Adriano Celentano contro i talk: «Anche chi non si vaccina è tuo fratello»

Adriano Celentano contro i talk: «Anche chi non si vaccina è tuo fratello»

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'AntiDiplomatico è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel nostro canale e rimanere aggiornato

 

 

“Tu sei simpatico, ma a volte non basta concedere la parola. Il valore di un conduttore sta nella capacità di tenere a bada l’ipocrisia degli ‘interruttori’ e da te, ma non solo da te, ce ne sono parecchi e sono più velenosi del virus”. Nuovo bellissimo video di Adriano Celentano che mette a nudo il ruolo nefasto dei cosiddetti "talk show" nell'aizzare quella guerra tra poveri con il pretesto dei "no vax" che permette di creare il nuovo capro espiatorio perfetto per i potenti. 

Qui per vedere il video completo.

 

 

Da Il Sussidiario

 

[...]

 

Adriano Celentano, quindi, punta il dito contro Alessandro Cecchi Paone, Maurizio Gasparri e tanti altri, con una serie di clip video montate per dimostrare la volontà da parte loro di interrompere chi sta argomentando contro la vaccinazione anti-Covid. Non solo: oltre alle incursioni dell’ormai iconico “Capra! Capra! Capra!” di Vittorio Sgarbi, viene dato ampio risalto ad alcuni emblemi no vax nel mondo, come Giuseppe Povia (che ha ammesso di avere paura del vaccino), il tennista numero uno al mondo, Novak Djokovic, e il premio Nobel Luc Montagnier. In coda al filmato, poi, il pensiero inclusivo del ragazzo della via Gluck: “Anche chi non si vaccina è tuo fratello!”.

A corredo del video pubblicato su Instagram, Adriano Celentano ha pubblicato anche una breve riflessione, a cui ha attribuito il seguente titolo: “L’inesistente – L’amorevole fratello”. Dopo avere salutato i suoi fan con un semplice “ciao, ragazzi!”, il Molleggiato ha sottolineato di trovarsi ancora una volta costretto a “sottolineare il ruolo di chi conduce talk e trasmissioni di informazione, secondo me incapaci nel tenere sotto controllo i famosi interruttori. Trattasi di strani ospiti che non solo non accendono alcun tipo di luce, ma creano il buio attorno a chi non la pensa come loro”.

 

L'AntiDiplomatico è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel nostro canale e rimanere aggiornato

 

Potrebbe anche interessarti

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO di Giorgio Cremaschi 28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'" di Marinella Mondaini Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Buoni a nulla di Alberto Fazolo Buoni a nulla

Buoni a nulla

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda di Giuseppe Masala "Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire di Antonio Di Siena Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA di Gilberto Trombetta VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo di Michelangelo Severgnini Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo