"Villette vicino al mare a Gaza". La banalità del male e l'annuncio di un'agenzia immobiliare di lusso israeliana

"Villette vicino al mare a Gaza". La banalità del male e l'annuncio di un'agenzia immobiliare di lusso israeliana

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Agata Iacono


Villette in vendita a Gaza? Su tutti i social si commenta l'annuncio di una impresa immobiliare israeliana di lusso che si porta avanti con la pulizia etnica in corso e propone una sorta di disegno tecnico di alcune villette nella striscia sotto assedio.

Cerchiamo di capire cosa ci sia di vero e da dove parta il tutto.

"Svegliatevi, una casa al mare non è un sogno!". E ancora: "Così un'azienda edile israeliana sta pubblicizzando sui social il progetto di nuove colonie nella Striscia. L’impresa Harey Zahav si definisce "leader nel mercato immobiliare in Giudea e Samaria”, costruisce e amplia insediamenti ebraici in Cisgiordania." Questo riportano anche vari quotidiani italiani.

Non volevo crederci quando ho visto i social invasi da commenti sbalorditi alla pubblicità di Harez Zahav. Avevo appena letto dei bulldozer israeliani che hanno fatto irruzione nel cortile dell'ospedale del Nord di Gaza, sotto assedio da otto giorni, spianando la tendopoli adiacente all’ospedale Kamal Adwan, dove erano rifugiati feriti, pazienti e sfollati, "sepolti vivi", schiacciati mentre dormivano. La notizia è stata riportata dal corrispondente di Al Jazeera Arabic Anas al-Sharif in un post su X.  “Decine di sfollati, malati e feriti sono stati sepolti vivi".  Circa 20 persone sono state trovate morte e sepolte sotto le macerie.  Secondo testimoni e secondo il Ministero della Sanità, gran parte della struttura ospedaliera è stata distrutta con l'uso dei bulldozer."

Sopra questi corpi, sopra queste macerie, sopra questi crimini contro l'umanità, già pensano di vendere villette "con vista mare".

Non è una provocazione finalizzata a suscitare indignazione e sgomento. E non sembra neppure una macabra operazione di marketing.

Tutto è partito da una denuncia su X, divisa in quattro tweet, di Italy Epshtain (*)
 
Questo il primo: "All'inizio di questa settimana una coalizione di organizzazioni di coloni - generosamente finanziata dallo stato di #Israele - ha tenuto la "Preparazione pratica per la conferenza sulla risoluzione di #Gaza". Sbaglieremmo a liquidare queste idee come marginali, poiché si tratta delle forze politiche che sono riuscite a colonizzare e annettere la Cisgiordania."
 
 
"Dopo la conferenza, sono stati pubblicati annunci che affermavano "Gaza è la Terra di Israele! Combatti. Libera. Insedia". Coloro che sono interessati sono invitati a chiamare una hotline di registrazione per gli insediamenti ristabiliti a Gaza."
 
"Harei Zahav (Montagne d'Oro), un'impresa di sviluppo degli insediamenti, pubblicizza gli insediamenti di #Gaza: "una casa sulla spiaggia non è un sogno! Abbiamo iniziato a rimuovere le macerie e a respingere gli abusivi".
 
Infine:
"Nominano una mezza dozzina di insediamenti #israeliani ristabiliti e nuovi, e mostrano la loro posizione approssimativa in tutta #Gaza occupata. Sebbene questa sia una trovata mediatica, cattura un sentimento profondo a favore dell’acquisizione territoriale e della colonizzazione da parte dei #palestinesi."
 
La "notizia" non è stata smentita neppure dai soliti, noti, appassionati di Fact-checking.

 
La fonte:

* Itay Epshtain è un consulente senior in diritto e politiche umanitarie, che serve come consigliere speciale del Consiglio norvegese per i rifugiati (NRC) e dell'Associazione delle agenzie di sviluppo internazionale (AIDA). Ex consigliere per le politiche e la protezione dell'Ufficio NRC per la Palestina; Rappresentante del Consorzio di Tutela; Consulente di patrocinio legale per ACF International; Consulente di diritto internazionale umanitario presso il Diakonia IHL Resource Center; Co-direttore del Comitato israeliano contro le demolizioni di case; e direttore della sezione israeliana di Amnesty International. Epshtain si è laureato alla Kennedy School of Government dell'Università di Harvard; MA Cooperazione internazionale e aiuti umanitari; e ha conseguito diplomi post-laurea in diritto internazionale pubblico, diritto internazionale ambientale e diritto internazionale umanitario presso l'Istituto delle Nazioni Unite per la formazione e la ricerca, l'Accademia di diritto internazionale dell'Aia, il T.M.C. Asser Institute e l'Istituto internazionale di diritto umanitario. Epshtain è membro dell'International Bar Association (IBA).

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti