Yemen, le cifre terrificanti dell’aggressione saudita appoggiata dall’occidente

Yemen, le cifre terrificanti dell’aggressione saudita appoggiata dall’occidente

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Si potrà ignorarla quanto si vuole questa guerra, ma i fatti e le cifre in questo caso, hanno la testa dura. Sono la coscienza sporca dell’occidente, Usa in primis con la Gran Bretagna, che armano da 7 anni l’aggressione dell’Arabia Saudita contro lo Yemen che, già prima della guerra era il paese più povero del mondo arabo.

I numeri di 2600 giorni di aggressione forniti da Humanity Eye Center for Rights and Development, EHCRD e riportati anche da HispanTV, sono davvero agghiaccianti. Giusto per ricordarlo, l’Arabia Saudita non ha subito la minima sanzione per questa guerra, non è stata esclusa dai prossimi mondiali di calcio del Qatar previsti per fine anno. Nessuno si indigna se compriamo petrolio da questa Tiranno-Monarchia.

Tornando al rapporto EHCRD, sono 46.374 yemeniti hanno perso la vita o sono rimasti feriti durante questo periodo. Nello specifico, l'aggressione ha provocato la morte di 17.775 persone e il ferimento di altre 28.599.

Nel frattempo, circa 4.028 bambini sono stati uccisi e 4.595 feriti. Inoltre, 2.440 donne hanno perso la vita e 2.913 sono rimaste ferite.

Oltre alle vittime umane, durante i 2.600 giorni dell'invasione dello Yemen, 590.770 case, 182 edifici universitari, 1.622 moschee, 376 strutture turistiche, 413 ospedali, 1.216 centri di formazione, 139 impianti sportivi, 254 siti storici, 60 centri media e 9799 agricoli sbarcare.

La coalizione saudita sostenuta dagli Stati Uniti ha anche lasciato in rovina gran parte delle infrastrutture dello Yemen dall'inizio della sua aggressione. Ha infatti attaccato 15 aeroporti, 16 porti, 342 centrali elettriche, 6.827 ponti e strade, 614 hub Internet, 2.815 fonti di stoccaggio dell'acqua e 2.095 edifici governativi.

Inoltre, sono stati presi di mira anche 405 stabilimenti industriali, 384 autocisterne di carburante, 11.952 esercizi commerciali, 434 allevamenti di pollame e bestiame, 9.868 automezzi, 971 mezzi per il trasporto di generi alimentari, 698 mercati, 482 pescherecci, 1002 negozi di alimentari e 423 distributori di benzina.

L'aggressione allo Yemen iniziata nel marzo 2015 aveva come l'obiettivo di riportare al potere l'ex presidente yemenita latitante Abdu Rabu Mansur e schiacciare il movimento popolare yemenita Ansarollah

Tuttavia, sette anni dopo, la coalizione degli aggressori non ha raggiunto i suoi obiettivi, e anche i progressi militari dello Yemen mostrano che l'equazione è completamente a favore del paese più povero del mondo arabo.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange di Geraldina Colotti Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Armi nucleari nello spazio: facciamo un po' di chiarezza di Andrea Puccio Armi nucleari nello spazio: facciamo un po' di chiarezza

Armi nucleari nello spazio: facciamo un po' di chiarezza

Germania: perché siamo all'anno zero di Giuseppe Masala Germania: perché siamo all'anno zero

Germania: perché siamo all'anno zero

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti