Il leader di Podemos chiederà l'uscita della Spagna dalla Nato e romperà l'accordo con gli Stati Uniti

Il leader di Podemos chiederà l'uscita della Spagna dalla Nato e romperà l'accordo con gli Stati Uniti

Iglesias porrà l'importante questione geopolitica una volta salito al Governo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!




Pablo Iglesias, il nuovo segretario generale del partito spagnolo Podemos, ha riferito che se diventerà presidente del Governo chiederà l’uscita della Spagna dalla NATO e romperà l'accordo di difesa con gli Stati Uniti.


 
Per quanto riguarda quest'ultimo punto, che permette la presenza di basi militari americane a Rota (Cadice) e Moron (Sevilla), ha sottolineato che chiederà di annullare tale accordo "con tutti i mezzi".
 
"Io sono un patriota e non mi piace avere militari di altri paesi nel territorio nazionale. Non mi piace che la NATO stia nel nostro paese, credo che ci metta a rischio", ha detto Iglesias alla radio spagnola Cadena SER '.
 
Il nuovo leader di Podemos ha ammesso che non sarà  "cosa semplice" far uscire la Spagna dalla Nato, ma, se potesse, lo farebbe sicuramente.
 
A suo avviso, dopo la caduta del muro di Berlino l'organizzazione militare ha perso il suo significato e anche essere parte di essa ha a che fare con "quello che sta succedendo agli agricoltori spagnoli con il veto russo", ha detto Iglesias, in relazione al divieto di esportazioni di prodotti agricoli europei come risposta alle sanzioni da parte dell'Unione europea a seguito del conflitto in Ucraina.
 
Il nuovo segretario si dichiara a favore di un referendum in cui si sollevi il problema della continuità della Spagna nella NATO,
sostenendo che ciò non implicherebbe l’isolamento del Paese. "Vuol dire fare una politica estera propria, non soggetta a interessi esterni," ha detto.

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Renatino è un crumiro infelice di Giorgio Cremaschi Renatino è un crumiro infelice

Renatino è un crumiro infelice

ComeDonChisciotte, lo spettacolo triste dei falliti "scoop" di Fanpage di Francesco Santoianni ComeDonChisciotte, lo spettacolo triste dei falliti "scoop" di Fanpage

ComeDonChisciotte, lo spettacolo triste dei falliti "scoop" di Fanpage

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa di  Leo Essen Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa

Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa

Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione... di Pasquale Cicalese Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione...

Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione...

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo! di Roberto Cursi “L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti