Visione strategica del triangolo franco-maliano-russo

Visione strategica del triangolo franco-maliano-russo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

1. Potrebbe la Russia riempire un vuoto nell'architettura di sicurezza e nel panorama antiterrorismo del Mali che alcuni si aspettano che la Francia lascerà presto?

La Russia non ha intenzione di farlo ufficialmente, ma attori non statali come Wagner che vengono associati al Cremlino potrebbero tentare invece di farlo, secondo alcune voci recenti. Se ciò dovesse accadere, probabilmente avranno buone possibilità di successo. La Francia lascerebbe davvero un vuoto di sicurezza che il Mali sarebbe ansioso di colmare il prima possibile, e Wagner potrebbe essere perfetto.

Operano nell'ombra e saranno quindi sottoposti a un controllo molto inferiore rispetto alle forze francesi. Inoltre, poiché non sono interessati a "promuovere la democrazia" o "sostenere i diritti umani" come lo è ufficialmente Parigi, avranno una maggiore flessibilità in ciò che fanno. Questo è in linea con gli interessi delle autorità maliane e suggerisce che la scommessa potrebbe essere una risorsa di sicurezza più efficace rispetto ai loro ex alleati.

Detto questo, ci si può aspettare in quello scenario che il gruppo avrà probabilmente un posto di rilievo nei rapporti dei governi occidentali sulla prossima fase del conflitto di quel paese. Questo perché i suoi legami segnalati con il Cremlino lo rendono un obiettivo conveniente per la loro guerra mediatica contro la Russia. In questo contesto, per lanciare l’allarme sulle presunte intenzioni di Mosca in Africa.

2. Quali conclusioni dalle esperienze del Gruppo Wagner nella Repubblica Centrafricana (o in altri paesi africani) sono rilevanti per ciò che potrebbe venire dopo per questo PMC russo in Mali?

L'esperienza della Russia nella Repubblica Centrafricana (RCA) ha avuto successo nella misura in cui ha stabilito, radicato ed ampliato la sua influenza in questo stato geo-strategicamente posizionato attraverso la "diplomazia militare" associata al suo modello di "sicurezza democratica" lì. Il governo ospitante continua a sopravvivere anche se i gruppi antigovernativi non sono ancora stati sconfitti.

Wagner deve aver imparato molto negli ultimi due anni delle sue operazioni lì. Queste lezioni possono essere utili per sostenere l'esercito maliano nel caso in cui il gruppo venga da loro incaricato per colmare il vuoto di sicurezza che la Francia potrebbe presto lasciare. Tuttavia, il terreno operativo è diverso nel Sahel rispetto all'Africa centrale, quindi dovranno continuare a imparare man mano che procedono.

Questo PMC è stato accusato di violazioni dei diritti umani, ma tali affermazioni non sono state confermate in modo indipendente. Tuttavia, tali scandali probabilmente lo seguiranno in Mali, indipendentemente dal fatto che siano effettivamente veri o meno. Questo perché implicano lo Stato russo a causa delle connessioni segnalate del gruppo con esso. La Francia, risentita di essere sostituita dalla Russia in Mali via Wagner, potrebbe prendere l'iniziativa in tal senso.

3. Quali sono gli interessi a lungo termine della Russia in Mali?

Gli interessi russi in Mali sono gli stessi dei suoi interessi altrove in Africa, ovvero esportare il modello di Mosca di quella che può essere descritta come "Sicurezza democratica". Questo si riferisce a tattiche e strategie contro la guerra ibrida volte al "rinforzamento del regime", l'opposto del modello di regime change dell'Occidente. Si prevede che le esportazioni di questa "tecnologia politico-militare" ibrida possano raccogliere dividendi economici.

In particolare, la Russia sembra interessata a che le sue società leader ottengano contratti privilegiati per l'estrazione delle risorse. Il Paese sembra anche interessato a coltivare nuovi alleati politici nel “Global South”, sia allo scopo di acquisire maggiore influenza all'ONU, sia perché l'Africa è un crescente teatro di rivalità tra le Grandi Potenze nella Nuova Guerra Fredda. Per inerzia, anche la Russia si sente in dovere di stare al gioco.

Per quanto riguarda il Mali, è importante sottolineare che questo paese è considerato all'interno della "sfera di influenza" della Francia. Le potenziali incursioni russe lì rappresenterebbero quindi una vittoria contro il paese dell'Europa occidentale. Mentre questo potrebbe provocare una più feroce competizione per procura tra di loro in "Françafrique", potrebbe anche essere sfruttato per allentare le tensioni e regolare la loro rivalità in seguito.

4. Mentre l'amministrazione di Macron sottolinea che non vede la Russia come un nemico e adotta una linea più morbida contro Mosca rispetto ad altri governi occidentali come gli Stati Uniti, in che modo la competizione per l'influenza in Mali potrebbe influire sul rapporto Francia-Russia in generale?

Il Mali potrebbe essere una carta nella mano della Russia per aver spinto i negoziati con la Francia per aggiornare in modo completo le loro relazioni. Ciò che significa questo è che anche la Russia non vede la Francia come un nemico nonostante queste due grandi potenze competano chiaramente l'una con l'altra per l'influenza in tutta la "Françafrique". Se la Russia diventasse lì una forza che non può più essere ignorata, avrà molta più attenzione dalla Francia.

Ciò a sua volta potrebbe essere sfruttato in altre direzioni geo-strategiche come discutere di cooperazione sugli affari europei come l'Ucraina, ad esempio, in cambio del congelamento della loro rivalità "Françafrique". Questo risultato sarebbe reciprocamente vantaggioso poiché la Francia è in una competizione "amichevole" con la Germania per l'influenza sull'Europa e la Russia vuole diversificare i suoi partner.

Finché le società francesi non verranno espulse dai paesi africani in cui la Russia espande la sua influenza, allora Parigi potrebbe essere in grado di andare d’accordo con il nuovo ruolo militare di "Sicurezza democratica" di Mosca. La Francia preferirebbe mantenere la sua influenza politica, ma è difficile che lo faccia se continua a comportarsi egemonicamente e creando così opportunità da sfruttare per la Russia.

Alcuni stralci di questa intervista sono stati inseriti nel recente articolo di Giorgio Cafiero per TRT World dal titolo “Mali Could Rewrite Russian-French Relations In The Sahel”

Andrew Korybko

Andrew Korybko

 

Analista politico e giornalista. Membro del consiglio di esperti dell'Istituto di studi strategici e previsioni presso l'Università dell'amicizia tra i popoli della Russia. È specializzato in questioni inerenti la Russia e geopolitica, in particolare la strategia degli Stati Uniti in Eurasia. Le sue altre aree di interesse includono tattiche di regime change, rivoluzioni colorate e guerre non convenzionali.

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia di Giorgio Cremaschi La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

Putin ha preso la decisione di Marinella Mondaini Putin ha preso la decisione

Putin ha preso la decisione

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International... di Savino Balzano Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

La situazione Nato-Russia precipita di Giuseppe Masala La situazione Nato-Russia precipita

La situazione Nato-Russia precipita

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa di Antonio Di Siena Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"... di Gilberto Trombetta Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia