Alberto Bradanini - Terrorismo di stato, pace e giustizia: la questione palestinese e la semantica della "piccola politica"

Alberto Bradanini - Terrorismo di stato, pace e giustizia: la questione palestinese e la semantica della "piccola politica"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



Il linguaggio politico è progettato per far sembrare vera la bugia, rispettabile l’omicidio e dare una parvenza di solidità al puro vento (G. Orwell)



di Alberto Bradanini*
 

Possiamo anche non occuparci della guerra, ma è la guerra che si occupa di noi. A seconda dei criteri di riferimento, le guerre possono classificarsi in giuste, opportune e legali, o anche in un intreccio di tali aggettivazioni.

Il criterio della giustizia dipende dall’ideologia o etica di chi lo invoca, possiede un forte contenuto di soggettività e ad esso fa ricorso in chiave giustificativa chi usa la forza militare per combattere una presunta ingiustizia (termine questo anch’esso aperto a un labirinto d’interpretazioni). Il criterio dell’opportunità si caratterizza invece per una forte valenza politica: a un certo punto, secondo il ragionare di alcuni, la guerra emergerebbe come sola risoluzione di contenzioni altrimenti irrisolvibili. Il criterio della legalità, infine, sulla carta appare il meno incerto, il solo che possieda i contorni di una qualche riferibilità oggettiva: per il diritto internazionale, infatti, la guerra diventa legittima in due casi: a) quando è autorizzata dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite (evento invero assai raro); b) in caso di legittima difesa, ai sensi dell’art. 51 della Carta delle N.U., nel qual caso, per restare nel recinto della legittimità, la reazione deve rispettare i principi di moderazione e proporzionalità.

Sui teatri di guerra, alla violenza militare codificata dal diritto s’accompagna spesso un’altra pratica, il cosiddetto terrorismo, una pratica la cui nozione condivisa è tuttora assente tra le norme internazionali. Ciò che lo ha impedito (manca una convenzione in proposito), a dispetto dei tentativi susseguitisi nel tempo, sono state le contrapposte posizioni degli Stati Uniti – insieme ai paesi occidentali/europei, sempre chini agli ordini del padrone, e al principale alleato americano in MO, Israele – da una parte, e il mondo arabo-mussulmano dall’altra, su un aspetto fondamentale, l’inclusione o meno della nozione di terrorismo di stato. Tale ipotesi, infatti, sostenuta in particolare dai paesi arabi-mussulmani, aprirebbe la strada alla possibile incriminazione formale davanti alla Corte Penale Internazionale (per quella morale basta l’evidenza) anche dei citati paesi. È nella logica dell’evidenza che un atto di violenza diventa terrorismo quando è finalizzato a diffondere il terrore, uccidendo persone innocenti e distruggendo infrastrutture civili (diverse legislazioni nazionali, del resto, lo qualificano in questo modo). Ed esso è tale sia se commesso da gruppi armati mossi da ragioni politiche, religiose, etniche o altro, sia se i responsabili si trincerano dietro le insegne protettive di uno stato (apparati militari, servizi, polizia, etc.). Sempre di terrorismo si tratta!

Deve aggiungersi che rispetto alle azioni di gruppi armati l’attività terroristica risulta più efficace, violenta e sistematica quando è perpetrata da uno stato (basti pensare alle dittature argentina e cilena di Videla e Pinochet, e a quanto avviene ora a Gaza), poiché quest’ultimo dispone di armi, uomini e risorse tecnologiche assai più cospicue.

Quando a commettere atti di terrorismo è un gruppo armato, la reazione dello stato contro i colpevoli di terrorismo dovrebbe assumere i contorni di un’operazione chirurgica e rispettare le norme della civiltà giuridica, che rifugge dal medievale concetto di colpa collettiva e non cerca la vendetta trasversale. Inoltre, trattandosi di fenomeno politico, poiché il terrorismo non è un’attività di criminalità comune che punta all’illecito arricchimento, uno Stato degno di tal nome deve affrontare le radici del suo sorgere, mettendo a nudo i problemi che lo hanno generato. In Palestina, lo stato di Israele (e il suo protettore americano) si allontana dalla civiltà e si limita a copiare il terrorismo altrui, seguendo la pratica della disumanità e della rappresaglia persino contro bimbi, donne, anziani!

La reazione contro i colpevoli – siano essi movimenti sub-statuali o uno stato – deve rispettare la vita dei civili innocenti, per non diventare a sua volta terrorismo. Nel vivere civile, nessuno oserebbe sostenere il diritto della polizia a incendiare la casa di un assassino insieme alla sua famiglia, persino qualora fosse provato che egli si trovasse al suo interno.

Quando si cercano le cause remote di un conflitto, ingredienti religiosi, etnici ed economici si mescolano a quelli che coinvolgono gli interessi dell’impero (o imperi) di turno. Nel caso in esame, la questione palestinese è di una semplicità imbarazzante, a dispetto delle contorsioni di analisti che nel mondo intero sono alla vana ricerca di complessi contorni eziologici: vi è un popolo oppresso e un popolo oppressore, quest’ultimo libero di agire con la massima impunità perché sostenuto dalla più grande potenza militare del pianeta, gli Stati Uniti. Punto.

Ma, come ha rilevato dall’alto della sua venerando età persino l’ex segretario di stato americano H. Kissinger, uno dei più grandi organizzatori di colpi di stato mai apparsi sulla terra: essere nemici degli Stati Uniti è pericoloso, essere amici degli Stati Uniti è fatale. E i contorni della storia diranno se gli accadimenti che si svolgono oggi in Palestina/Israele non presenteranno il conto, tramutandosi nell’incipit di un declino strategico dello stato di Israele.

Quanto alla pace, se il suo perseguimento non si accompagna alla giustizia, affrontando gli squilibri sottostanti di sovranità e distribuzione della ricchezza, esso resta velleitario, mentre gli eventuali risultati raggiunti tendono a dileguare nel tumulto degli eventi.

Quando si getta uno sguardo sulla genesi e le responsabilità dei conflitti emerge inequivocabile che ad arricchirsi sono sempre alcuni gruppi di potere, sia nei paesi che li hanno iniziati o sono rimasti neutrali, sia in quelli che li hanno subiti. Una lunga schiera di analisti (v. per tutti Lindsay O’Rourke, Covert Regime Change, Cornell University, 2018) ripetono da anni con documenti e articoli/interviste (facilmente reperibili sul web) che a partire dal secondo dopoguerra i principali beneficiari dei conflitti sono stati gli Stati Uniti. Le ragioni sono note anche alle pietre e dunque prendiamo qui la libertà di non ripeterle. Nel mondo presente, essi costituiscono il supremo garante strategico-militare dell’egemonismo estrattivo, una plutocrazia bulimica che promuove i diritti umani bombardando popoli indifesi, esportando la democrazia con ordigni al napalm, diffondendo uno strumentale complesso di colpa olocaustico scontabile solo nell’eternità, imponendo la mistica di una cultura superiore, della patologia di una nazione da Dio voluta per governare un mondo irrequieto – al cui fine si renderebbero necessarie le 800 basi militari disseminate nel mondo – più altre perle di mitologica preminenza. Non si valuti tale affermazione sulla base di un pregiudizio antiamericano, poiché l’avversario – è bene ripeterlo a chiare lettere – non è certo il popolo americano, politicamente tra i più analfabeti del pianeta, ma la sua oligarchia plutocratica, predatoria e bellicista.

Nel suo libro magistrale (1984), George Orwell sostiene che la guerra non ha il fine di sconfiggere il nemico, ma di preservare la medesima struttura divisoria all’interno della società guerreggiante, vale a dire proteggere i privilegi dei ricchi e mantenere i poveri nella loro condizione, con l’aiuto dei ceti di servizio, politici, giornalisti e burocrati (esercito, forze dell’ordine, accademia e via dicendo), tutti compensati con onori, carriere e laute prebende. Pace e guerra, nell’intuito critico di Orwell, tendono a sovrapporsi, perdendo la loro caratteristica di contesti contrapposti, e diventano due profili di un medesimo destino, inquadrati nell’ontologia dell’immutabilità: il Ministero della Pace è incaricato di preparare la guerra, quello della Verità di fabbricare menzogne, il Ministero dell’Amore di praticare la tortura, quello dell’Abbondanza di rendere scarsi beni e servizi, in una distopia senza fine, riflettendo la nota trilogia ossimorica: la Pace è Guerra, la Libertà è Schiavitù, l’Ignoranza è Forza. Divenendo perenne, la nozione di conflitto cessa di essere tale e diventa guerra-pace, uno stato fusionale dove i contorni si perdono nella nebbia.

Non sono i popoli a voler le guerre, ma i governi. Secondo la narrativa giustificazionista dei ceti dominanti, in un sistema democratico i governi riflettano sempre il volere del popolo. In verità, la nostra democrazia è una mistica semiologica. Sono i governi a controllare i popoli, non viceversa. Pochi ma calzanti esempi: il 1.mo settembre 2022, il Ministro degli esteri tedesco, Annalena Baerbock, afferma: “anche se la maggioranza dei tedeschi è contraria all’invio di armi all’Ucraina, a noi non importa, lo facciamo lo stesso”. Qualche mese prima, l’ex cancelliera tedesca Angela Merkel – seguita poi dall’ex presidente francese, François Hollande, e dall’ex presidente ucraino, Petro Poroschenko – confessa candidamente che quando era alla guida della Germania aveva aderito agli accordi di Minsk 1 e 2 (2014 e 2015) solo per guadagnare tempo e prepararsi meglio alla guerra contro la Russia, il suo intento non era la soluzione della tragedia del Donbass, che se avesse ottenuto l’autonomia linguistico/culturale prevista nei citati Accordi – firmati anche dalla Russia! – sarebbe rimasto sotto sovranità ucraina, evitando al mondo la calamità della guerra.

Un filosofo del secolo scorso affermava che i conflitti armati finirebbero tutti e per sempre se venisse adottata la seguente norma costituzionale universale: “coloro che dichiarano una guerra devono recarsi essi stessi al fronte, insieme ai loro figli e parenti”. I potenti decidono le guerre, ma a morire è sempre la povera gente.

La piccola politica (quella dei nostri governi) si occupa di cose piccole, di una finta dialettica tra partiti che si caratterizzano solo per la diversa capacità d’intrattenimento serale. La grande politica invece vuole cambiare la società, si batte per la giustizia, il lavoro, la libertà dal bisogno, i servizi pubblici, l’emancipazione culturale, e sulla scena internazionale si oppone alla guerra, ai massacri, al colonialismo/neocolonialismo, lotta per l’emancipazione dei popoli, rispettandone i diritti e le diversità.

Uscire dalla servitù richiede consapevolezza e coraggio politico, un percorso irto di ostacoli, che non è dietro l’angolo. Negli anni della guerra fredda, quando l’Unione Sovietica era una potenza politica, militare e ideologica, era possibile dissentire, sui media e nelle piazze. Oggi, la Grande Menzogna prefabbricata non tollera l’ombra del dissenso. Per alcuni, si tratta di protervia di potere, l’opposizione essendo stata frantumata e resa innocua. Per altri, si tratta di un segnale di debolezza, l’ermeneutica da noi preferita. La speranza non è morta. I tempi non saranno brevi, ma c’è luce oltre l’orizzonte.

“Paura, dubbio e cautele di tipo ipocondriaco ci stanno chiudendo in una gabbia. Abbiamo invece bisogno del respiro della vita. Non v’è nulla di cui aver paura. Al contrario, il futuro ci riserva più ricchezza, libertà economica e opportunità di vita di quante non ne abbiamo mai godute in passato. Non v’è ragione alcuna per non sentirci audaci, aperti all’avventura, attivi e alla ricerca di tante possibilità. Là di fronte a noi, a bloccare la via vi sono solo alcuni anziani signori, stretti nei loro abiti talari, che hanno bisogno di essere trattati con un po’ di amichevole irriverenza e buttati giù come birilli”. Non sono queste parole di chi scrive, e a pronunciarle non è stato Marx o Lenin, ma John Maynard Keynes, il più grande economista liberale del XX secolo (scuola alla quale noi, pure, non apparteniamo), un uomo che si è battuto per un’economia etica e un benessere condiviso, sensibile ai bisogni primari degli uomini, il primo dei quali, sia per lui che per noi, resta la pace.


*L'articolo è stato pubblicato anche su La Fionda con il titolo: "Riflessioni su Guerra, Politica e Pace: un’analisi critica"

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti