Aleida Guevara: Iran, Libano e Siria unici paesi del Medio Oriente che difendono la causa palestinese

Aleida Guevara: Iran, Libano e Siria unici paesi del Medio Oriente che difendono la causa palestinese

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Aleida Guevara, figlia del comandante rivoluzionario argentino Ernesto Che Guevara, ha rilasciato un'intervista esclusiva alla catena libanese Al-Mayadeen , in occasione del 54esimo anniversario della cattura e del successivo assassinio di suo padre da parte delle truppe boliviane.

Nell'intervista, alcuni dei cui estratti sono stati pubblicati ieri, Aleida ha ricordato l'amore di suo padre per la Palestina, che visitò nel 1959. "Mio padre è sempre stato dalla parte delle nazioni oppresse", ha detto.

Ha notato che sia lei che suo padre considerano la Palestina non solo una nazione storica ma una causa importante, poiché ha contrastato il piano di Israele di colonizzare non solo il territorio palestinese, ma tutta l'Asia occidentale.

Ha ribadito che Iran, Libano e Siria sono gli unici paesi dell'Asia occidentale che difendono attivamente la causa palestinese e mantengono una posizione retta nei confronti della nazione oppressa della Palestina.

Ha evidenziato la posizione di solidarietà di Cuba nei confronti della Palestina e ha spiegato che l'isola, pur avendo una grande distanza geografica dalla Palestina, ha rotto tutte le sue relazioni diplomatiche con Israele nel 1973 in solidarietà con il popolo palestinese.

Aleida ha sottolineato che il popolo palestinese deve essere sostenuto a livello internazionale. "Dobbiamo combattere con loro fianco a fianco", ha sottolineato e citando il motto del Che che "la solidarietà non è solo l'atto di alzare la voce, ma anche venire in aiuto dei nostri compagni quando hanno bisogno di noi".

La figlia del Che elogia la fuga “eroica” dei 6 prigionieri palestinesi da un carcere israeliano

Riguardo ai sei prigionieri palestinesi evasi dal carcere di Gilboa, penitenziario di massima sicurezza del regime israeliano, il 6 settembre scorso, Aleida ha evidenziato l'"insolito eroismo" dei detenuti.

"Se vai nel sud del Libano, troverai resti di prigioni israeliane, dove puoi vedere con i tuoi occhi cosa significa una prigione israeliana, tanto meno una con misure di sicurezza estreme", ha aggiunto.

Ha precisato che l'azione dei prigionieri dovrebbe essere applaudita e difesa data la natura storica della loro lotta, specialmente nelle disumane condizioni carcerarie di Israele.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Covid 19: la situazione in Russia di Marinella Mondaini Covid 19: la situazione in Russia

Covid 19: la situazione in Russia

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Italia unico paese europeo con i salari minori rispetto al 1990 di Gilberto Trombetta Italia unico paese europeo con i salari minori rispetto al 1990

Italia unico paese europeo con i salari minori rispetto al 1990

I migranti in Libia: “Riportateci a casa” di Michelangelo Severgnini I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti