Andrea Zhok - Letterina di Natale al Presidente Mario Draghi

Andrea Zhok - Letterina di Natale al Presidente Mario Draghi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

 

Onorevole Presidente, nella conferenza stampa del 22 dicembre lei, con riferimento alla sua affermazione di luglio scorso che introduceva il Green Pass come «garanzia di ritrovarsi tra persone che non sono contagiose» ha dichiarato: 

«La comunicazione sul Green Pass ha fatto stato di quelle che erano le conoscenze a quel momento. Sulla base di questo, quell'affermazione è giusta»

Ora, mi corre innanzitutto l’obbligo di segnalarle che questo non corrisponde a verità, visto che prima dell’implementazione del Green Pass si sapeva già benissimo (ci sono pubblicazioni scientifiche del periodo) che il vaccino non bloccava la trasmissione. Se questo è quanto il Comitato Tecnico Scientifico le ha riferito, forse sarebbe il caso di dismetterlo immediatamente in blocco, per manifesta incompetenza.

Ma tralasciamo questo punto, e fingiamo che sia vero e che quelle fossero le “conoscenze del momento”.

Ebbene, caro Presidente, mi faccia capire: 

tutta l’arroganza draconiana esercitata dal governo, gli obblighi feroci, i ricatti, le sospensioni dallo stipendio, le perdite del lavoro, e la caccia all’untore che avete scatenato erano dunque basati su informazioni che qualche mese dopo lei ammette serenamente essere state incerte e provvisorie?

Dunque, se tra qualche mese venissero fuori dati gravi per la salute degli italiani per i giochini col sistema immunitario che state facendo (dai cocktail di vaccini, alle reiterazioni delle inoculazioni: tutte cose per cui non c’è sperimentazione alcuna) dobbiamo aspettarci che lei tornerà in TV a spiegarci che le spiace tanto, ma che quelle erano “le conoscenze al momento”?

In sostanza lei ha ritenuto che una conoscenza scientifica recente, dichiaratamente instabile e in rapido divenire fosse la base legittima per le imposizioni destabilizzanti per il paese, la società e l’economia che sono state decise? Si rende conto che invece di preparare argini su vari fronti, vista la pluralità dei possibili scenari, avete giocato d'azzardo sulla pelle altrui?  

Non posso che augurarmi che lei, o almeno qualcuno dei membri del governo, abbia consapevolezza della gravità di questa posizione, in cui ogni principio di precauzione e ogni ragionevole (e documentabile) dubbio è stato calpestato, mettendo a rischio la salute pubblica e la funzionalità socioeconomica del paese.

 

Andrea Zhok

Andrea Zhok

Professore di Filosofia Morale all'Università di Milano

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO di Giorgio Cremaschi 28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'" di Marinella Mondaini Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Buoni a nulla di Alberto Fazolo Buoni a nulla

Buoni a nulla

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda di Giuseppe Masala "Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire di Antonio Di Siena Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA di Gilberto Trombetta VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo di Michelangelo Severgnini Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti