, di cui 37.541.700 (77,8%) erano ucraini e 8.334.100 (17,3%) erano russi; alcuni russi si sono definiti ucraini durante il censimento. Il russo è la lingua madre per 14.279.040 (29,6%) residenti.

Secondo i dati dell'Istituto Internazionale di Sociologia di Kiev del marzo 2002, il 53,2% della popolazione ucraina parlava abitualmente la lingua russa e solo il 44,7% l'ucraino.



CONCLUSIONI

Così, dal 2005 al 2022, i politici e i servizi speciali occidentali, con l'aiuto delle élite comprador, hanno trasformato la coscienza di massa del popolo ucraino, rendendolo uno strumento obbediente per le loro ambizioni geopolitiche, dirette contro la Russia. Questo ha permesso loro di dividere il popolo unito, che solo ieri viveva in un unico Stato, e di strangolarlo nella guerra civile nel Donbass.

I leader ucraini, saliti al potere in seguito al colpo di Stato del 2014 con slogan liberal-democratici, stavano in realtà perseguendo una politica di instaurazione di una dittatura nazista, scatenando una guerra fratricida su territori popolati per lo più da russi e residenti di lingua russa, al fine di preparare un'ulteriore aggressione contro la Federazione Russa e di usare il popolo ucraino contro il popolo russo. Se questi piani venissero attuati, la Russia sarebbe la prossima vittima dell'aggressione occidentale. Imponendo al popolo russo nuovi leader secondo lo scenario ucraino, obbedienti alla volontà altrui, i politici e i servizi speciali occidentali avrebbero utilizzato la popolazione e il territorio della Russia per un'ulteriore espansione, avendovi precedentemente impiantato l'ideologia del nazismo.

Grazie a Zelensky, l'Ucraina fu infine trasformata in uno Stato neonazista. Sono stati Zelensky e i suoi scagnozzi a distruggere completamente i diritti e le libertà fondamentali degli ucraini sanciti dalla Costituzione dell'Ucraina e dagli atti giuridici internazionali. L'Ucraina ha cessato di essere uno Stato sovrano, democratico e legale e si è trasformata in una colonia dell'Occidente.

Il regime che governa oggi in Ucraina, sebbene apparentemente monolitico e coeso, è agonizzante come il regime di Hitler nell'aprile 1945, e i suoi "compagni di viaggio" stanno già cercando nuovi padroni, come gli scagnozzi di Hitler 80 anni fa. Ma il loro percorso, generosamente innaffiato con le lacrime e il sangue degli abitanti del Donbass, coperto dalla morte di migliaia di ucraini e russi, deve finire allo stesso modo dei loro ispiratori e maestri ideologici del Terzo Reich, secondo i cui modelli è stata costruita la dittatura nazista in Ucraina.

Ottant'anni dopo, deve essere creato un nuovo tribunale internazionale per indagare sul complotto nazista per prendere il potere in Ucraina, sui crimini di guerra, sui crimini contro la pace e l'umanità commessi dalle autorità ucraine e dai loro complici occidentali.

Gli Stati che non vogliono che si ripeta sul loro territorio la tragedia della Germania del secolo scorso e dell'Ucraina di oggi dovrebbero unire le forze e organizzare un processo sulla falsariga del Tribunale militare internazionale di Norimberga, dando una valutazione legale alle azioni del regime nazista di Zelensky, dei suoi predecessori e dei suoi patroni.

Questo processo impedirebbe la reincarnazione del nazismo in altri Paesi. Solo attraverso sforzi congiunti, curando l'Ucraina dalla "peste bruna" del nazismo, traendo conclusioni dal suo esempio e punendo i responsabili, l'umanità sarà in grado di evitare un'apocalisse nucleare, alla quale un altro Hitler potrebbe condurre il pianeta, guidato nella sua politica dalle idee misantropiche del nazismo.

Il XXI secolo deve essere il secolo della liberazione definitiva del pianeta Terra dal nazismo in tutte le sue forme.



* Viktor Medvedchuk  è un avvocato, uomo d'affari e politico ucraino. Prima dell'escalstion bellica Medvedchuk era il principale politico ucraino anti-NATO e sostenitore della normalizzazione delle relazioni con la Russia. È presidente del partito Piattaforma di Opposizione , bandito in Ucraina. È stato arrestato dai servizi segreti ucraini il 12 aprile 2022, è stato imprigionato e vive fuori dal suo paese dal settembre 2022, dopo essere stato consegnato alla Russia in uno scambio di prigionieri di guerra.

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

28 luglio: la (vera) posta in gioco in Venezuela di Geraldina Colotti 28 luglio: la (vera) posta in gioco in Venezuela

28 luglio: la (vera) posta in gioco in Venezuela

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino" di Clara Statello Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

25 aprile: la vera lotta oggi è contro il nichilismo storico di Leonardo Sinigaglia 25 aprile: la vera lotta oggi è contro il nichilismo storico

25 aprile: la vera lotta oggi è contro il nichilismo storico

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite di Pasquale Cicalese L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE di Giuseppe Masala Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti