Alastair Crooke - La guerra di Israele, l'azzardo di Netanyahu

Alastair Crooke - La guerra di Israele, l'azzardo di Netanyahu

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Alastair Crooke - Strategic Culture

Il sostegno del Partito Democratico statunitense a Israele si sta rapidamente incrinando - una "scossa ideologica", la definisce Peter Beinart (editore di Jewish Currents). Dal 7 ottobre "è diventato un terremoto" - una "Grande Rottura".

Si tratta della fusione tra liberalismo e sionismo che da tempo definisce il Partito Democratico:

"La guerra di Israele a Gaza ha dato il via a una trasformazione nella sinistra americana. La solidarietà con i palestinesi sta diventando essenziale per la politica di sinistra, così come il sostegno ai diritti dell'aborto o l'opposizione ai combustibili fossili. E, come è accaduto durante la guerra del Vietnam e la lotta contro l'apartheid sudafricana, il fervore della sinistra sta rimodellando il mainstream liberale".

In parole povere, parallelamente allo spostamento di Israele verso l’estrema destra, il sostegno filo-palestinese negli Stati Uniti si è rafforzato. Entro novembre 2023, il 49% degli elettori ebrei americani di età compresa tra 18 e 35 anni si è opposto alla richiesta di Biden di ulteriori aiuti militari a Israele.

Questo è un vettore; una direzione di viaggio all’interno della politica nordamericana.

Dall’altro lato, gli ebrei statunitensi – quelli più devoti al sionismo; quelli che gestiscono le istituzioni dell’establishment – vedono che l’America liberale sta diventando ideologicamente meno ospitale. Stanno rispondendo a questo cambiamento creando una causa comune con la destra americana.

Netayanhu aveva osservato che Israele e un partito democratico wok erano su percorsi divergenti circa dieci anni prima – spostando il Likud e la destra israeliana dai democratici agli evangelici americani (e quindi, in generale, nella direzione del partito repubblicano). Come ha scritto nel 2022 un ex diplomatico israeliano senior, Alon Pinkas:

"Con Netanyahu è sempre stato transazionale. Così nell'ultimo decennio o giù di lì ha sviluppato la sua vile versione della ‘teoria della sostituzione’: La maggioranza dei cristiani evangelici sostituirà la grande maggioranza degli ebrei nordamericani. Poiché è una questione di numeri, gli evangelici sono l'alleato preferito".

Beinart scrive: "I sostenitori di Israele non solo sono benvenuti nel Partito Democratico, ma sono anche dominanti. Ma i leader di queste istituzioni non rappresentano più gran parte della loro base".

"Il senatore Schumer, il più alto rappresentante ebreo nella vita pubblica, ha riconosciuto questo divario nel suo discorso all'inizio di questo mese, quando ha detto - la frase più notevole del discorso - che ‘può capire l'idealismo che ispira tanti giovani, in particolare, a sostenere una soluzione con un solo Stato’".

Una soluzione - per dirla senza mezzi termini - che non prevede uno "Stato sionista": "Queste sono le parole di un politico che capisce che il suo partito sta subendo un profondo cambiamento".

Il numero dei “cambiamenti” nei più giovani è maggiore di quanto molti riconoscano, soprattutto tra i Millennial e la Generazione Z; e questi ultimi si stanno unendo a un movimento di solidarietà con la Palestina che sta diventando sempre più ampio, ma anche più radicale. “Questo crescente radicalismo ha prodotto un paradosso: è un movimento che accoglie sempre più ebrei americani – ma di conseguenza trova più difficile spiegare dove gli ebrei israeliani si inseriscono nella sua visione di liberazione palestinese”, teme Beinart.

È per colmare questo golfo che l'amministrazione Biden ha assunto una posizione scomoda al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite questa settimana, quando gli Stati Uniti si sono astenuti da una "Risoluzione per il cessate il fuoco e la liberazione degli ostaggi".

La Casa Bianca intendeva che la risoluzione "affrontasse entrambe le direzioni", facendo appello agli ebrei americani (più anziani) che ancora si identificano sia come progressisti che sionisti, e - guardando dall'altra parte - facendo appello a coloro che vedono la crescente alleanza tra le principali istituzioni sioniste e il Partito Repubblicano come scomoda, perfino imperdonabile (e che vuole che i massacri di Gaza finiscano adesso).

Lo stratagemma della Risoluzione, tuttavia, non è stato ben ponderato (quest’ultima lacuna è diventata una sorta di abitudine della Casa Bianca). Il contenuto è stato mal rappresentato dagli Stati Uniti, che hanno dichiarato che la risoluzione era “non vincolante”. Il New York Times ha in realtà riportato in modo errato la risoluzione, affermando che "chiede" un cessate il fuoco. Non è così.

“Le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sono documenti giuridicamente vincolanti. Usano quindi un linguaggio molto specifico. Se il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite “chiede” che venga fatto qualcosa, ciò non avrà conseguenze reali. La risoluzione sulla quale gli Stati Uniti si sono astenuti “non ‘invita’ Israele o Hamas a farlo; o quello – Chiede loro di fare qualcosa”.

La strategia a due facce dell'amministrazione Biden è caduta, come prevedibile, tra due sgabelli: Come dice Beinart, "non è così semplice". Una risoluzione di facciata non risolverà il cambiamento strutturale in atto - Gaza sta forzando la questione. Gli ebrei americani che hanno dichiarato di essere sia progressisti che sionisti devono scegliere. E la loro scelta avrà enormi implicazioni elettorali in swing-states, come il Michigan, dove l'attivismo della sinistra americana potrebbe potenzialmente determinare l'esito delle Presidenziali.

La strategia delle Nazioni Unite di Biden probabilmente soddisferà pochi. I sionisti dell’establishment sono arrabbiati e la “sinistra” lo considererà un placebo. L’errata caratterizzazione “non vincolante”, tuttavia, farà infuriare gli altri membri del Consiglio di Sicurezza, che ora opteranno per risoluzioni ancora più dure.

Ancora più significativo, lo stratagemma ha mostrato a Netanyahu che Biden è debole. Lo scisma che si è aperto nel suo partito introduce una qualità di instabilità: il suo baricentro politico potrebbe spostarsi da una parte o dall'altra del partito, o addirittura servire a rafforzare i repubblicani che vedono la necessità di rispondere alle esigenze dei palestinesi attraverso gli "occhiali statunitensi", equiparandolo alla loro politica identitaria.

Netanyahu (più di chiunque altro) sa come agitare le acque.

Anche lo stratagemma delle Nazioni Unite ha suscitato un’apparente tempesta di fuoco in Israele. Netanyahu ha reagito annullando la visita a Washington di una delegazione di alto livello per discutere i piani di Israele per Rafah. Ha detto che la risoluzione “dà ad Hamas la speranza che la pressione internazionale gli permetterà di ottenere un cessate il fuoco senza liberare i nostri ostaggi”: “La colpa è di Biden” è il messaggio.

Poi Israele ha richiamato la sua squadra di negoziazione degli ostaggi dal Qatar, mentre 10 giorni di colloqui erano arrivati a un vicolo cieco, innescando uno scambio di accuse tra Stati Uniti e Israele. L’ufficio di Netanyahu ha accusato l’intransigenza di Hamas innescata dalla risoluzione delle Nazioni Unite. Di nuovo il messaggio: “I colloqui sugli ostaggi sono falliti; La colpa è di Biden’.

La Casa Bianca, secondo quanto riferito, vede la “tempesta di fuoco” piuttosto come una crisi in gran parte creata ad arte, sfruttata dal premier israeliano per la sua guerra alla Casa Bianca di Biden. Su questo il “Team” ha ragione (anche se c’è vera rabbia nella destra israeliana per la risoluzione che è vista come un tentativo di compiacere i “progressisti” (“Biden è da biasimare”).

Chiaramente, le relazioni stanno peggiorando: l’amministrazione Biden è alla disperata ricerca del rilascio degli ostaggi e del cessate il fuoco. Tutta la loro strategia dipende da questo. E le prospettive rielettorali di Biden dipendono da questo. Sarà consapevole che decine di migliaia di palestinesi a Gaza probabilmente moriranno di fame molto presto. E il mondo guarderà, ogni giorno, ogni notte, sui social media.

Biden è furioso. Dal punto di vista elettorale le cose non stanno andando bene per lui. Lo sa e sospetta che Netanyahu stia deliberatamente attaccando briga con lui.

Giusto per essere chiari: la domanda chiave è, chi sta leggendo correttamente la “conformazione politica del territorio” qui? Netanyahu ha molti detrattori – sia in patria che nel Partito Democratico degli Stati Uniti – ma durante i suoi 17 anni complessivi al potere, la sua sensibilità intuitiva per i cambiamenti all’interno della scena politica statunitense, il suo tocco di pubbliche relazioni e il suo senso dei sentimenti degli elettori israeliani, non sono mai stati stato in dubbio.

Biden vuole che Netanyahu sia rimosso dalla leadership. Questo è chiaro; ma a che scopo? La Casa Bianca sembra avere grandi difficoltà ad assimilare la realtà che, se Netanyahu se ne andasse, le politiche israeliane rimarrebbero in gran parte inalterate. Su questo punto i sondaggi sono inequivocabili.

L'irascibile e frustrato presidente della Casa Bianca potrebbe trovare in Gantz un interlocutore più morbido e disponibile, ma allora? Come potrebbe essere utile? La rotta di Israele è determinata da un enorme cambiamento nell'opinione pubblica israeliana. E non c'è alcuna "soluzione" pratica evidente per Gaza.

E forse Biden ha ragione nel dire che il battibecco di Netanyahu è artificioso. Come sostiene il principale commentatore israeliano Ben Caspit:

"Negli anni '90, dopo i primi incontri di un giovane Netanyahu con il Presidente degli Stati Uniti Bill Clinton, Clinton espresse sorpresa per l'arroganza di Netanyahu. Le relazioni con Clinton finirono male. Netanyahu perse le elezioni del 1999 e lo attribuì all'ingerenza USA.

"Quando Netanyahu è tornato al potere nel 2009, ha affrontato un altro presidente democratico, Barack Obama. Avendo imparato la lezione con Clinton, che era popolare tra il pubblico israeliano, Netanyahu ha trasformato il presidente americano in un sacco da boxe all'interno di Israele.

"Ogni volta che Netanyahu si bloccava nei sondaggi, iniziava uno scontro con Obama e risaliva", ha detto una fonte che ha lavorato con Netanyahu in quegli anni, parlando a condizione di anonimato. È riuscito a convincere il pubblico che Obama odia Israele e a posizionarsi come l'unico in grado di tenergli testa".

Il punto qui è che la sfida di Netanyahu a Biden potrebbe servire ad un altro scopo. In parole povere, le “soluzioni” del Team Biden per Gaza e la Palestina sono impraticabili – in termini di sentimenti israeliani di oggi. Venticinque anni fa, forse? Ma poi, la politica prevalente degli Stati Uniti di “rendere Israele sicuro” ha sventrato tutte le soluzioni politiche, compresa la creazione di due Stati.

Netanyahu promette (ancora) la “vittoria totale” di Israele su Hamas, anche se sa che sottomettere completamente il gruppo è impossibile. La soluzione di Netanyahu per uscire da questo paradosso è quindi “incolpare Biden” per aver impedito la vittoria di Israele su Hamas.

Senza mezzi termini, non esiste una soluzione militare facile per Hamas - non esiste affatto. Le storie israeliane sullo smantellamento di 19 battaglioni di Hamas a Gaza sono solo pubbliche relazioni che vengono date in pasto alla Casa Bianca che, a quanto pare, si fida della parola di Israele.

Netanyahu probabilmente sa che Gaza diventerà un’insurrezione incessante – e darà la colpa a Biden, che è già considerato il “sacco da boxe” per aver tentato di imporre uno Stato palestinese a un Israele riluttante.

Allo stesso modo, la Casa Bianca sembra aver interpretato male il “terreno” rispetto all’accordo sugli ostaggi, immaginando che Hamas non fosse serio nelle sue richieste. Quindi non ci sono stati negoziati seri; ma piuttosto, gli Stati Uniti hanno fatto affidamento sulle pressioni – utilizzando gli alleati per esercitare pressione e minacciare Hamas al compromesso attraverso il Qatar, l’Egitto e altri Stati arabi – invece di rispondere alle richieste di Hamas.

Ma la pressione diplomatica, com’era prevedibile, non è stata sufficiente. Ciò non ha cambiato le posizioni fondamentali di Hamas.

"Siamo drammaticamente bloccati. Non è una cosa da poco. C'è un divario sostanziale. Possiamo giocare a scaricabarile, ma questo non riporterà indietro gli ostaggi. Se vogliamo un accordo, dobbiamo riconoscere la realtà", ha dichiarato un funzionario israeliano, dopo il ritorno di Barnea e del suo team da Doha a mani vuote.

Avendo una certa esperienza diretta di questi negoziati, immagino che Netanyahu sappia che non sopravviverebbe politicamente al vero prezzo che dovrebbe pagare (in termini di rilascio dei prigionieri) per ottenere un accordo.

Quindi, in breve, lo scontro architettato con Biden sul "non voto" alla risoluzione del Consiglio di Sicurezza potrebbe essere visto più come una gestione da parte di Netanyahu delle irrealistiche (dal suo punto di vista) prescrizioni politiche di Biden, tratte da una realtà separata dall'odierna frenesia apocalittica israeliana della "Nakba".

Nel frattempo, Netanyahu radunerà le sue "truppe". Verranno esercitate pressioni dirette sulle potentissime strutture politiche filo-sioniste statunitensi, che - insieme alle pressioni autogenerate dai repubblicani e dai leader istituzionali democratici filo-sionisti - potrebbero riuscire a contenere il timbro crescente dei progressisti.

O almeno, queste pressioni potrebbero creare un contrappeso per costringere Biden a sostenere silenziosamente Israele (continuando ad armarlo) e anche ad abbracciare pubblicamente l'allargamento della guerra di Netanyahu come unico modo per ripristinare la deterrenza israeliana, dato che sa che le operazioni militari a Gaza non contribuiranno a ripristinare la deterrenza, né a portargli una "vittoria" israeliana.

A dire il vero, "Biden" si è messo in un angolo abbracciando una "barra politica" obsoleta di fronte a un panorama israeliano e regionale in rapida evoluzione, non più suscettibile di tali irrilevanze.

D'altra parte, Netanyahu sta giocando molto sul futuro di Israele (e degli Stati Uniti) e potrebbe perdere.


(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

 

 

 

Potrebbe anche interessarti

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino" di Clara Statello Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?  di Leonardo Sinigaglia Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite di Pasquale Cicalese L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE di Giuseppe Masala Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti