Referendum revocatorio in Venezuela: l'intollerabile doppia morale di Mauricio Macri

Referendum revocatorio in Venezuela: l'intollerabile doppia morale di Mauricio Macri

Forse il signor Macri, essendo troppo occupato ad applicare in maniera selvaggia quelle politiche neoliberiste che portarono il paese al default, dimentica che in Argentina resta detenuta l’attivista e parlamentare Milagro Sala in maniera assolutamente arbitraria

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Fabrizio Verde


Senza alcuna remora o pudore, il presidente argentino Mauricio Macri, invita il Venezuela a «fare l’impossibile» affinché entro quest’anno venga celebrato il referendum revocatorio della carica del presidente venezuelano Maduro. Il dirigente argentino, neoliberista incallito, ha aggiunto che Maduro vuole impedire che il referendum venga svolto quest’anno. 

 

Macri è riuscito a far sfoggio di una doppia morale degna dei suoi padroni che siedono in quel di Washington.

 

Innanzitutto bisognerebbe ricordare al presidente argentino che non ha alcuna autorità per interferire negli affari interni di un paese sovrano; poi evidenziare che pare quantomeno strano chiedere a gran voce che venga applicato uno strumento di democrazia diretta che nel proprio paese non è nemmeno previsto, mentre si accusa il Venezuela di non essere un paese democratico. 

 

Forse il signor Macri, essendo troppo impegnato ad applicare in maniera selvaggia quelle politiche neoliberiste che portarono il paese al default, dimentica che nel in Argentina resta detenuta l’attivista e parlamentare Milagro Sala in maniera assolutamente arbitraria, come denunciato da organizzazioni internazionali e intellettuali come il premio Nobel Perez Esquivel. 

 

A proposito di una questione, siamo stranamente d’accordo con il signor Macri. Si tratta dei diritti umani calpestati. Nel regime liberista instaurato in Argentina da Macri, che presiede un governo delle multinazionali, la povertà cresce senza soluzione di continuità mentre aumentano in maniera esponenziale i licenziamenti. Il tutto accompagnato da una forte repressione poliziesca. Crediamo che questa situazione sia intollerabile e la comunità internazionale debba intervenire con energia e tempestività per tutelare i diritti umani del popolo argentino. 

 

Infine, vogliamo ricordare a Macri che invece di chiedere la convocazione del referendum revocatorio in Venezuela - la cui data sarà stabilita secondo la legge e i passi compiuti dai richiedenti dall’organo statale preposto - quanto sia stato distratto sul golpe parlamentare che ha rovesciato in maniera illegittima il governo guidato da Dilma Rousseff in Brasile, dove si è insediato Michel Temer, altro liberista incallito che si appresta a portare il Brasile sulla fallimentare strada già imboccata dall’Argentina.  

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...