Come muore un paese

Come muore un paese

I segnali che caratterizzano l'inizio del declino

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Coloro che hanno vissuto durante il declino di Roma, si legge su Economicnoise.com, si renderebbero probabilmente conto di quello che sta succedendo oggi. Il declino è un fenomeno lento ma costante, che nel caso di Roma è durato qualche centinaio di anni. Chiunque vive durante il declino ha esperienza solo di una piccola parte del fenomeno e, nella maggioranza dei casi, non nota nulla di diverso dall'ordinario.
 
I paesi non hanno una durata di vita geneticamente determinata. Né muoiono rapidamente, a meno che non intervenga il cataclisma di qualche grande guerra. Anche in questi casi estremi, ci sono di solito dei segnali di avvertimento, sebbene questi siano più evidenti col senno di poi rispetto al momento.
 
Pochi cittadini di una nazione morente ne sanno riconoscere i segni. La maggior parte di loro sono troppo impegnati a cercare di vivere la loro vita. Se la morte occupa la mente, è rispetto a se stessi, ad un parente o ad un amico. La maggior parte delle persone non concepisce la morte di una nazione.
 
Segni o sintomi precedono la morte di un paese come in caso di morte di una persona.
 
L’economia. Economicamente, le persone diventano più povere. Diventa più difficile sfamare una famiglia. La crescita economica si blocca e poi crolla. Le opportunità di lavoro diminuiscono. I disincentivi a lavorare aumentano mentre il governo cerca di alleviare l'onere per i disoccupati e i meno qualificati. Questi sforzi richiedono più entrate che si traducono in tasse più alte o finanziamento del debito. Disincentivi a creare posti di lavoro sono amplificati dai tentativi di affrontare il problema. Maggiori imposte e altri oneri sono imposti sulla produzione rendendo il lavoro meno attraente.
 
La risposta non dovrebbe sorprendere: fuga dei capitali e “fuga di cervelli". Le persone di talento lasciano il paese per luoghi che offrono maggiori opportunità. Nel caso degli Stati Uniti, per sfuggire alle tasse queste persone devono rinunciare alla loro cittadinanza. Le rinunce di cittadinanza sono attualmente ai massimi livelli nella storia.
 
La fuga di capitali, sia reali che umani, abbassa ulteriormente gli standard di vita. I segni di stagnazione diventano più evidenti, gli annnunci di lavoro diminuiscono.
 
Inizialmente, le persone intaccano i loro risparmi o iniziano a prendere in prestito, al fine di mantenere il loro tenore di vita. I più credono che sia una situazione temporanea. Alla fine i fallimenti aumentano. I centri commerciali si svuotano e chiudono. Le grandi aree come Detroit diventano inabitabili.
 
Queste condizioni caratterizzano l'inizio del declino. 
 
Lo Stato. Lo Stato è minacciato dal declino. Tre comportamenti caratterizzano il suo comportamento. Lo Stato deve convincere i cittadini che:
 
1. le cose non stanno poi così male come sembra
2. lo Stato non è responsabile della situazione.
3. lo Stato deve fare di più per risolvere i problemi.
 
Le statistiche rilasciate dallo Stato cercano di trasmettere una falsa immagine di benessere. La spesa pubblica vola ma è in gran parte improduttiva e controproducente per il corretto funzionamento dell'economia.
 
Gli incentivi sono previsti per incoraggiare le persone a vivere al di sopra dei propri mezzi. Le bolle si susseguono. Le persone e le aziende sono invitate a prendere decisioni imprudenti, tutto nel tentativo di rendere l'economia apparentemente migliore.
 
Lo Stato ha un obiettivo ed è quello di rimanere al potere. Leggi e regolamenti si moltiplicano a ritmi sempre più veloci. Regole e leggi tiranniche sono adottate sotto il pretesto di proteggere la popolazione contro qualche minaccia. In realtà, queste leggi sono adottate per proteggere i leader contro la popolazione quando finalmente capirà cosa è stato fatto per loro.
 
La società. La società diventa grossolana quando questo processo progredisce. Le persone non sono più in grado di soddisfare i bisogni delle loro famiglie. Alcuni si rivolgono a comportamenti non etici, persino atti criminali. Il comune senso del pudore declina.
 
I regolamenti imposti dall'alto riducono la sfera delle interazioni volontarie tra le persone. Il governo decide sempre di più ciò che si deve fare, quando e come  farlo. Cosa si può dire è sotto attacco. Infine, come si deve vivere è sempre più determinato. Sempre più persone fanno quello che devono, piuttosto che quello che vogliono.
 
I gruppi di interesse, creati in tempi migliori, non riducono le loro richieste. L'incapacità di soddisfare le loro richieste crea conflitti politici e, eventualmente, problemi civili. Onorare le loro richieste divide la società ancora di più. Richieste non onorate possono produrre disordini  civili.
 
La società diventa sempre più divisa in termini di "creatori" e "acquirenti". Mentre gli acquirenti crescono in numero, i produttori diminuiscono. Poi i parassiti sopraffanno i produttori e la società crolla
 
Gli Stati Uniti, una volta il faro di libertà e di ricchezza, mostrano un deterioramento avanzato in tutte e tre le aree di cui sopra. Il tasso di deterioramento sta accelerando ma le persone non sono consapevoli delle conseguenze. La maggior parte delle persone non è addestrata a pensare in questi termini, né dovrebbe esserlo.  
 
Le persone sentono che c'è qualcosa di sbagliato, anche se non sono in grado di identificare cosa. Molti probabilmente credono che tutto ciò che sta accadendo sia temporaneo, come una sorta di rallentamento economico prima di un ritorno alla normalità. Per loro è sufficiente stringere la cinghia fino a quando non ritorneranno i bei tempi.

 
 
Di seguito i risultati di un sondaggio Gallup nel quale si rileva il grado di fiducia nutrito dagli americani nei confronti delle istituzioni della loro società.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA di Andrea Puccio TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti