"Fonti USA lo confermano: l'Isis è una creazione statunitense". Un giornalista distrugge la narrativa occidentale su terrorismo e "Isis"

"Fonti USA lo confermano: l'Isis è una creazione statunitense". Un giornalista distrugge la narrativa occidentale su terrorismo e "Isis"

Da ricordare sempre il documento del Pentagono che chiarisce come l'Occidente ha sostenuto l'ISIS per rovesciare il presidente siriano Assad

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Tyler Durden
(Zero Hedge)

Sabato, il giorno dopo la strage in Francia che ha trasformato le strade di Parigi in una zona di guerra e ha lasciato circa 130 civili morti, il presidente siriano Bashar al-Assad aveva un messaggio per l'Occidente. 
 
Mentre condannava gli attacchi e definiva gli autori dei "selvaggi", ha subito fatto notare che la Siria ha a che fare con questo marchio del terrorismo da quasi cinque anni di fila. Assad ha anche detto quanto segue: "Abbiamo detto di non prendere ciò che sta accadendo in Siria con leggerezza. Purtroppo, i funzionari europei non ci hanno ascoltato. " 
 
Assad ha anche colto l'occasione, ancora una volta, per chiarire come la sponsorizzazione dell'Occidente delle potenze regionali che sostengono (esplicitamente o implicitamente) l'estremismo sunnita in Siria sia la causa principale del problema, anche se il linguaggio che ha usato è stato un pò meno duro di quella che aveva impiegato nel mese di settembre. Ecco cosa ha detto: "La domanda che la Francia si pone oggi é: la politica della Francia negli ultimi cinque anni era quella giusta? La risposta è no."
 
Presumibilmente, Assad faceva riferimento al sostegno dell'Occidente per i vari gruppi militanti che cercano di spodestare il suo governo. Questi gruppi, tra cui l'ISIS, hanno ricevuto denaro, armi, e formazione dalla CIA, dalla Turchia, dall'Arabia Saudita e dal Qatar. La situazione sul terreno è, naturalmente, molto fluida ed è quasi impossibile tenere traccia di dove le armi, il denaro e i combattenti finiscono, il che significa che anche per quegli osservatori che evitano le teorie del complotto sarebbe difficile sostenere che gli Stati Uniti non hanno, almeno indirettamente, armato e addestrato l'ISIS. 
 
Forse il passaggio più trascurato in tutti i documenti trapelati che sono emersi fino ad ora è il seguente, tratto da un  rapporto declassificato del Pentagono datato agosto 2012 e ottenuto da Judicial Watch: 
 
"E' possibile stabilire un principato salafita dichiarato e no nella Siria orientale, e questo è esattamente ciò che le forze che sostengono l'opposizione vogliono per isolare il regime siriano che è considerato strategico per l’espansione sciita (Iraq e Iran)" 
 
Questo è tutto.
 
Questa è la pistola fumante e nessuno sembra preoccuparsi.
 
Il suddetto passaggio chiaramente evidenzia che gli Stati Uniti sapevano ciò che stava per succedere e con il sostegno al'opposizione non solo volevano "isolare" Assad, ma anche rompere la mezzaluna sciita di Teheran. 
 
Questo è un passaggio estremamente critico, che è stato abitualmente trascurato, e ironia della sorte, tragedie come quella che si è verificata a Parigi servono solo a galvanizzare l'opinione pubblica intorno a un ideale piuttosto che intorno alla ricerca di risposte. Il che è estremamente pericoloso.
 
In tale contesto e (soprattutto) con la spinta del presidente Francois Hollande per modificare la Costituzione francese, di seguito l'intervista del giornalista Gearóid O'Colmain che nel giro di dieci minuti smonta l'intera narrativa dell'Occidente.
 
"Non esiste una cosa come la ISIS. L'ISIS è una creazione degli Stati Uniti, lo sappiamo da fonti ufficiali delle forze armate statunitensi e da documenti declassificati" ...
 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti