Siria e dintorni/Analista russo: La rottura fra Mosca e Assad sono fake news

Analista russo: La rottura fra Mosca e Assad sono fake news

 

Secondo Boris Dolgov ricercatore presso l'Istituto di studi orientali dell'Accademia Russa delle Scienze questa fake news è stata inventata per "creare difficoltà e seminare discordia tra le leadership russa e siriana"

Qualsiasi notizia su disaccordi tra la leadership russa e il presidente siriano Bashar Assad è una notizia falsa diffusa dall'opposizione radicale siriana che agisce all'estero, ha spiegato all'agenzia TASS il ricercatore senior presso l'Istituto di studi orientali dell'Accademia Russa delle Scienze Boris Dolgov.

 
"La falsa notizia che la leadership russa non è soddisfatta della leadership siriana e che ci sono alcuni disaccordi è una storia fasulla dell'opposizione siriana, vale a dire l'opposizione radicale che agisce dall'estero", ha spiegato Dolgov.
 
Secondo l'esperto, questa falsa notizia viene inventata per "creare difficoltà e seminare discordia tra la leadership russa e quella siriana".
 
In precedenza, alcuni rapporti dei media hanno affermato che Assad potrebbe essere estromesso nel prossimo futuro e questo problema sarebbe stato discusso tra Russia, Turchia e Iran. Nessuno dei due paesi ha confermato ufficialmente il rapporto.
 
L'esperto ha respinto questa speculazione come una notizia falsa, sottolineando che non c'erano problemi tra la leadership russa e siriana. Ha ricordato che la Russia sostiene la lotta della Siria contro i gruppi terroristici osservando che ciò soddisfa gli interessi di Mosca in quanto questi gruppi rappresentano una minaccia. "Pertanto, questa falsa notizia non è collegata alla situazione reale. Non può esserci alcun deterioramento della situazione in Siria in questo contesto", ha sottolineato.
 
La pandemia di coronavirus non sta esercitando un'influenza significativa sulla situazione interna in Siria poiché questo paese e il Medio Oriente in generale sono stati meno colpiti da questa situazione. 
 
Parlando di una minaccia rappresentata dal crescente numero di incursioni condotte da terroristi dello Stato islamico, Dolgov ha sottolineato che l'ISIS è stata eliminata come struttura militare e politica e che non ha più territori sotto controllo. "Ci sono piccole unità che si nascondono in aree difficili da raggiungere e ci sono cellule dormienti. A volte agiscono, e talvolta diffondono notizie false, in particolare, nei media statunitensi, al fine di giustificare la presenza delle truppe degli Stati Uniti in Siria. Ma qualsiasi maggiore influenza e inoltre la rinascita dell'ISIS è assolutamente esclusa ", ha ribadito.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa