/ La Russia scopre gli ordini segreti delle Nazioni Unite per ferma...

La Russia scopre gli ordini segreti delle Nazioni Unite per fermare la ricostruzione della Siria

 

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha rivelato l'esistenza di ordini segreti delle Nazioni Unite che impediscono alle loro agenzie di partecipare alla ricostruzione della Siria.


"Nel mese di ottobre dello scorso anno il Dipartimento degli affari politici del Segretariato delle Nazioni Unite emesso e diffuso in tutto il sistema delle Nazioni Unite una direttiva segreta che vieta ai suoi organismi di partecipare ai progetti di ricostruzione in organismi Siria", ha rivelato il Ministro degli Esteri russo, Sergey Lavrov in una conferenza stampa dopo l'incontro con il suo omologo libanese Yebran Basil.
 
Il ministro degli Esteri russo ha aggiunto di aver chiesto spiegazioni al segretario generale delle Nazioni Unite, il portoghese António Guterres.
 
"Ho chiesto il motivo per cui questi problemi sono oggetto di segreto direttive interne del Segretariato, perché non ha segnalato questo al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite dedicata direttamente per risolvere il problema siriano e il motivo per cui questo tipo di decisioni sono preso delle senza un'analisi trasparente e obiettiva della situazione sul terreno", ha spiegato Lavrov.
Il segretario generale delle Nazioni Unite ha promesso di chiarire l'origine di questi ordini segreti del Dipartimento degli affari politici che fino al marzo 2018 era diretto dallo statunitense Jeffrey Feltman.
 
Attualmente di questa unità chiave dell'ONU è responsabile la statunitense Rosemary DiCarlo.
 
Di fronte a questo scandalo, Lavrov ha criticato le intenzioni di alcuni paesi di manipolare il Segretariato delle Nazioni Unite.
 
"È inammissibile il tentativo da un gruppo di paesi di manipolare per scopi geopolitici le segreterie delle organizzazioni internazionali i cui agenti dovrebbe essere imparziale e indipendenti", secondo il capo della diplomazia russa.
 
Lavrov ha esortato i paesi occidentali a porre fine ad utilizzare ai loro scopi le organizzazioni internazionali per fini oscuri.
 
Lavrov ha chiesto di discutere onestamente i disaccordi tra la Russia e altri paesi e risolvere i problemi non "alle spalle" degli altri partner che influenzano i funzionari delle organizzazioni internazionali.
 
Ostacoli per il rientro dei rifugiati
 
I rifugiati siriani si preparano ad attraversare il confine libanese vicino al villaggio di Arsal, per tornare alle loro case in Siria, dal 28 giugno 2018.
 
Milioni di rifugiati tornano in Siria, gli Stati Uniti non sanno cosa fare.
Gli ordini segreti del Dipartimento degli affari politici delle Nazioni Unite di vietare il finanziamento dei progetti di ricostruzione in Siria hanno coinciso con il rifiuto degli Stati Uniti di contribuire alla ricostruzione del paese arabo, un rifiuto che Lavrov ha descritto il 20 agosto come " un ostacolo"per il ritorno dei rifugiati.
Il ministro degli Esteri russo ha ricordato che il Dipartimento di Stato americano ha recentemente dichiarato che "era prematuro discutere della ricostruzione della Siria", commentando un incontro del capo della diplomazia americana, Mike Pompeo, con l'inviato dell'Onu, Staffan de Mistura.
 
D'altra parte, Lavrov ha anche messo in discussione le richieste artificiali che vengono presentate per i profughi siriani di tornare nel loro paese.
 
"Il processo [di ritorno] è già iniziato ed è controproducente creare richieste artificiali che ostacolino il ritorno dei rifugiati nelle loro case", ha affermato.
 
La Russia e il Libano, ha sottolineato Lavrov, concordano sul fatto che le condizioni per il ritorno degli sfollati sono già in atto.
 
Da parte sua, il ministro degli Esteri libanese ha criticato l'Alto commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR), Filippo Grandi, che si è opposto al ritorno dei rifugiati siriani nel loro paese.
Grandi ha chiesto ai cinque milioni di rifugiati siriani che si trovano nei paesi vicini di non tornare nel loro paese sostenendo che è molto pericoloso e che l'ONU "non potrebbe garantire il ritorno di così tante persone mentre il conflitto continua".
 
"Questi tipi di dichiarazioni annullano i reali progressi avvenuti sul campo, anche se la situazione è già cambiata in Siria, in primo luogo, in termini di sicurezza", ha spiegato Yebran Basil.
 
Attualmente il Libano ospita quasi un milione di rifugiati
 
"Il Libano cerca di collaborare con l'UNHCR, ma non accetterà mai una retorica che contribuisca a mantenere la presenza di rifugiati nel suo territorio", ha insistito Basil.
 
Fonte: Sputnik
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa