7 recenti dichiarazioni che definiscono inequivocabilmente la natura del Pd

7 recenti dichiarazioni che definiscono inequivocabilmente la natura del Pd

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Paolo Desogus*

Nelle ultime settimane dall'area PD sono arrivate numerose dichiarazioni che fanno chiarezza sulla natura e la cultura - se così si può definire - di questo partito. Ecco alcuni esempi:

- I dipendenti pubblici del sud devono guadagnare meno dei dipendenti del nord (Sala, Quartapelle);

- Gli imprenditori sono gli eroi della ripresa (Del Rio);

- Per frenare la perdita di posti di lavoro servono più contratti a tempo determinato (Boeri);

- Numoerosi dipendenti pubblici con il telelavoro hanno fatto vacanza (Ichino, Cottarelli, Cassese);

- Gli investimenti per la ripartenza devono concentrarsi sul nord, il sud aspetti (Bonaccini);

- L'alleanza con Berlusconi non è un tabù (Prodi, Bonaccini);

- Il MES non ha condizionalità e ha un tasso vantaggioso (Zingaretti).

Si tratta solo di alcuni esempi. Sicuramente mi è sfuggito qualcosa. Oltre a queste dichiarazioni bisognerebbe poi considerare tutte le affermazioni non trasparenti, come quelle in favore della famiglia Benetton per la riassegnazione delle concessioni ad ASPI. Ad ogni modo la domanda è un altra: è possibile che questo sia un partito?

Non chiedo se di sinistra o di destra, la mia domanda riguarda la natura stessa di "partito politico" a cui fa riferimento questa banda di personaggi che non spende una parola sugli italiani, sui lavoratori, su chi soffre la crisi, sui disoccupati. Il PD difende solo gli interessi del mercato, soprattutto se collocati nel nord d'Italia.

Nemmeno per scherzo o per demagogia (come nei partiti tradizionali di destra Lega, FdI) il paese è al centro dell'attenzione di questo pseudo partito.

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti