3 anni di carcere "se sostieni la Russia". Avviene nella libera e democratica Unione Europea

3 anni di carcere "se sostieni la Russia". Avviene nella libera e democratica Unione Europea

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

In Cechia se sostieni la Russia rischi tre anni di carcere.

Lo ha annunciato il procuratore generale Igor Stríž in un comunicato stampa con cui spiega che “l'attuale situazione associata all'attacco della Federazione Russa all'Ucraina potrebbe avere implicazioni per la libertà di espressione".

La libertà di parola, infatti, sarebbe soggetta a restrizioni e - secondo lui - configurerebbe un reato nel caso di sostegno pubblico (anche sui social network) agli attacchi russi. Un giro di vite pesantissimo e giustificato, nell’ordinamento penale ceco, da misure che vietano di approvare o negare un reato o addirittura metterlo in discussione. Ma di che reato parliamo esattamente?

Perché mentre l’informazione europea mainstream sovrabbonda e trabocca di termini come “genocidio” e “crimini di guerra”(dei quali non c’è traccia alcuna se non nella testa dei pappagalli della propaganda) è importante soffermarsi a inquadrare precisamente la situazione.

Affermare ad esempio che l'espansione della NATO verso Est (come più volte fatto da Kissinger) o il sostegno occidentale al colpo di stato di Euromaidan hanno direttamente causato questa guerra sarebbe perseguibile penalmente oppure no? E denunciare i crimini di guerra e la pulizia etnica perpetrati nel Donbass dalle milizie neonaziste ucraine come documentato pure da Amnesty International?

Capite bene che in una guerra di propaganda in cui tutto ciò che non è assolutamente allineato al messaggio pro-Nato diventa automaticamente disinformazione russa (e nonostante ci si imbatta spesso in sfacciate e documentate fake news), il confine fra critica e reato di sostegno “al nemico” si fa davvero sottilissimo. Talmente sottile che diventa assai urgente chiedersi se questi tipo di provvedimenti siano effettivamente funzionali a prevenire le fattispecie di reato che ambiguamente vengono tratteggiate oppure, e molto più semplicemente, se servano ad aumentare il livello di censura interna in previsione di un tracollo economico dei paesi europei e di un’ulteriore riduzione degli spazi democratici.

Sarebbe ora che i tanti che in questi giorni tentano di esercitarsi in goffe manovre di equilibrismo politico, prima di preoccuparsi delle presunte dittature altrui, iniziano seriamente a guardare a quanto avviene in casa propria. Nella democratica Europa che strenuamente continuano a difendere.

Nonostante li stia portando dritti dritti alla guerra totale.

 

 

Potrebbe essere un'immagine raffigurante il seguente testo "REPORTING DEMOCRACY NEWS CZECHIA MULLS PENALISING SUPPORT OF UKRAINE INVASION BIRN Prague BIRN March 1, 2022 17:55 The Czech Republic's chief prosecutor has warned that expressing support for Russia's Russia attack on Ukraine could be a criminal offence, punishable by imprisonment."

Antonio Di Siena

Antonio Di Siena

Direttore editoriale della LAD edizioni. Avvocato, blogger e autore di "Memorandum. Una moderna tragedia greca" 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti