"Ministero della Verità Orwelliano": giudice USA impedisce ai funzionari di Biden di contattare i social media

"Ministero della Verità Orwelliano": giudice USA impedisce ai funzionari di Biden di contattare i social media

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Un giudice federale degli Stati Uniti ha impedito ai funzionari dell'amministrazione del presidente Joe Biden di contattare le società di social media per la moderazione dei contenuti.

In un documento depositato martedì, il giudice Terry Doughty ha emesso l'ingiunzione in risposta a una causa intentata dai procuratori generali repubblicani della Louisiana e del Missouri insieme a due critici di primo piano del regime di lockdown per il Covid-19 come Martin Kulldorff di Harvard e Jay Bhattacharya di Stanford. Essi sostengono che il governo si sia spinto troppo in là nei suoi sforzi per incoraggiare le piattaforme di social media ad affrontare le informazioni false.

"Se le accuse mosse dai querelanti sono vere, il presente caso comporta probabilmente il più massiccio attacco alla libertà di parola nella storia degli Stati Uniti", ha scritto il giudice distrettuale Terry A. Doughty. "È probabile che i querelanti riescano a stabilire che il governo ha usato il suo potere per mettere a tacere l'opposizione".

Le persone e agenzie vincolate dall'ingiunzione includono il presidente Biden, l'addetto stampa della Casa Bianca Karine Jean-Pierre, la Food and Drug Administration, i Centers for Disease Control, il Dipartimento del Tesoro, il Dipartimento di Stato, la Commissione di assistenza elettorale degli Stati Uniti, l'FBI e l'intero Dipartimento di Giustizia e il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani. Bhattacharya e Kulldorff, che sono tra gli ideatori della Dichiarazione di Great Barrington che denunciava il regime di lockdown, sono stati vittime della censura dei social media. Ad esempio, affermano che le loro dichiarazioni che hanno innescato la censura includevano affermazioni secondo cui "pensare che tutti debbano essere vaccinati è scientificamente errato”, messa in discussione dell’utilità delle mascherine e affermazioni sull’immunità naturale più forte del vaccino. 

Sebbene il caso sia dominato dalla censura del Covid-19, comprende anche gli sforzi del Dipartimento di Giustizia per sopprimere le notizie sul "laptop" di Hunter Biden nel periodo precedente alle elezioni del 2020. 

L'ingiunzione rappresenta un'importante conferma delle accuse secondo cui i funzionari governativi sono collusi con le piattaforme dei social media per eliminare i discorsi che contrastano le narrazioni ufficiali. 

"Le prove finora descrivono uno scenario quasi distopico", ha scritto Doughty nella sua sentenza di 155 pagine. "Durante la pandemia di Covid-19, un periodo forse meglio caratterizzato da dubbi e incertezze diffusi, il governo degli Stati Uniti sembra aver assunto un ruolo simile a un 'Ministero della Verità' orwelliano".

"Gli imputati della Casa Bianca hanno reso molto chiaro alle società di social media cosa volevano sopprimere e cosa volevano amplificato", ha scritto Doughty. "Di fronte all'implacabile pressione dell'ufficio più potente del mondo, le società di social media" hanno obbedito agli ordini.

Doughty ha citato le comunicazioni dei funzionari dell'amministrazione ai dipendenti delle società di social media, dicendo che rappresentano "esempi di coercizione esercitata dagli imputati della Casa Bianca". 

Ecco degli esempi:

"Non posso sottolineare il grado in cui questo deve essere risolto immediatamente. Rimuovi immediatamente questo account”. 

A Facebook: "Siete fottutamente seri? Voglio una risposta su quello che è successo qui e la voglio oggi". 

"Questa è una preoccupazione condivisa ai più alti (e intendo più alti) livelli del WH (Casa Bianca ndr)“.

"Ciao gente, volevo segnalare il tweet qui sotto e mi chiedo se possiamo muoverci nel processo di rimozione. AL PIÙ PRESTO”.

Il giudice ha osservato che il tormento è avvenuto contemporaneamente alle minacce di cambiare lo schema di regolamentazione dei social media e che tali minacce avevano una credibilità extra poiché arrivavano mentre i democratici controllavano la Casa Bianca e il Congresso. 

L'accusa che le piattaforme di social media e il governo agissero di concerto è corroborata dalla comunicazione e dalla burocrazia che circondavano l’attività. “In molte e-mail tra la Casa Bianca e le società di social media le parti si definivano come "partner". "Twitter ha persino inviato alla Casa Bianca un "portale di supporto per i partner" per una revisione accelerata delle richieste della Casa Bianca", ha scritto Doughty, già candidato con Trump nel 2017.

A Una lunga lista di agenzie e persone è ora vietato contattare le piattaforme di social media con " lo scopo di sollecitare, incoraggiare, fare pressione o indurre in qualsiasi modo la rimozione, la cancellazione, la soppressione o la riduzione di contenuti contenenti libertà di parola protetta”.

"Se c'è un principio fondamentale alla base del Primo emendamento, è che il governo non può vietare l'espressione di un'idea semplicemente perché la società trova l'idea stessa offensiva o sgradevole", ha scritto Doughty.

La sentenza segna una vittoria per i repubblicani che hanno citato in giudizio l'amministrazione Biden dicendo che stavano usando la pandemia e la minaccia della disinformazione come scusa per frenare le opinioni che non erano d'accordo con il governo.

Tra il 2020 e il 2022, ad esempio, Twitter ha sospeso quasi 11.000 account con l’accusa di diffondere disinformazione sulla pandemia. 

Il senatore Eric Schmitt, che era il procuratore generale del Missouri quando la causa è stata depositata, ha scritto su Twitter che la sentenza costituisce "un'enorme vittoria per il Primo emendamento e un duro colpo alla censura."

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Quando Mario Monti parla di "sacrifici".... di Fabrizio Verde Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo di Marinella Mondaini "Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La dittatura del pensiero liberal di Giuseppe Giannini La dittatura del pensiero liberal

La dittatura del pensiero liberal

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?) di Gilberto Trombetta Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario di Andrea Puccio Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici? di Paolo Arigotti La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti