World Affairs/8 fake news sul coronavirus da confutare

8 fake news sul coronavirus da confutare

 


Global Times
 

L'epidemia COVID-19 in Cina ha iniziato a declinare fuori dalla provincia di Hubei, nel frattempo in alcuni paesi è in aumento. Ciò dimostra pienamente che l'epidemia è una sfida affrontata da tutta l'umanità e deve essere affrontata da tutti i paesi. L'esperienza della Cina nella lotta contro l'epidemia dimostra che la divulgazione tempestiva, accurata e autorevole delle informazioni è fondamentale. Tuttavia, gli argomenti di "energia negativa" nell’ambito dell'opinione pubblica, che minano la solidarietà e la cooperazione tra gli esseri umani e persino creano il panico dal nulla, danneggeranno gli sforzi per combattere l'epidemia e possono essere definiti "tumori" nell’ambito dell’opinione pubblica durante l'epidemia. Qui, riassumiamo otto tipici argomenti di "energia negativa" nell'opinione pubblica internazionale e riveliamo le loro assurdità, sperando di fornire uno "specchio" sul campo informativo nell'epidemia.

 

1. La "caduta economica" ignora il quadro completo

 

Sotto l'epidemia di coronavirus, le strade delle città cinesi sono rimaste vuote per un certo periodo e non c'è dubbio che l'economia ne risentirà in una certa misura. Tuttavia, affermare che i fondamenti dell'economia cinese sono cambiati e che la crescita precipiterà da una velocità medio-alta a zero o sarà addirittura negativa è un'esagerazione. Ad esempio, l'11 febbraio il New York Times ha pubblicato un articolo intitolato "Come l'Europa nel Medioevo": il virus rallenta l'economia cinese "affermando che l'epidemia ha fatto sì che la Cina rimanga in marcia bassa.

 

Questa epidemia di coronavirus è stata diffusa e molte industrie, come la ristorazione, il turismo, il cinema e la televisione, sono state gravemente colpite. Tuttavia, va notato che l'impatto dell'epidemia sull'economia cinese si riflette principalmente nella restrizione del lato della domanda, con conseguente squilibrio strutturale a breve termine tra domanda e offerta. A lungo termine, i mezzi di produzione sono ancora lì e le apparecchiature e la tecnologia di produzione non sono state colpite dallo scoppio dell’epidemia. Quindi l'epidemia non intaccherà le dinamiche interne dell'economia cinese. Il portavoce del Fondo Monetario Internazionale (FMI) Gerry Rice ha dichiarato in una conferenza stampa il 13 febbraio che "nel medio e lungo termine restiamo fiduciosi che l'economia cinese sia resistente". L'FMI ??prevede una ripresa a forma di V per l'economia cinese, in cui un forte calo delle attività economiche sarebbe seguito da una rapida ripresa. Con i miglioramenti nel contenimento dell'epidemia, il lato dell'offerta tornerà gradualmente alla normalità e allo stesso tempo la potenziale domanda soppressa durante l'epidemia verrà liberata e ci sarà un grande rimbalzo nella futura crescita economica.

 

La trasformazione strutturale ha dato alla Cina un'economia forte e resistente. Innanzitutto, il consumo è diventato il principale motore di crescita. Nel 2019, la spesa per consumi ha contribuito al 57,8 percento alla crescita economica. In secondo luogo, la percentuale fornita dall'industria dei servizi continua ad aumentare e la percentuale di valore aggiunto dell'industria terziaria al PIL nel 2019 è del 53,9 per cento. Il terzo è passare da un eccesso di risparmio a un assorbimento di risparmio, che ha portato a un continuo aumento dei consumi delle famiglie. In quarto luogo, dall'introduzione dell'innovazione all'innovazione indipendente, l'attuale digitalizzazione e trasformazione intelligente di vari settori ha portato al rapido sviluppo del business online. Sebbene l'epidemia abbia aumentato la pressione al ribasso a breve termine sull'economia, la tendenza positiva a lungo termine dell'economia cinese non è cambiata.

 

2. "Disaccoppiamento Cina-USA" inverosimile

 

Con l'epidemia di coronavirus, la ripresa del lavoro in molte fabbriche in Cina è stata ritardata, il che ha influito sulla catena di approvvigionamento globale. Ma può essere delirante parlare di "compagnie internazionali in fuga dalla Cina" e pensare che le economie degli Stati Uniti e della Cina "si separeranno" a seguito dell’epidemia. Ad esempio, il Segretario al Commercio degli Stati Uniti, Wilbur Ross, ha dichiarato a Fox Business Channel il 31 gennaio che la nuova epidemia di coronavirus aiuta a "accelerare il ritorno dei lavori in Nord America, alcuni negli Stati Uniti e probabilmente anche in Messico", aggiungendo che fattori come questo spingeranno le società statunitensi a rivalutare i rischi, come la catena di approvvigionamento delle attività legate alla Cina.

 

Va notato che di fronte all'epidemia, il governo cinese ha dimostrato la sua ferma convinzione nel vincere la battaglia contro l'epidemia. Si ritiene che l'epidemia non durerà a lungo, né causerà danni permanenti all'economia. La fiducia delle imprese nel futuro non è scomparsa. L'esperienza dell'epidemia di SARS nel 2003 mostra anche che dopo l'epidemia, il desiderio di consumo delle persone esploderà e l'economia vedrà una rapida crescita.

 

Rispetto agli Stati Uniti, dove l'industria terziaria rappresenta l'85 percento dell'economia totale, l'industria terziaria cinese rappresenta solo poco più del 50 percento. C'è ancora più spazio per lo sviluppo. Naturalmente, le aziende non lo perderanno di vista e abbandoneranno un enorme spazio di sviluppo per andare in un luogo in cui la concorrenza è agguerrita.

 

La spinta del governo degli Stati Uniti per il ritorno della produzione non è nuova. È iniziata durante l'amministrazione Obama, ma i risultati reali sono stati scarsi. Questo perché la Cina è la più grande base produttiva del mondo con una catena industriale a monte e a valle più completa e un mercato di consumo ampio e diversificato. Solo essendo vicini al mercato cinese le aziende possono sentire la domanda all'avanguardia, avere una maggiore velocità di produzione e garantire una qualità del prodotto più affidabile.

 

Naturalmente, l'industria cinese è in un periodo di trasformazione e miglioramento e alcune imprese che non possono più adattarsi al mercato cinese se ne andranno. Questa è la legge naturale dello sviluppo economico, e non è affatto l'esodo di cui parla Ross.

 

3. 'Crollo dell'immagine cinese' senza fondamento

 

Con l'epidemia di coronavirus, alcune voci nell'opinione pubblica internazionale hanno infangato l'immagine della Cina.

 

Ad esempio, il 6 febbraio, con il titolo "Questo non è un coronavirus, è un virus ufficiale", un articolo di Deutsche Welle a Putonghua ha affermato che il sistema di governance cinese non è un sistema di governance moderno, quindi era vulnerabile di fronte l'epidemia. Su alcuni social media esteri, alcune persone hanno sostenuto che "l'immagine nazionale della Cina è crollata", al fine di denigrare l'immagine della Cina come potere responsabile. Hanno anche affermato che la Cina non sarebbe stata in grado di costruire una società moderatamente prospera sotto tutti gli aspetti, come previsto.

 

È chiaro che la calunnia di cui sopra è infondata e basata su un gioco di parole. La "teoria della minaccia cinese" è un virus nel campo dell'opinione pubblica internazionale.

 

Dopo lo scoppio dell'epidemia di coronavirus, il governo cinese ha rapidamente creato squadre speciali per affrontare l'epidemia, le ha dispiegate ampiamente in tutto il paese e ha aiutato i paesi interessati a evacuare il personale. Risultati che possono essere raggiunti solo da un eccellente sistema di governance moderno e capacità di governance, e sono stati ampiamente elogiati a livello internazionale.

 

Rispetto alle prestazioni di alcune economie avanzate, la Cina ha anche svolto un lavoro molto migliore nel ridurre il rischio di diffusione della malattia a livello globale. Il 16 febbraio, in risposta alle carenze e ai punti deboli nella risposta all'epidemia, il governo cinese ha nuovamente effettuato uno schieramento "a due mani", compreso il miglioramento della legge sulla biosicurezza, il sistema nazionale di gestione delle emergenze e la distribuzione della capacità di produzione di materiali chiave. Le misure di prevenzione dell'epidemia in Cina sono state elogiate dalla comunità internazionale. Il presidente francese Macron ha espresso ammirazione per le misure efficaci della Cina e per l'apertura e la trasparenza del paese nella lotta contro l'epidemia. Il direttore generale dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) Tedros Adhanom Ghebreyesus ha elogiato la Cina per aver adottato molte misure di prevenzione e contenimento che vanno ben oltre i requisiti pertinenti per rispondere alle emergenze. Ciò ha fissato un nuovo punto di riferimento per la prevenzione delle epidemie in tutti i paesi. La velocità, le dimensioni e l'efficienza delle azioni cinesi riflettono i punti di forza del suo sistema.

 

4. "Malato dell'Asia" ravviva il secolo di discriminazione

 

Con lo scoppio del COVID-19, i governi, le imprese e le persone di dozzine di paesi hanno donato aiuti umanitari alla Cina per sostenere la lotta del paese contro l'epidemia. Nel frattempo, alcune persone hanno colto maliziosamente l'opportunità di diffondere la discriminazione contro la Cina - il Wall Street Journal ha pubblicato un articolo intitolato "La Cina è il vero uomo malato dell'Asia" il 3 febbraio, colpendo i sentimenti del popolo cinese. Non dovremmo solo confutare tale assurdità con una vittoria globale sull'epidemia, ma anche continuare ad aumentare i servizi di sanità pubblica e le capacità nazionali della Cina, gettando il tono discriminatorio nel mucchio spazzatura della storia per sempre.

 

La Cina una volta era debole a causa della sua solitudine ed era sfruttata dalle potenze occidentali, che in modo dispregiativo definivano la Cina "il malato dell'Asia". Parole così sprezzanti sono state una cicatrice nella mente del popolo cinese. Con sforzi incessanti di oltre 100 anni, la Cina è molto più forte di prima, con lo stato di salute generale delle persone che raggiunge un nuovo massimo.

 

Dopo la fondazione della Repubblica popolare cinese nel 1949, il paese ha migliorato il suo stato di salute pubblica, eliminando malattie infettive maligne come il vaiolo e il colera e sviluppando una cura per la schistosomiasi che una volta minacciava i cinesi da molto tempo.

 

Un sistema medico globale è stato istituito in Cina, che copre tutte le aree rurali. La Cina ha anche inviato squadre mediche per aiutare i paesi africani a combattere contro epidemie come l'Ebola. Mentre la Cina sta completando la costruzione di una società moderatamente prospera, il paese sta rapidamente aumentando il budget per le cure mediche e la salute pubblica, assicurando ai residenti in città e paesi un'assicurazione medica di base.

 

Attualmente, l'aspettativa di vita media dei cinesi, che continua a crescere, ha superato quella degli statunitensi. Attraverso la cooperazione medica e sanitaria internazionale, compresa la costruzione di una Via della Seta della salute, l'esperienza cinese nel campo delle cure mediche e della salute pubblica è stata ampiamente riconosciuta e accettata.

 

5. Razzismo puro dell'isteria del pericolo giallo

 

Il 1° febbraio, il settimanale tedesco Der Spiegel aveva un titolo di copertina dove si affermava che il nuovo coronavirus era "Made in China". In un momento cruciale in cui il mondo sta combattendo congiuntamente l'epidemia, la rivista tedesca ha diffuso in modo disumano l'isteria del pericolo giallo, il cui nucleo è la paura dell'Occidente per l'Oriente.

 

Il mondo occidentale considera il mondo orientale come una minaccia, e la paura stessa rimarrà indietro rispetto a quest'ultimo, e quindi rifiuta di accettare il fatto che il mondo orientale sia diventato più sviluppato e molto più forte di quanto non fosse una volta. L'Occidente vuole salvaguardare il suo dominio nel mondo.

 

Stando così le cose, alcuni nazionalisti in Occidente hanno approfittato dell'epidemia di COVID-19 per diffondere questa isteria.

 

Nell'era della globalizzazione, la civiltà umana non dovrebbe più impegnarsi in giochi a somma zero tra Oriente e Occidente e tra razze, ma piuttosto nella costruzione di una comunità di futuro condiviso, in cui le persone possano coesistere e svilupparsi congiuntamente. Di fronte a questa emergenza sanitaria pubblica, nessuno può davvero fuggire e rimanere isolato. Solo la cooperazione, la solidarietà e l'aiuto reciproco possono aiutare le persone a vincere la lotta contro il virus.

 

È giunto il momento di porre fine alla farsa dell'isteria del pericolo giallo che incoraggia le persone a giocare a un "hunger game".

 

6. I paragoni con il romanzo ‘1984’ per oscurare la realtà

 

Per combattere il COVID-19, la Cina ha adottato varie misure ad alta tecnologia, come i Big Data e l'intelligenza artificiale, per controllare il flusso di popolazione e ridurre i rischi di infezione incrociata. Tuttavia, alcuni media occidentali sembrano essere stati spaventati dalla capacità di governance della Cina. Real Clear Politics ha pubblicato un articolo giovedì dicendo: "Il governo cinese è come qualcosa uscito fuori da '1984". "Ci sono due ragioni per cui questo punto di vista può echeggiare in Occidente.

 

Innanzitutto, è più probabile che le persone credano alle storie con cui hanno familiarità. Il romanzo distopico di George Orwell del 1984 è ben noto, ma non molte persone conoscono la vera Cina. Pertanto, i cinesi hanno difficoltà a convincere i loro amici occidentali che la Cina non è una cosa uscita fuori da ‘1984’. È come regalare a un amico, che non ha mai visto un vero panda, un giocattolo di panda, la prossima volta che menzionate panda, questo amico probabilmente richiamerà alla mente il giocattolo piuttosto che un vero panda.

 

In secondo luogo, i media forniscono sempre ai propri abbonati articoli che attirano l'attenzione, anche se i loro punti di vista sono anormali. Per quei media, una Cina spaventosa è ovviamente più efficace di una Cina normale per attirare pubblico.

 

Usando ‘1984’ come metafora, quei media occidentali possono diffondere la paura della Cina tra gli occidentali e quindi guadagnare di più. Ecco perché una storia molto ordinaria con un titolo accattivante può essere forgiata in qualcosa di spaventoso e strano per la Cina. Dato che molti media occidentali sono guidati da interessi commerciali, non è difficile capire lo stereotipo della Cina occidentale.

 

Ciò che ‘1984’ descrive può accadere ovunque la gente viva. Il romanzo doveva essere un avvertimento, non un manuale di istruzioni. Il capolavoro di George Orwell non è vietato in Cina. Invece, i suoi libri sono stati tra i più venduti in Cina dopo la riforma e l'apertura del paese. La Cina sta avanzando in senso lato usando l'esperienza accumulata dal popolo cinese piuttosto che qualcosa tratto da un romanzo.

 

7. ‘Arma biochimica’ fantasia cospirativa

 

Le teorie della cospirazione sono una realtà costante nel campo dell'opinione pubblica internazionale. Quando ci sono disordini, affioreranno.

 

Il 31 gennaio, il senatore nordamericano Tom Cotton ha twittato che "è più urgente che mai smettere di viaggiare tra Cina e Stati Uniti" e ha inviato un "MESSAGGIO A TUTTI GLI AMERICANI IN CINA: andatevene - ora". Ha anche affermato che il virus potrebbe aver avuto origine in un "super laboratorio" a Wuhan.

 

Il Ministero della Sanità della Federazione Russa il 29 gennaio ha pubblicato una guida per la prevenzione, la diagnosi e il trattamento della nuova infezione da coronavirus. Secondo questo documento, è stato scoperto che COVID-19 è stato ricombinato da un coronavirus di pipistrello e un altro coronavirus di origine sconosciuta, innescando la speculazione che il virus fosse stato sviluppato dagli Stati Uniti come arma biologica.

 

Sebbene tali argomenti siano stati frequenti, anche nell'opinione pubblica occidentale tradizionale, ci sono pochi esperti che concordano.

 

Il Washington Post del 29 gennaio ha pubblicato un articolo intitolato "Gli esperti hanno smantellato la teoria della frangia che collega il coronavirus cinese alla ricerca sulle armi", con interviste a cinque esperti di prestigiose università e istituti di ricerca statunitensi. Tutti "hanno respinto l'idea che il virus potesse essere creato dall'uomo".

 

Un esperto di armi chimiche ha affermato che lui e altri analisti di tutto il mondo "avevano discusso della possibilità che lo sviluppo di armi nel laboratorio di Wuhan avrebbe potuto portare allo scoppio del coronavirus", ma nessuno di loro "aveva trovato prove convincenti a sostegno della teoria."

 

Un professore del Massachusetts Institute of Technology ha anche sottolineato che "una buona arma biologica in teoria ha un'alta letalità ma bassa, non [alta], comunicabilità" e diffondere tale "disinformazione" è "incredibilmente irresponsabile".

 

The Lancet, la principale rivista medica generale al mondo, ha pubblicato il 19 febbraio una "Dichiarazione a sostegno di scienziati, professionisti della sanità pubblica e professionisti della Cina che combattono il COVID-19" firmata da 27 importanti scienziati della sanità pubblica in tutto il mondo.

 

L'affermazione "condanna fermamente le teorie della cospirazione che suggeriscono che COVID-19 non abbia un'origine naturale" e mostra che gli scienziati di più paesi "concludono in modo schiacciante che questo coronavirus ha avuto origine nella fauna selvatica". Invita inoltre l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) a "promuovere prove scientifiche e unità sulla disinformazione e le congetture".

 

8. Mettere in discussione l'imparzialità dell'OMS è distruttivo

 

Gli sforzi e i risultati della Cina nella lotta contro l'epidemia sono ovvi per tutti. Chiunque abbia un atteggiamento realistico farà una valutazione equa. Tuttavia, alcuni membri della comunità internazionale hanno guardato la Cina attraverso lenti deformanti e hanno persino diffamato le entità e gli individui che hanno elogiato la Cina.

 

L'affermazione del direttore generale dell'OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus sulla performance della Cina è stata descritta da alcuni media come "distorta a favore della Cina".

 

A Tedros è stato chiesto il 12 febbraio se "il governo cinese si è avvicinato all'OMS per chiedergli di alzarsi e dire che la Cina sta facendo un buon lavoro? C'è stata una pressione su questa organizzazione per dire quel genere di cose... perché so come importante è salvare la faccia in Cina". Ha confutato, "La Cina non ha bisogno di chiedere di essere elogiata... perché abbiamo visto queste cose concrete che dovrebbero essere apprezzate".

 

Ha visto chiaramente gli enormi sforzi della Cina per fermare la diffusione del virus nel resto del mondo, inclusa la notifica ad altri paesi di quei casi confermati con storia di viaggi in uscita.

 

I leader statali e gli esperti di salute pubblica di vari paesi hanno applaudito agli sforzi e alla trasparenza della Cina. Tedros ha anche invitato la comunità internazionale a smettere di "stigmatizzare un paese" e sostenere "la solidarietà nella lotta contro il nemico comune, COVID-19".

 

Allo stesso modo, anche l'ex direttore generale dell'OMS Margaret Chan Fung Fu-chun è stata criticata nel 2015 per "schierarsi" con la Corea del Sud nella lotta contro la MERS.

 

Le osservazioni e le azioni dell'OMS sono tutte basate sulle informazioni comunicate dal governo all'epicentro, sugli ultimi dati generati dall'organizzazione e sui suggerimenti forniti dal Comitato di emergenza delle norme sanitarie internazionali. Anche chiarire e dissipare le voci e la disinformazione fa parte del suo lavoro.

 

Insieme alla Cina, il governo di Singapore sta anche sollecitando i cittadini a smettere di diffondere voci. Inoltre, l'OMS ha già preso provvedimenti per impedire all'epidemia di coronavirus di innescare "una pericolosa" infodemia "sui social media alimentata da false informazioni" e ha fatto appello per il contenimento di voci, bugie e disinformazione.

 

L'articolo è stato scritto da Wang Wen, Jia Jinjing, Bian Yongzu, Cao Mingdi, Liu Ying, Liu Yushu, Yang Fanxin, Guang Zhaoyu, Wang Peng, Liu Dian, Chen Zhiheng, Zhang Tingting, Zhang Yang dell'Istituto Chongyang per gli studi finanziari, Renmin University of China.

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

 

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa